MENU

Cema: attrezzature agricole in netto recupero

By at aprile 19, 2018 | 17:48 | Print

Cema: attrezzature agricole in netto recupero

Nel corso del 2017, sulla scia di quello che è avvenuto per i trattori, i mercati europei delle attrezzature agricole hanno recuperato il crollo degli anni precedenti facendo registrare un andamento positivo.

Stando a quanto si legge nel resoconto dei gruppi di prodotto Attrezzature del Cema, il Comitato che riunisce le principali associazioni europee di costruttori di macchine agricole, il trend al ribasso dei quattro anni precedenti si è concluso in particolare per quel che riguarda i settori della semina, della fertilizzazione e della protezione delle piante. A sua volta, il segmento della lavorazione del terreno, che già nel 2016 aveva manifestato una debole tendenza al miglioramento, è tornato nuovamente al livello dei tre anni precedenti.

 

VENDITE A QUOTA 3,34 MILIARDI DI EURO

Secondo le stime provvisorie, il volume delle vendite nel 2017 ha raggiunto all’incirca i 3,34 miliardi di euro, con un aumento del 10 per cento rispetto al 2016. E l’elevato numero di commesse acquisite dalle aziende fa prevedere un’ulteriore tendenza al rialzo per l’anno in corso, almeno per quel che riguarda i primi sei mesi.

«L’Europa orientale continua ad esprimere una forte domanda di attrezzature per la lavorazione del suolo, come pure di seminatrici, spandiconcime e macchine per la protezione delle piante. A livello europeo, i mercati in crescita di Romania e Ucraina e, non ultimo, il mercato in ripresa della Polonia  hanno compensato la perdurante debolezza del mercato francese»,  ha fatto presente Nina Janßen, coordinatore dei tre gruppi di prodotto Attrezzature del Cema che, su invito della società francese Sulky-Burel, si sono riuniti lo scorso marzo a Chateaubourg, in Bretagna.

In quell’occasione le società Köckerling e Kerner sono entrate a far parte come nuovi membri dei gruppi Attrezzature per la lavorazione del terreno e Seminatrici.

Il nuovo segretario generale del Cema Jérôme Bandry partecipando per la prima volta alle riunioni dei gruppi di prodotto ha dichiarato: «Sono particolarmente lieto di acquisire una conoscenza più approfondita dei mercati delle attrezzature agricole e di valutare le tendenze chiave con i i protagonisti del settore sulla base e nel più rigoroso rispetto di statistiche dedicate».

 

NUOVI PRESIDENTI PER DUE GRUPPI DI PRODOTTO

Conformemente al programma, si sono svolte nuove elezioni in due gruppi. Elke Pankow (Rauch Landmaschinenfabrik GmbH, Germania) è stata nominata presidente del gruppo Attrezzature per la semina e la fertilizzazione, mentre Peter Henrik Dahl (Hardi International A/S, Danimarca) è il nuovo presidente del gruppo Attrezzature per la protezione delle piante. I due succedono rispettivamente a Massimo Bergo (Maschio Gaspardo SpA, Italia), che dopo due mandati non poteva più essere rieletto, e a Christoph von Stark (Horsch Maschinen GmbH, Germania).

Jérôme Bandry ha ringraziato i due presidenti uscenti per il grande impegno e il positivo sviluppo dei due gruppi di prodotto.

Nel gruppo Attrezzature per la lavorazione del terreno il presidente in carica Mattias Hovnert (Väderstad AB, Svezia) è stato rieletto all’unanimità per un secondo mandato.

 

GRANDI POTENZIALITÀ PER L’AGRICOLTURA DIGITALE

Elke Pankow ha affermato che, a suo avviso, lo sviluppo futuro del mercato sarà meno legato alle maggiori dimensioni delle attrezzature, alle larghezze di lavoro e ai volumi. Ci sarà invece un enorme potenziale per l’innovazione e l’economicità, attraverso l’impiego di soluzioni elettroniche e digitali per un’applicazione efficace ed ecocompatibile.

Sulla stessa linea, Peter Henrik Dahl ha definito le tecnologie collegate all’agricoltura digitale l’aspetto più importante per l’evoluzione del settore. Mattias Hovnert, a sua volta, ha sostenuto che questo trend riguarderà in modo particolare i mercati in crescita dell’Europa orientale, dove per ragioni strutturali vengono vendute macchine di maggiori dimensioni rispetto a quanto avviene nell’Europa occidentale o centrale.

 

Fonte: Cema
 

 

Mercati ,

Related Posts

Comments are closed.

Processing...
Thank you! Your subscription has been confirmed. You'll hear from us soon.
Iscriviti alla newsletter di Meccagri
ErrorHere