Agromeccanica italiana: fatturato a quota 11,5 miliardi di euro (+0,4%) nel 2020

Primo piano 29/07/2021 -

Dopo il blocco della produzione e il forte rallentamento dei mercati che ha caratterizzato la primavera 2020, l’industria italiana della meccanica agricola ha recuperato vigore mostrando nel bilancio 2020 una sostanziale tenuta, da ascrivere al favorevole andamento dell’agricoltura che, anche nell’anno della pandemia, ha mantenuto una buona produzione soprattutto per quanto riguarda i cereali (+1,9%) e ha registrato un incremento del valore aggiunto pari all’1,5%.

 

PRODUZIONE NAZIONALE DI TRATTRICI A QUOTA 1,78 MILIARDI DI EURO (+2,6%)

I dati sulla produzione italiana di macchine agricole – elaborati da FederUnacoma e diffusi nel corso dell’Assemblea annuale tenutasi lo scorso 19 luglio a Varignana (Bologna) – indicano per quanto riguarda le trattrici un lieve calo in termini di quantità (-6% in ragione di quasi 48 mila unità prodotte) e una crescita del 2,6% in termini di fatturato, che si attesta su 1,78 miliardi di euro.

 

PRODUZIONE NAZIONALE DI MACCHINE AGRICOLE IN LEGGERO CALO (-2,15), PER UN VALORE DI 5,13 MILIARDI DI EURO

Per quanto riguarda l’insieme delle macchine operatrici e delle attrezzature, il 2020 chiude con una produzione in peso di 648 mila tonnellate, per un valore di 5,13 miliardi, con un calo del 2% rispetto al 2019; mentre la produzione di trattrici incomplete e parti ammonta a quasi 901 mila tonnellate, per un valore di 934 mila euro, sostanzialmente in linea con l’anno precedente (-0,2%).

A questo fatturato si deve aggiungere il valore della produzione di componenti, stimata in 2,8 miliardi di euro (+1,6% rispetto all’anno precedente) e di macchine e attrezzature per il giardinaggio e la cura del verde, che raggiungono gli 850 milioni di euro con un netto incremento sul 2019 (+9%).

 

Il valore totale della produzione italiana è stimato pertanto in 11,5 miliardi di euro, che corrispondono ad un lieve incremento (+0,4%) rispetto all’anno precedente, un dato che la federazione dei costruttori italiani ritiene confortante anche perché associato ad una buona tenuta delle esportazioni in un anno caratterizzato da difficoltà anche nel trasporto e nello stoccaggio delle merci.

 

SUI MERCATI ESTERI IL 66% DEL FATTURATO

I dati Istat sul commercio estero relativi alle trattrici, alle trattrici incomplete e parti, ed alle altre macchine agricole indicano un valore pari a quasi 5,2 miliardi di euro, sostanzialmente in linea (-0,7%) con il risultato dell’anno precedente.

La quota della produzione destinata all’export raggiunge il 66% in valore, un dato in linea con la media degli ultimi anni che dimostra, a detta di FederUnacoma, una capacità di tenuta da parte dell’industria nazionale nonostante la crisi delle forniture causata dall’emergenza sanitaria.

 

BILANCIA COMMERCIALE IN ATTIVO PER OLTRE 3,8 MILIARDI DI EURO (+2,3%)

L’andamento delle esportazioni, combinato con la diminuzione delle importazioni nel corso dell’anno (-8%) comporta nel 2020 un attivo della nostra bilancia commerciale di oltre 3,8 miliardi di euro, con un incremento sull’anno precedente pari al 2,3%.

 

BOOM DELLE ESPORTAZIONI NEI PRIMI TRE MESI DEL 2021

Molto promettente appare, infine, l’anno in corso, poiché la generale ripresa del mercato spinge le attività commerciali con i Paesi esteri. I dati Istat sulle nostre esportazioni di trattrici e macchine agricole indicano complessivamente, nel primo trimestre 2021, una crescita in valore pari al 25,2%.

 

Fonte: FederUnacoma
Fonte immagine di apertura: Antonio Carraro
Fonte tabelle: FederUnacoma, Macchine per l’agricoltura – Andamento del settore 2020
 
 

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori
trattori breaking news