MENU

Carraro Tractors: ad ogni vigneto il “suo” trattore

By at Giugno 19, 2020 | 08:00 | Print

Carraro Tractors: ad ogni vigneto il “suo” trattore

Sempre all’altezza della sua reputazione di casa costruttrice di primo piano nel segmento dei trattori speciali divenuta un indiscutibile punto di riferimento per i professionisti delle colture specializzate, Carraro Tractors è da decenni in continua esplorazione di questo settore, arricchendo via via sempre più la sua offerta ad altissima vocazione specialistica di nuovi modelli e nuove opzioni.

Una riprova, questa, dell’attenzione prestata dall’azienda di Rovigo alle varie fasi di lavorazione e alle differenti tipologie di terreni e di impianti, allo scopo di garantire macchine davvero in sintonia con le specifiche esigenze operative all’interno di vigne e frutteti, in termini di dimensioni, geometrie, larghezze di lavoro tra i filari, altezza del trattore per le lavorazioni sotto pergola o chioma, come pure di configurabilità degli allestimenti e affidabilità delle prestazioni.

Macchine, insomma, capaci di garantire le migliori risposte a fronte delle diversificate condizioni in cui si sviluppa l’agricoltura specialistica, dalla pianura alla collina, dagli impianti a spalliera e a tendone fino a quelli a pergola, insediati per giunta su terreni di variabile consistenza.

 

LA SERIE AGRICUBE: SEI VERSIONI E TANTE VARIANTI PER UNA CONFIGURABILITÀ MOLTO SPINTA

Agricube FB 115

 

Ne fa fede, innanzitutto, superspecializzata ed espressamente dedicata all’impiego tra i filari, la serie Agricube IIIB di casa Carraro Tractors, costantemente ampliata e aggiornata nel tempo alzando sempre più l’asticella delle performance, del comfort e della semplicità d’impiego. Una gamma, derivata da un progetto altamente innovativo sia nel contenuto tecnologico sia nel design, che risulta particolarmente eclettica fin dalla attuale ricca disponibilità di configurazioni (ben 99) e di specifiche.

Sei le versioni principali, – Frutteto, Frutteto Largo, Frutteto Basso, Vigneto, Vigneto Largo e Vigneto Largo Basso – con motorizzazioni comprese tra i 75 e i 105 cavalli e larghezze che vanno da un minimo fuori tutto di un metro sulla versione Vigneto fino a 2,40 metri sul Frutteto Largo indicato per colture collinari, fienagione o altre applicazioni.

Versioni declinate per giunta in una ampia serie di varianti che contempla diverse lunghezze degli assali, possibilità di scelta fra allestimento con cabina o con piattaforma con arco di protezione anteriore abbattibile, differenti trasmissioni e, come detto, sempre più ricco assortimento di optional che spazia dai distributori elettroidraulici all’innesto automatico a frizione delle quattro ruote motrici, il quale, abbinato al sensore angolare di sterzata, consente svolte di fine filare sempre più strette.

 

TRASMISSIONI E ASSALI MADE BY CARRARO

Agricube VLB 105

 

Equipaggiata con assali e trasmissioni progettate e realizzate dalla casa madre Carraro, l’ultima generazione degli Agricube è mossa da motori FPT F34 a quattro cilindri e otto valvole, da 3.400 centimetri cubi di cilindrata, con turbocompressore, intercooler ed iniezione common-rail a gestione elettronica.

Motori conformi allo Stage IIIB/Tier 4 interim mediante un sistema di trattamento – che vede la compresenza di ricircolo dei gas di scarico raffreddati (EGR), filtro catalizzatore (DOC) e filtro antiparticolato (DPF) – in grado di esaltare brillantezza e performance del motore, posizionato fuori cofano e dal design completamente integrato nel veicolo, così da mantenere inalterate le caratteristiche di compattezza ed elevato comfort operativo che hanno decretato il successo di mercato della gamma Agricube, privilegiando in modo particolare la visibilità dal posto di guida, sia nelle versioni cabinate sia in quelle roll bar.

Da segnalare il controllo elettronico, con possibilità di settare due regimi di lavoro del motore, impostabili e richiamabili con la semplice pressione di un pulsante: una funzione molto utile in caso di operazioni ricorrenti.

 

DOPPIA OPZIONE PER IL CAMBIO

Agricube VL 115

 

Il propulsore FPT, in grado di assicurare una migliore distribuzione e ottimizzazione delle curve di coppia e potenza con un incremento delle stesse, opera in sinergia con due versioni di trasmissione a marchio Carraro.

Si parte da un cambio meccanico a quattro rapporti sincronizzati per le marce e tre gamme (lento-medio-veloce) per un totale di 24 marce in avanti ed altrettante in retro con hi-lo meccanico e inversore meccanico, mentre la versione più performante consiste in un cambio meccanico a quattro rapporti sincronizzati per le marce e tre gamme per complessivi 24 rapporti in avanti e 12 retro con hi-lo e inversore elettroidraulici (per le versioni Frutteto, Vigneto e Vigneto Largo è disponibile anche l’opzione 24 marce avanti e 24 in retro con hi-lo idraulico e inversore meccanico).

 

IMPIANTO IDRAULICO: ELEVATE PERFORMANCE CON DIVERSE POSSIBILITÀ DI PERSONALIZZAZIONE

Agricube V 105

 

Prestazioni di alto livello, in termini di agevole impiego e di ottimale rendimento delle attrezzature per i trattamenti e le lavorazioni tra i filari, vengono garantite poi dall’idraulica, che prevede diverse possibilità di personalizzazione ed è basata su due pompe indipendenti con portata massima di 97 litri al minuto (67+30 litri) o, in opzione, su una tripla pompa che eleva la portata fino a 127 litri al minuto complessivi.

Agricube VL 115

Proposti inoltre, nell’allestimento top, fino a quattro distributori elettroidraulici configurabili, controllati tramite joystick proporzionale (disponibili ventralmente poi quattro o sei prese rapide con scarico libero) e la gestione elettronica del sollevatore posteriore.

Un’ampia e articolata famiglia di specialisti dunque, l’Agricube IIIB, popolata da modelli che si sono rivelati realmente capaci di adattarsi alle specifiche esigenze di impiego in vigneti e frutteti, anche perché concepiti e sviluppati in collaborazione tra l’ingegneria Carraro Tractors e la propria rete di vendita, molto attiva nell’ascolto e nella condivisione delle effettive necessità degli utilizzatori finali.

 

VIGNETO LARGO BASSO, ANCHE IN ALLESTIMENTO CON CABINA “PERGOLA”: PIÙ COMPATTEZZA E COMFORT

Ad iniziare dalla versione più stretta dell’intera gamma particolarmente adatta ai vigneti collinari, la Vigneto, per procedere con il potente, affidabile e compatto modello a profilo ribassato Vigneto Largo Basso (VLB), dedicato alle lavorazioni sotto tendone o in pergola agevolate dalle performance di questo trattore a quattro ruote motrici: un modello che si caratterizza per l’assale anteriore a firma Carraro largo 1.155 millimetri, potendo così vantare un fuori tutto minimo di 1.350 millimetri (sia con le ruote da 20 pollici sia con quelle da 24 pollici), e proposto anche in allestimento con cabina “Pergola”, studiata per migliorare il comfort dell’operatore.

Agricube VLB 105 con cabina Pergola

 

Condizionata e riscaldata di serie, questa cabina garantisce infatti un’ampia visibilità grazie al vetro anteriore a doppia bombatura accoppiato ai montanti curvati, in favore di un facile e privo di danni passaggio tra la vegetazione.

 

VIGNETO LARGO: LARGHEZZA FUORI TUTTO INFERIORE  A 1.400 MILLIMETRI

Agricube VL 85

 

Destinato invece in particolare all’impiego nei frutteti e nei vigneti a spalliera ad alta densità, il modello Vigneto Largo (VL) si segnala, oltre che per la potenza, per una larghezza fuori tutto inferiore a 1.400 millimetri e per la confortevole cabina riscaldata/condizionata, in grado di offrire ottima visibilità ed ergonomia interna, con una larghezza abitacolo pari a 1.010 millimetri (idonea a permetterne il passaggio entro i filari senza danno per la vegetazione).

 

Equipaggiato di sollevatore e distributori a comando elettroidraulico, ed anche facile da manovrare ed estremamente agile nella sterzata, questo modello, come vale per il resto della famiglia Agricube, può essere provvisto di tutti gli accessori opzionali della casa costruttrice, configurabili al momento dell’ordine, in linea con la filosofia aziendale che mira ad offrire all’utilizzatore finale l’allestimento più adatto alle singole esigenze.

 

FRUTTETO E FRUTTETO BASSO: SPECIALIZZAZIONE ABBINATA A GRANDE POLIVALENZA

Agricube F 115

 

Altre macchina clou della famiglia di specialisti del brand “Carraro Tre Cavallini”, poi, il modello F (Frutteto), proposto anche con cabina da 1.200 millimetri: un tradizionale trattore da frutteto altamente versatile che, in virtù della propria compattezza e stabilità, ben si presta ad essere utilizzato anche per lavori aziendali, di movimentazione e di trasporto.

E il valente Frutteto Basso (FB), best seller di Carraro Tractors, destinato a soddisfare le richieste di chi opera in vigneti a tendone, serre, pergole, noccioleti, oliveti, aranceti e, in genere, nelle coltivazioni con alberi bassi (laddove le dimensioni sono determinanti ma vanno tenuti nel giusto conto anche peso e potenza della macchina).

Il compatto Agricube Frutteto Basso risulta infatti partner ideale di una agricoltura sempre più specializzata grazie al peso (2.600 chilogrammi) e al suo assetto ribassato abbinato ad una larghezza fuori tutto perfetta per le esigenze specialistiche.

Basti citare le dimensioni: un’altezza massima del cofano di soli 1.300 millimetri, 230 millimetri di luce libera dal suolo, una lunghezza fuori tutto di circa 3.800 millimetri ed una larghezza fuori tutto che va da 1.500 millimetri ad un massimo (con la ruota 440/65R24) di 2.000 millimetri.

 

NUOVO ASSALE ANTERIORE SOSPESO

Agricube VL 115

 

Da registrare, tra le novità in produzione dall’inizio del 2020, l’introduzione – sui modelli V/VL/F della serie Agricube IIIB – dell’assale anteriore sospeso mediante due cilindri idraulici con escursione totale di 80 millimetri.

Il funzionamento avviene secondo tre modalità selezionabili dalla cabina: in automatico e manuale (l’altezza della sospensione può essere regolata tramite un potenziometro tra lo 0 e il 100 per cento della corsa), con l’alternativa della disattivazione della sospensione e conseguente comportamento dell’assale come ponte rigido.

 

MANOVRABILITÀ E CAPACITÀ DI STERZATA ELEMENTI CHIAVE PER LA SERIE COMPACT

Compact V e VLB

 

Progettata e realizzata (con assali e trasmissioni Carraro naturalmente) presso lo stabilimento Carraro Agritalia di Rovigo, anche la nuova gamma speciale Compact si presenta come compagna ideale di una agricoltura sempre più specializzata, in quanto realmente capace di adattarsi alle specifiche esigenze di impiego in vigneti e frutteti.

Compact V

Contraddistinta da marcata capacità di sterzata e da dimensioni estremamente compatte – ma la dotazione di cui i trattori che la formano possono disporre risulta decisamente all’altezza di quella dei modelli di classe superiore – l’agile e versatile nuova gamma di Carraro Tractors annovera motorizzazioni Deutz, emissionate già in Stage V, che erogano potenze comprese tra i 61 e i 75 cavalli.

 

DUE VERSIONI, CON UNA RICCA DOTAZIONE IDRAULICA

Compact VLB

 

Due le esclusive versioni, entrambe di particolare interesse, della nuova gamma, che comprende nel complesso sei modelli (Compact 60 V, 70 V, 75 V, 60 VLB, 70 VLB e 75 VLB). La prima, Compact V, con la sua larghezza minima di appena 1.005 millimetri è stata concepita per un impiego ottimale all’interno dei più moderni impianti di vigneto coltivati con vitigni di altissima qualità a filari molto stretti.

 

COMPACT V, OTTIMALE CAPACITÀ DI SVOLTA NELLE MANOVRE

A caratterizzare questo nuovo modello dunque, anche grazie ad un passo estremamente contenuto – 1.800 millimetri contro i 1.900 delle altre versioni – è soprattutto la sua notevole capacità di svolta nelle manovre a fine filare, paragonabile a quanto è possibile con i trattori isodiametrici articolati, ma con il vantaggio di una più elevata trazione e di una maggiore stabilità con carichi trainati.

Compact V 75

 

La generosa idraulica rende inoltre il Compact V particolarmente adatto alle coltivazioni a forte meccanizzazione, contribuendo ad esaltare le prestazioni e le prerogative professionali di questo trattore.

 

COMPACT VLB, PER OPERARE IN SPAZI ANGUSTI

Il secondo modello, il Compact VLB, è stato invece progettato per operare in impianti a tendone, pergola e semipergola grazie al suo baricentro marcatamente basso.

Un requisito che consente al trattore di vantare sia un posto di guida ribassato sia un cofano posizionato ad un livello inferiore rispetto alle altezze medie del settore. E il passo corto, abbinato ad un attento studio degli ingombri di sterzata, conferisce anche a questo modello estrema maneggevolezza e precisione nelle operazioni di svolta a fine filare.

Compact VLB

 

Da evidenziare, poi, la possibilità di modulare l’altezza dei parafanghi in funzione della misura delle ruote (da 20 o da 24 pollici).

Prerogativa comune ad entrambe le versioni Compact la possibilità di essere configurate con tre diverse trasmissioni: un cambio 12+12 con inversore sincronizzato, un 24+24 dotato di inversore e Hi-Lo sincronizzati ed un gruppo 24+12 con inversore e Hi-Lo elettroidraulici. L’idraulica, poi, è affidata ad un impianto a doppia pompa, con portata da 50 più 30 litri al minuto, mentre la capacità massima del sollevatore posteriore a controllo elettronico ammonta a 1.800 chilogrammi..

 

 
© riproduzione riservata
 
 

 

Macchine Trattori ,

Related Posts

Comments are closed.