MENU

Kuhn: innovazione nella fienagione

By at giugno 3, 2017 | 17:45 | Print

Kuhn: innovazione nella fienagione

Forte di una gamma completa che copre tutte le tappe del processo di produzione foraggera, dal taglio alla raccolta, Kuhn vanta da decenni una indiscussa leadership nel settore delle macchine per la fienagione, tradizionale core business aziendale.

Un ruolo di primo piano legittimato da un’offerta di attrezzature connotate da requisiti estremamente professionali, al servizio della fienagione praticata su estese dimensioni dalle grandi realtà aziendali, e da soluzioni tecniche marcatamente innovative.

 

PER UNA FILIERA LATTE DI QUALITÀ

Soluzioni mirate in primo luogo, attraverso la costante salvaguardia del valore energetico e delle proprietà organolettiche del fieno o dell’insilato, alla qualità e alla redditività del prodotto finale: un obiettivo, quello dei risultati economici raggiungibili da parte di un’azienda agricola, costantemente nel mirino della casa di Saverne.

E a questo obiettivo guardano naturalmente anche le proposte firmate Kuhn che sono entrate in azione durante la demo in campo organizzata il 18 maggio scorso presso l’azienda agricola cooperativa Il Raccolto di Sala Bolognese (Bologna) nell’ambito della manifestazione Nova Agricoltura in Fienagione, la prima edizione interamente dedicata all’innovazione nella fienagione per una filiera latte di qualità.

All’opera dunque sui terreni della cooperativa bolognese una pattuglia di modernissime soluzioni approntate da Kuhn per il taglio, lo spandimento, l’andanatura e la raccolta.

 

FALCIACONDIZIONATRICE TRIPLA

Sul primo fronte è scesa in campo, in rappresentanza della famiglia di falciacondizionatrici del gruppo francese, la combinata tripla composta dall’unità di taglio frontale FC 3125 DF-FF, con larghezza di lavoro di 3,10 metri, associata posteriormente al gruppo di taglio FC 8830, dotato di due barre falcianti da 3,10 metri ciascuna con distanza reciproca regolabile (da 30 a 50 centimetri) anche durante il lavoro, al fine di garantire sempre, nel massimo comfort per l’operatore, una corretta sovrapposizione.

 

PERFETTO ADATTAMENTO AL PROFILO DEL TERRENO

Le innovative cinematiche dei gruppi di taglio della falciacondizionatrice tripla di Kuhn – che consente di ottenere una larghezza massima di lavoro totale di  8,80 metri – rendono possibile arrivare ad una luce libera da terra di circa 70 centimetri, favorendo così il perfetto adattamento al profilo del suolo (sinonimo, oltre che di risparmio di carburante, di foraggio pulito, esente da contaminazioni con particelle di terreno) e l’ottimizzazione dell’accoppiamento al sollevamento anteriore del trattore.

 

ESCLUSIVE BARRE DI TAGLIO OPTIDISC

Equipaggiata con condizionatore a dita mobili in acciaio (azionato tramite la scatola del cambio, quindi senza cinghie, e facilmente e velocemente regolabile), la FC tripla, in vista del contenimento dei costi e dei tempi destinati alla manutenzione, è provvista anche di coltelli a sgancio rapido Fast-Fit e delle esclusive barre di taglio Optidisc, esenti da manutenzione, sulle quali i dischi sono montati con interassi differenziati: soluzione che agevola il flusso del foraggio tra i dischi convergenti ed incrementa la sovrapposizione tra quelli divergenti, migliorando la qualità del taglio.

 

SISTEMA DI SICUREZZA PROTECTADRIVE

Da segnalare inoltre, su ogni disco, il sistema di sicurezza Protectadrive, deputato a tutelare i componenti meccanici interni da impatti accidentali, mentre i deflettori laterali Flexprotect (richiudibili idraulicamente per passare in posizione di trasporto) garantiscono, grazie alla loro flessibilità, una lunga durata utile anche in caso di urto contro ostacoli.

 

SOSPENSIONE LIFT-CONTROL

All’alleggerimento delle unità falcianti provvede, poi, l’efficace sistema di sospensione Lift-Control, costituito da accumulatori idropneumatici in grado di assicurare una ridotta e uniforme pressione al suolo che limita l’assorbimento di potenza e l’usura delle slitte.

 

DEPOSITO IN ANDANA

Ulteriore prerogativa: sulla combinata tripla di Kuhn – le cui funzioni operative sono gestibili direttamente dalla cabina del trattore – la falciatrice frontale può depositare il flusso di foraggio sia in largo sia su andane con larghezza regolabile fino ad un minimo di 1,20 metri, così da adattarsi sempre alla carreggiata del trattore. Stesso dicasi per le due FC posteriori, che depositano il foraggio in largo oppure su andane di larghezza regolabile da 1,45 a 2,10 metri.

 

SPANDIVOLTAFIENO GF 13012

Elevato rendimento e minori tempi di essiccazione del foraggio, capovolto in modo uniforme su tutta la larghezza per una raccolta in condizioni ottimali, sono invece i principali vantaggi offerti dai nuovi spandivoltafieno GF 13012 e GF 17012 di casa Kuhn, dotati rispettivamente di 12 e 16 rotori e capaci di agevolare il lavoro in ogni situazione operativa.

 

ESCLUSIVO SISTEMA GSC

Questi due nuovi modelli – dalla larghezza di lavoro di 13 metri ma di soli 2,40 metri in configurazione di trasporto – dispongono infatti di caratteristiche esclusive, vedi in primo luogo il sistema GSC, grazie al quale ogni rotore si adatta singolarmente al profilo del terreno irregolare, mentre il set rotore può orientarsi indipendentemente dal telaio della macchina.

Va evidenziato anche il diametro ridotto dei rotori e il loro significativo angolo di incidenza, in favore di un efficace e veloce rivoltamento del foraggio e quindi di una sua superiore qualità.

 

LA SOLUZIONE PER LE SVOLTE A FONDO CAMPO

Le manovre e le inversioni, poi, sono rese più semplici dalla funzione idraulica di superamento dell’andana, utile per i mezzi giri a fondo campo e il sorpasso degli ostacoli: è sufficiente un tocco di pulsante in cabina per sollevare i rotori in pochi secondi, ottenendo un’ampia luce libera da terra che consente il passaggio anche su andane molto voluminose.

 

TRASMISSIONE A DITA MULTIPLE, AFFIDABILITÀ AL TOP

La regolazione centralizzata dell’angolo di attacco dei rotori, inoltre, si rivela funzionale alla protezione del tappeto vegetale, mentre il giunto Digidrive a dita multiple (altra esclusiva Kuhn) garantisce la massima affidabilità della trasmissione di questi spandivoltafieno.

 

GIROANDANATORE A POSA CENTRALE GA 13131

In evidenza durante la demo in campo di Bologna dedicata alla fienagione anche il flessibile giroandanatore a posa centrale a quattro rotori GA 13131 che, con una larghezza di lavoro regolabile tra 8,40 e 12,50 metri, risulta oggi il secondo più grande modello della specifica gamma Kuhn, alle spalle del GA 15131 connotato da una larghezza operativa variabile tra 9,50 e 14,70 metri.

 

COMPATIBILITÀ ISOBUS

Entrambi i nuovi andanatori ad alte prestazioni – che annoverano, tra l’altro, ruote di appoggio posizionate molto vicino alle forche (per un ottimo adattamento al profilo del terreno) e l’esclusivo sistema Stabilift che permette di bloccare i rotori in posizione di passaggio d’andana e per il trasporto, nonché treno di ruote dei rotori a quattro ruote pivottanti per un buon controllo del terreno in curva e negli angoli del campo minimizzando i danni al tappeto erboso – sono Isobus compatibili.

 

GESTIONE DALLA CABINA DI TUTTE LE FUNZIONI

Attraverso i terminali Isobus già presenti sui trattori, oppure tramite una centralina di controllo Kuhn (VT 50 o CCI 200), è pertanto possibile gestire dalla cabina, anche mediante joystick, tutte le funzioni della macchina, dal ripiegamento/apertura alle regolazioni della larghezza d’andana, della larghezza e dell’altezza di lavoro.

 

SEQUENZE DELLE MANOVRE PROGRAMMABILI

Per assicurare un maggiore comfort di guida durante le svolte e a bordo campo, inoltre, sono programmabili anche le sequenze delle manovre per dei comodi mezzi giri e, per la perfetta finitura del campo, i rotori (ognuno dei quali è ad azionamento idraulico) possono essere sollevati individualmente o simultaneamente.

 

FORMAZIONE DELLE ANDANE OTTIMIZZATA

A seconda della densità e della tipologia di foraggio, poi, dalla cabina è possibile accelerare il regime di rotazione dei rotori anteriori, allo scopo di formare andane voluminose e regolari che ottimizzano la catena di raccolta.

 

AGEVOLE TRASPORTO SU STRADA

Pur rientrando entro la sagoma stradale in virtù di un’altezza inferiore a 4 metri, il passaggio dalla posizione di trasporto a quella di lavoro sui nuovi andanatori di Kuhn viene effettuato senza alcuna manipolazione dei bracci o delle protezioni.

E, per incrementare ulteriormente il livello di comfort, sia in fase di trasporto sia in campo, sono disponibili su richiesta anche una telecamera e due fari a Led.

 

PRESSA QUADRA AD ALTA DENSITÀ LSB 1290 D

In primo piano infine a Bologna, grazie alla sua considerevole capacità operativa abbinata all’elevata affidabilità, la pressa LSB 1290 D, frutto dell’esperienza trentennale di Kuhn nell’ambito delle presse quadre ad alta densità.

 

PER LA PRODUZIONE DI BALLE 120X90

Idonea alla produzione di balle da 120×90 centimetri, la macchina è equipaggiata di rotore Integral Rotor con coclee laterali integrate, posizionato molto vicino al pick up, che alimenta la precamera Power Density nella quale il foraggio viene uniformemente distribuito dall’infaldatore prima di essere immesso nella camera di compressione vera e propria, della lunghezza di tre metri, dotata di espulsore per l’ultima balla e di sistema di ritenuta sul fondo per evitare la decompressione delle balle.

 

ALTA CAPACITÀ OPERATIVA

Si tratta di una soluzione che consente di ottenere balle di densità costante e perfettamente formate, considerando anche l’elevata capacità di compressione vantata dal pistone, guidato da quattro grandi cilindri idraulici (dimensionati ad hoc per garantire la massima durata in servizio), che comprime ogni tipo di foraggio ad un ritmo di 46 colpi al minuto.

 

DISPOSITIVO OMNICUT PER IL TAGLIO DEL FORAGGIO

In base alle diverse esigenze di utilizzo, la pressa quadra di Kuhn può essere provvista o meno di apparato di taglio OmniCut a 23 coltelli e, grazie al selettore idraulico e al telaio portacoltelli a cassetta, è possibile selezionare facilmente il numero di lame da azionare oppure eseguire velocemente e comodamente le operazioni di sostituzione degli organi di taglio.

 

MASSIMA SICUREZZA ED EFFICIENZA

Sia il sistema di alimentazione sia l’infaldatore, poi, sono protetti individualmente da una frizione a sgancio che, oltre a salvaguardare gli organi vitali, garantisce un rapido ripristino della macchina in caso di blocco (evitando le difficoltà correlate ai sistemi di sicurezza a bullone di trancio).

 

LEGATORI A DOPPIO NODO CON GESTIONE ELETRONICA

Tra i maggiori punti di forza della pressa LSB, comunque, spicca il suo legatore a doppio nodo con gestione elettronica e apparato di pulizia/ventilazione tramite ventole azionate idraulicamente.

Un sistema, quello di legatura a doppio nodo, che – sottolinea Kuhn – comporta l’importante vantaggio dato dall’assenza di tensione sullo spago durante le fasi di formazione e legatura della balla.

 

© riproduzione riservata
 

 

Condividi

Attrezzature

Related Posts

Comments are closed.

Processing...
Thank you! Your subscription has been confirmed. You'll hear from us soon.
Iscriviti alla newsletter di Meccagri
ErrorHere