MENU

Landini: a Fieragricola con tre anteprime mondiali di prodotto

By at gennaio 29, 2018 | 16:39 | Print

Landini: a Fieragricola con tre anteprime mondiali di prodotto

SPECIALE FIERAGRICOLA 2018

 

È sempre più definita l’identità di marchio in grado di conciliare al meglio secolare tradizione prestigiosa e forte immagine hi-tech che può vantare oggi Landini, forte di una gamma aggiornata nello stile e nella funzionalità, completa, performante e connotata da standard di comfort di altissimo profilo.

Risultato, questo, dell’intenso processo di ampliamento e di rinnovamento tecnologico ed estetico, espresso attraverso l’introduzione di specifiche tecniche particolarmente avanzate coniugate a linee rivisitate e accattivanti, che rappresenta ormai una realtà per l’intera offerta del costruttore di Fabbrico, dai trattori da campo aperto di tutte le fasce di potenza fino agli specializzati.

Un percorso evolutivo che è tuttavia ben lontano dal potersi ritenere terminato per Landini, come dimostra la sua presenza alle più recenti manifestazioni fieristiche di settore che continua a coincidere con l’esibizione degli ultimi frutti dei suoi corposi programmi di progettazione e di investimenti.

 

TRE IMPORTANTI NOVITÀ SUL PALCO VERONESE

Ed ora, in occasione dell’edizione 2018 di Fieragricola, il marchio emiliano si presenta all’appuntamento in grande spolvero lanciando in anteprima sotto i riflettori della rassegna veronese tre importanti novità riferite alla gamma specialistica e ai trattori del segmento utility.

 

ARRIVA IL REX 4 IN VERSIONE PIATTAFORMATA

Dopo l’apprezzatissimo debutto mondiale sul palco di Eima 2016 in versione cabinata, innanzitutto, si svela a Verona in versione con piattaforma la serie Rex 4 (nella foto sopra e in quella di apertura il modello 120 GB) – quarta generazione del rinomato specialista del lavoro in vigna e in frutteto della scuderia Landini – formata da esemplari davvero profondamente rigenerati tanto nel look quanto nei contenuti tecnico-funzionali, assolutamente emblematici della visione della casa di Fabbrico nei confronti dei trattori specializzati del futuro.

 

SEI LIVELLI DI POTENZA E QUATTRO VERSIONI

Rex 4 120 GT.

 

Equipaggiata dei nuovi brillanti e affidabili propulsori Deutz a quattro cilindri da 2,9 litri di cilindrata (TCD L4) emissionati Tier 4 Interim mediante l’azione congiunta di Egr e catalizzatore di ossidazione diesel (Doc), senza alcuna rigenerazione da filtro antiparticolato – dotati di sistema Engine Memo Switch che consente di memorizzare il numero di giri del motore, con facoltà di richiamare quello più idoneo alle esigenze delle operazioni in corso – la serie Rex 4 si articola in sei modelli che mettono a disposizione (a 2.200 giri al minuto) potenze comprese tra i 70 e i 112 cavalli.

Quattro gli allestimenti disponibili per il nuovo Rex 4 piattaformato: F (frutteto stretto, per lavorare in frutteti di piccole dimensioni), GE (frutteto basso, specifico per operare all’interno delle coltivazioni a tendone), GB (gran basso, che consente di passare agevolmente sotto i rami più bassi dei filari) e GT (frutteto largo, per un uso eterogeneo che comprende anche le applicazioni in campo aperto).

 

LOOK ACCATTIVANTE, MANEGGEVOLEZZA ED ELEVATA ERGONOMIA

Rex 4 120 GB.

 

Resta in primo piano la grande versatilità e maneggevolezza tipica di questi accreditati specialisti dei filari, combinata ad una grande affidabilità e ad un design aggressivo ed elegante che colpisce per le linee tese e dinamiche del cofano, con soluzioni in stile automotive (vedi, ad esempio, i gruppi ottici finemente integrati nella griglia frontale).

Ai vertici dell’ergonomia, poi, il comodo posto di guida, ottimizzato con soluzioni funzionali, comandi intuitivi e in grado di offrire un ampio spazio che permette all’operatore di far fronte in maniera professionale e sicura a tutte le necessità specialistiche.

 

TRASMISSIONE IMPLEMENTABILE

Rex 4 120 GT.

 

A potenziare l’efficienza del nuovo Rex 4 provvedono dal canto loro le innovative dotazioni previste da Landini per la trasmissione, un gruppo base meccanico proposto con quattro o cinque marce, dotato di inversore meccanico o idraulico, che può essere integrato in opzione da hi-lo (Power five) per raggiungere fino a 40+40 velocità. È disponibile con innesto elettro-idraulico, poi, la presa di forza a uno o due regimi di velocità, con o senza sincronizzazione.

 

MOLTEPLICI CONFIGURAZIONI IDRAULICHE

Rex 4 120 GB.

 

Altri tratti salienti dei Rex di quarta generazione, che ne esaltano efficacia e produttività, sono costituiti dalle molteplici configurazioni idrauliche, con portata totale di 82 litri al minuto in quella a doppia pompa, e dagli assali anteriori limited slip con raggi di sterzata ridottissimi, disponibili anche con freni.

 

SERIE 6H, LA NUOVA FAMIGLIA UTILITY PER ESIGENZE DIVERSIFICATE

Esordio veronese anche per l’inedita serie 6H (nelle foto sopra e sotto il modello 6-135H) – la nuova frontiera di casa Landini sul versante delle famiglie di trattori compatti da campo aperto – concepita per soddisfare le esigenze di svariate tipologie aziendali grazie alle rimarchevoli doti di versatilità operativa e flessibilità di impiego: indicata dunque per preparazione del terreno, semina, operazioni foraggere e fienagione, ma anche per trasporto su strada e attività aziendali più specialistiche, come lavori con caricatore frontale e attrezzature combinate.

Un ampio range di funzioni che i nuovi 6H sono in grado di svolgere mantenendo sempre un alto livello di comfort, contenuti tecnologici ed efficienza.

 

MOTORI DEUTZ A 4 CILINDRI DA 3,6 LITRI EMISSIONATI TIER 4 FINAL

A formare la nuova serie di utility firmata dal marchio emiliano sono tre compatti modelli – 6-115H, 6-125H e 6-135H – con potenze massime, rispettivamente, di 110, 119 e 126 cavalli, mossi da motori Deutz a quattro cilindri da 3,6 litri, common rail a gestione elettronica, emissionati Stage IV/Tier 4 Final (nella foto sopra).

L’ampia offerta sul fronte della trasmissione parte da una 12+12 con inversore idraulico per arrivare alla 48+16 con HML e super-riduttore.

 

SEIMILA CHILOGRAMMI DI CAPACITÀ PER IL SOLLEVATORE POSTERIORE

Conforme al regolamento europeo n. 167/2013 Cee (Mother Regulation) in materia di sicurezza, la nuova serie 6H, per quanto riguarda le prestazioni, vanta, tra l’altro, un sollevatore posteriore in grado di alzare 6.000 chilogrammi ed un impianto idraulico a centro aperto da 66 litri al minuto di capacità.

 

SOSPENSIONE A DUE PUNTI MECCANICI DELLA CABINA

Da segnalare, inoltre, la possibilità di montare pneumatici posteriori da 38 pollici (larghezza 540 millimetri), le frenature idrauliche rimorchio e la sospensione a due punti meccanici della cabina.

E, restando all’interno della cabina, radio bluetooth con microfono integrato, vano refrigerato e riscaldato, sedile a sospensione pneumatica e colonna di sterzo regolabile in altezza e inclinazione costituiscono altri plus in favore della produttività e del comfort, associati ad una console comandi appositamente studiata per garantire comodità, ergonomia e sicurezza operativa.

A completare il quadro, la predisposizione per i sistemi Isobus e di assistenza satellitare alla guida.

 

LA NUOVA SERIE 5, COMPATTA E POLIVALENTE

Terza novità assoluta in mostra presso lo stand allestito dalla casa di Fabbrico a Verona è rappresentata dalla compatta e polivalente serie 5 (nella foto sopra il modello 5-110), evoluzione della precedente serie 5D, composta da trattori che per merito di un passo di 2,36 metri e di un peso di 3.800 chilogrammi risultano ideali per tutte le attività tipicamente aziendali, coniugando capacità e maneggevolezza e annoverando soluzioni innovative accompagnate da una spiccata attenzione rivolta da Landini agli aspetti del comfort e della sicurezza.

 

TRE MODELLI, DA 98, 107 E 113 CAVALLI

Tre i nuovi modelli della serie 5, azionati da motorizzazioni Deutz da 3,6 litri, omologate in Stage IIIB/Tier 4 Interim attraverso il solo catalizzatore di ossidazione diesel (Doc), che erogano potenze di 98, 107 e 113 cavalli. Motori abbinati ad una trasmissione 12+12 con hi-lo (Power Four), HML (T-Tronic) e creeper opzionali, e con inversore meccanico o idraulico.

 

SOLLEVATORE POSTERIORE DA 4.750 CHILI, CONTROLLABILE DALL’ELS

Tra le prerogative di punta della nuova serie 5, il generoso impianto idraulico da 60 litri al minuto e il sollevatore posteriore, controllabile dall’ELS (Ergonomic Lift System), che offre una portata di 4.750 chilogrammi (disponibile, in opzione, il caricatore frontale).

 

GLI ALTRI MODELLI IN MOSTRA

Accanto alle anteprime, lo stand veronese di Landini ospita la serie 6C Tier 4 Final, la serie 4D con cabina (nella foto sopra) e la nuova serie 7 – declinata in cinque modelli a sei cilindri con potenze che spaziano dai 150 ai 225 cavalli – dotata di nuova trasmissione Robo-Six, con dispositivi Smart Auto Powershift, sistema Stop & Action e Engine Pedal Brake, e di una idraulica potenziata fino a 160 litri al minuto, nonché di sistema opzionale di sospensione della cabina Semi-Active Cab Suspension.

 

TRATTORI ALL’OPERA NEL DYNAMIC SHOW

Una partecipazione a Fieragricola 2018, quella dello storico marchio di Fabbrico, che non si limita all’esposizione statica della propria gamma: è infatti possibile vedere all’opera i trattori Landini, abbinati a diverse attrezzature, nel corso del Dynamic Show organizzato nelle aree esterne ai Padiglioni di VeronaFiere.

Di scena nell’area esterna C, inoltre, su uno spazio di 1.300 metri quadrati, le esibizioni del gruppo di stuntman Folco Team, famoso in tutto il mondo e collaboratore da anni di Argo Tractors in diverse manifestazioni: uno show fatto di inseguimenti e acrobazie mozzafiato dove gli indiscussi protagonisti sono moto, auto e, soprattutto, i trattori Landini.

 

Fonte: Argo Tractors
 

 

Condividi

Macchine Trattori , ,

Related Posts

Comments are closed.

Processing...
Thank you! Your subscription has been confirmed. You'll hear from us soon.
Iscriviti alla newsletter di Meccagri
ErrorHere