MENU

TradeMachines: lo sbarco in Italia

By at giugno 11, 2017 | 19:25 | Print

TradeMachines: lo sbarco in Italia

TradeMachines, rinomata piattaforma per l’e-commerce di macchinari industriali e agricoli usati, nata nel 2013 a Berlino e presente attualmente in 92 Paesi con 500 mila visitatori mensili, è pronta ad affrontare il mercato italiano.

«Da un lato – ha dichiarato Heico Koch (a destra nella foto sotto, con Klöckner), Ceo di TradeMachines – ci interessa la vocazione agricola e manifatturiera del Paese, dove sono presenti veri e propri distretti industriali e sistemi di produzione agricola e alimentare che ne fanno il target ideale per la nostra offerta. Dall’altro vogliamo cogliere il potenziale di sviluppo dell’e-commerce, che in Italia ha registrato crescite a doppia cifra negli ultimi due anni».

 

SU SCALA MONDIALE

«Avendo contratti con i principali fornitori di macchine vendute all’asta in tutto il mondo – ha aggiunto Koch, al cui fianco c’è Philipp Klöckner, uno dei principali esperti di Seo in Germania e in Europa, – TradeMachines trova in tempo reale le macchine industriali messe in vendita nei cinque continenti. I macchinari, classificati in base alla tipologia, sono acquistabili tramite un’asta o in modo diretto. In questo modo i consumatori non solo possono comparare i prezzi, ma anche avere accesso a un’offerta molto più ampia».

 

ISCRIZIONE COMPLETAMENTE GRATUITA

L’iscrizione alla piattaforma è completamente gratuita, sia per il venditore sia per l’acquirente. TradeMachines, infatti, non riceve percentuali per le transazioni poiché genera reddito reindirizzando i potenziali acquirenti ai siti web dei venditori, secondo il modello di business definito costo per clic (Cpc), usato per esempio per reclamizzare su Google.

 

NON SOLO AGRICOLTURA

Oltre a vendere macchine per il settore agricolo, TradeMachines copre anche i settori dell’edilizia, della lavorazione dei metalli e del legno e dell’industria agroalimentare, oltre che la compravendita di strumenti e macchinari più piccoli, come seghe per il legno, per il metallo e falciatrici.

«TradeMachines – ha concluso Koch – si posiziona oggi come modello di quella che viene definita seconda digitalizzazione del mercato: quella in ambiente B2B e non più solo B2C».

 

OLTRE UN MILIONE DI MACCHINE IN INVENTARIO

In soli tre anni TradeMachines, raggruppando il 40 per cento di tutte le macchine usate vendute all’asta in Europa e il 10 per cento di quelle in tutto il mondo, ha superato il milione di macchine in inventario, registrando nel biennio 2014-2016 una crescita del volume delle vendite del 40 per cdento e un aumento nell’ultimo semestre del 10 per cento del traffico di visitatori sul sito.

 

Fonte: TradeMachines
 

 

Condividi

News ,

Related Posts

Comments are closed.

Processing...
Thank you! Your subscription has been confirmed. You'll hear from us soon.
Iscriviti alla newsletter di Meccagri
ErrorHere