MENU

Claas: i nuovi Nexos, binomio di potenza e maneggevolezza

By at giugno 6, 2017 | 11:30 | Print

Claas: i nuovi Nexos, binomio di potenza e maneggevolezza

Nati all’insegna della flessibilità d’impiego e di un sempre maggiore livello di specializzazione, i Nexos di ultima generazione ribadiscono l’interesse riservato da Claas al segmento dei trattori speciali, che vede negli ultimi anni la casa di Harsewinkel in fase di costante crescita sul mercato, con attese di ulteriore consolidamento.

E, autentico concentrato dei valori tipici del know-how di Claas applicato anche alla gamma vigneto-frutteto, la profondamente rinnovata serie di compatti Nexos è pronta a ribadire anche ad Enovitis in campo 2017 la sua notevole capacità di assecondare ogni esigenza della moderna attività vitivinicola e frutticola.

 

RINNOVATO DESIGN

Oggi infatti i suoi motori hanno guadagnato in potenza, le dimensioni si sono fatte sempre più ridotte ed è aumentata la maneggevolezza, con l’aggiunta di parecchie nuove caratteristiche in grado di incrementarne i livelli di versatilità e di comfort: il tutto rivestito da un rinnovato design, piacevole e al tempo stesso funzionale.

 

PER ESIGENZE ED ATTREZZI DIVERSI

Eclettica dunque per vocazione – ideale per l’utilizzo tra i filari ma anche nella manutenzione comunale – la rigenerata serie di questi trattori a carreggiata stretta si declina in una rosa di modelli diversi saliti oggi a cinque, per potenze massime che vanno dai 75 cavalli ai 103 cavalli dell’inedito modello 250, sul quale però la taratura raggiunge i 112 cavalli grazie al surplus di potenza erogato dal Claas Power Management per lavori alla presa di forza o a velocità di avanzamento che partono da 13 chilometri orari.

Risultato: circa il 10 per cento di energia e vigore in più rispetto ai predecessori.

 

IN TOTALE 14 VARIANTI MODELLO

Modelli offerti in tre allestimenti – VE (progettato per muoversi agilmente tra i filari stretti), VL (per filari larghi) e F (per il frutteto classico, ma anche per i lavori di movimentazione e manutenzione aziendali) – che prevedono altrettante differenti larghezze minime totali, pari rispettivamente ad un metro, 1,26 metri e 1,45 metri.

Ben 14 nel complesso (il top di gamma è disponibile solo in allestimento VL e F), insomma, le varianti modello annoverate dalla nuova famiglia Nexos, fornita per giunta in versione piattaformata con arcone di protezione ripiegabile o con cabina, con possibilità di scelta fra i più svariati equipaggiamenti e con ampio assortimento di trasmissioni e di pneumatici.

 

MOTORI FPT 4 CILINDRI DA 3,4 LITRI EMISSIONATI STAGE IIIB/TIER 4 INTERIM

Quanto alle aggiornate motorizzazioni, a muovere i Nexos sono gli efficienti e compatti propulsori Fpt Industrial a quattro cilindri da 3,4 litri di cilindrata, con turbocompressore, intercooler ed iniezione elettronica Common-Rail – in grado di sviluppare una coppia massima compresa tra i 309 Newtonmetri del Nexos 210 ai 440 Newtonmetri del modello 250 – emissionati Stage IIIB/Tier 4 interim: un traguardo conseguito, nonostante la compattezza dei motori, grazie al ricorso ai più moderni sistemi quali filtro antiparticolato, catalizzatore e ricircolo esterno e raffreddato dei gas di scarico.

 

DUE MEMORIE REGIME MOTORE

E si tratta di motori in grado adesso di offrire di serie anche una memoria dei giri del motore (una seconda è disponibile in opzione), che possono essere adattati premendo semplicemente un pulsante, e di assicurare, sul fronte manutenzione, più lunghi intervalli per la sostituzione dell’olio motore (600 ore anziché le precedenti 500).

 

AMPIA SCELTA DI TRASMISSIONI, CON UNA NEW ENTRY

Ad esaltare la versatilità, poi, provvedono oggi i ben cinque tipi di trasmissione disponibili: ai quattro già presenti sulla precedente generazione di Nexos – 12av+12rm con inversore meccanico, 24av+24rm con inversore e doppiatore meccanici, 24av+24rm con inversore meccanico e doppiatore sotto carico Twinshift, 24av+12rm con inversore idraulico Revershift e doppiatore Twinshift – si è infatti aggiunta la nuova trasmissione meccanica con 24 marce in entrambe le direzioni in combinazione con inversore Revershift e doppiatore meccanico.

 

PENSATI PER SPAZI RISTRETTI

Nexos F: larghezza a partire da 1,45 metri.

 

Ma, come detto, i rinnovati specialisti di Claas sanno ben coniugare potenza, piccole dimensioni e agilità. E, per disimpegnarsi al meglio tra i filari, hanno accolto un affusolato telaio anteriore e i nuovi cofani “a vita di vespa” – mutuati dai trattori del marchio tedesco di grandi dimensioni – che conferiscono superiori doti di manovrabilità e scioltezza in fase di sterzatura, con raggi di volta decisamente contenuti (3,37 metri per la versione VE e 3,50 metri per i Nexos VL e F).

Nexos VL: larghezza a partire da 1,26 metri.

 

Cofani interamente riprogettati, con profilo ridotto di ben 88 millimetri, ai quali si abbinano pneumatici maggiorati di 55 millimetri, che consentono una più ampia superficie di appoggio a terra in favore di superiori prestazioni.

 

AUTOMATISMO DOPPIA TRAZIONE

Anche la trazione integrale – fornita, a richiesta, con nuovo sensore di sterzatura governato da una centralina dedicata e attivabile, al pari del bloccaggio del differenziale, con la semplice pressione di un pulsante – permette di gestire in automatico le quattro ruote motrici e, per garantire una maggiore sicurezza su strada, viene inserita automaticamente in fase di frenata.

Un passo ottimizzato, una migliorata distribuzione dei pesi e una considerevole forza di sollevamento, inoltre, fanno dei nuovi Nexos trattori in grado di trainare e alzare anche attrezzi molto pesanti.

 

PIÙ POSSIBILITÀ DI ACCOPPIAMENTO

Particolarmente interessanti, in tal senso, le nuove dettagliate soluzioni offerte dagli attacchi posteriori e frontali in vista di una maggiore flessibilità: vedi, tra l’altro, in aggiunta agli innesti dei distributori posizionati centralmente sul trattore, le ulteriori connessioni idrauliche disponibili, su tutti i modelli, direttamente sul sollevatore frontale, per una migliore gestione delle attrezzature e un ritorno libero.

 

SOLLEVATORE ANTERIORE CON PRESA DI FORZA ANTERIORE INTEGRATA

Sul versante della presa di forza – quella posteriore, al fine di mettere a disposizione il regime adatto per ogni applicazione, offre tre velocità: 540, 540/540 Eco o 540/1000 (per impieghi speciali è disponibile anche una presa di forza proporzionale) – va segnalato che, in alternativa alla Pto anteriore classica da 1000 giri al minuto, per i nuovi specializzati di Claas è prevista una inedita Pto anteriore 540 Eco che mette a disposizione tutto il regime già a 1650 giri motore al minuto.

 

GRANDE POTENZA IDRAULICA IN POCO SPAZIO

Forti della loro ingente portata idraulica, poi, gli specialisti firmati Claas risultano indicati anche per attrezzi portati o per combinazioni di attrezzi con grandi esigenze: il generoso impianto idraulico infatti, caratterizzato da circuiti separati per distributori e sollevatore posteriore, ha una portata pari a 60 oppure a 87 litri di olio al minuto, di cui 27 sono destinati ad alimentare il sollevatore posteriore – gestibile meccanicamente oppure, a richiesta, con comando elettro-idraulico Tce 6 e capace di sollevare fino a 3,1 tonnellate – e 60 sono al servizio dei quattro distributori meccanici, di cui uno con regolazione del flusso.

Per una più completa gestione, inoltre, si può optare per l’allestimento con quattro distributori elettroidraulici, dotati di serie di temporizzatore e regolatore di flusso, comandati tramite joystick Electropilot e due levette indipendenti posizionate sulla consolle.

 

ELEVATO COMFORT IN CABINA

Sale naturalmente, rispetto alla precedente generazione degli speciali di Claas, anche il livello di comfort elargito dai nuovi Nexos: la panoramica cabina, grazie alla riduzione volumetrica del tunnel della trasmissione, ha infatti acquistato ulteriore spazio per l’operatore.

La disposizione ergonomica e chiara degli elementi di comando, associata al display digitale a colori collocato sul cruscotto, consente come sempre una guida facile e intuitiva dei Nexos, che oggi offrono di serie anche un passaggio cavi verso il ponte anteriore, permettendo così di gestire gli attacchi frontali direttamente dalla cabina.

 

FILTRO AL CARBONE ATTIVO PER UNA MAGGIORE PROTEZIONE

Da citare infine il nuovo filtro al carbone attivo, disponibile dalla fabbrica, che, unitamente alla cabina a chiusura ermetica e alla potente ventilazione, protegge l’operatore anche in caso di prolungati interventi di distribuzione di antiparassitari.

 

© riproduzione riservata
 

 

vedi anche:

Claas: nuova generazione Nexos, sempre più specializzati

 

 

Condividi

Macchine Trattori ,

Related Posts

Comments are closed.

Processing...
Thank you! Your subscription has been confirmed. You'll hear from us soon.
Iscriviti alla newsletter di Meccagri
ErrorHere