MENU

Carraro Group: la riconquistata solidità finanziaria

By at marzo 21, 2018 | 18:46 | Print

Carraro Group: la riconquistata solidità finanziaria

Dopo l’aumento di capitale per 54 milioni di euro realizzato nel 2017, per il quale ha ricevuto lo scorso febbraio il “Premio per la migliore strategia di utilizzo del mercato dei capitali”, in occasione dell’evento “Why do Italian companies go public? An empirical analysis of the period 2006-2016” organizzato da Equita spa, il gruppo Carraro, leader nei sistemi di trasmissione per veicoli off-highway e trattori specializzati, prosegue nel percorso di riorganizzazione e consolidamento della propria struttura finanziaria.

 

UN SUPERBOND PER LA RICERCA

Con l’obiettivo di ridefinire l’indebitamento ottenendo una maggiore flessibilità anche per sostenere i programmi di Ricerca e Sviluppo è stata deliberata l’emissione di un prestito obbligazionario fino a 180 milioni di euro, accompagnata da ottimi riscontri.

L’offerta, infatti, si è chiusa anticipatamente e sono state vendute 180.000 obbligazioni emesse da Carraro International SE e garantite da Carraro spa, con un valore nominale di 1.000 euro ciascuna a tasso fisso senior unsecured e data di scadenza 31 gennaio 2025.

«Aver chiuso in largo anticipo l’offerta delle nostre obbligazioni rappresenta l’ennesimo ottimo segnale di fiducia da parte del mercato nei nostri confronti – ha commentato Enrico Carraro, presidente del Gruppo –. Ora possiamo accelerare con ulteriore impulso i programmi di sviluppo previsti all’interno del Business Plan 2017-2021».

 

IL CONTRATTO DI FINANZIAMENTO PLURIENNALE CON BANCO BPM

Forte di un mercato che ha aperto il 2018 all’insegna dell’ottimismo, il Gruppo di Campodarsego (Padova) ha avviato anche un’altra operazione volta all’ottimizzazione della struttura finanziaria, per supportare ulteriormente i piani di sviluppo in essere ed accelerare al tempo stesso gli importanti programmi di R&D avviati negli ultimi anni.

Lo scorso 15 febbraio è stato sottoscritto il contratto di finanziamento pluriennale per un ammontare massimo pari a 100 milioni di euro tra il gruppo Carraro e Banco BPM.

Tale finanziamento, organizzato da Banco BPM, è strutturato in due linee di credito – una Term Loan Amortizing e una Revolving Credit Facility con scadenza nel 2023 – e prevede la possibilità per un numero limitato di banche di relazione di affiancarsi a Banco BPM.

 

FIDUCIA NEL FUTURO

«Abbiamo lasciato alle spalle uno dei periodi più complessi nella storia del nostro Gruppo – ha dichiarato Enrico Carraro (nella foto sopra) – e ora guardiamo al futuro con rinnovata energia forti delle azioni di riorganizzazione già intraprese. Gli ottimi riscontri che continuiamo a ricevere da parte dei principali player internazionali, inoltre, ci portano ad alzare lo sguardo ancora oltre nella logica di rinnovate partnership che ci consentiranno di approdare a nuove tecnologie e gamme prodotto».

 

L’INNOVAZIONE ALLA BASE DEL BUSINESS PLAN 2017-2021

Il Business Plan 2017-2021 presentato lo scorso settembre prevede tra le altre cose ulteriori 90 milioni di euro di investimenti in R&D nel quinquennio 2017-2021, che vanno ad aggiungersi ai 140 milioni di euro investiti in R&D negli ultimi anni, con il risultato di oltre 30 nuovi prodotti in uscita sul mercato, il bilanciamento della presenza del Gruppo all’interno delle aree geografiche emergenti (India, Cina, dove è stata realizzata una joint venture con il gruppo locale Shandong Juming Group, Sud America, Turchia e Russia) e il delinearsi di nuovi scenari tecnologici (soluzioni ibride ed elettriche).

 

© riproduzione riservata
 
 

 

Condividi

News

Related Posts

Comments are closed.

Processing...
Thank you! Your subscription has been confirmed. You'll hear from us soon.
Iscriviti alla newsletter di Meccagri
ErrorHere