Claas: nuova Disco 1010, la più larga falciatrice senza bracci telescopici sul mercato

Attrezzature 15/09/2022 -

Già ricca e articolata, la rinomata serie di falciatrici Disco di Claas, tra i fiori all’occhiello all’interno della gamma di macchine per la fienagione firmata dal costruttore tedesco, conosce oggi un ulteriore ampliamento, nell’ambito dei modelli dedicati alle grande estensioni privi di condizionatore, con l’introduzione, accanto alle nuove Disco 8300 Trend e 9500 Trend, dotate di larghezze di lavoro 8,10 – 8,30 e 8,90 – 9,10 metri, della Disco 1010.

 

CON LARGHEZZA DI LAVORO DA 9,70 A 9,90 METRI, PROPOSTA NELLA DOPPIA VERSIONE TREND E COMFORT

Con questo nuovo modello, caratterizzato da una larghezza operativa che va da 9,70 a 9,90 metri, Claas ha lanciato la falciatrice a dischi portata senza bracci telescopici più ampia attualmente sul mercato, proposta, oltre che in versione Trend, nella variante Comfort, con impianto idraulico load-sensing, tecnologia ISOBUS con terminale Cemis 700 (o terminali ISOBUS alternativi) e sollevamento individuale delle unità di serie.

L’unita falciante delle nuove Disco è sospesa sui bracci nel baricentro, il che consente una traiettoria ottimale sul terreno con la massima distanza dal suolo durante il sollevamento, ma anche un trasporto su strada particolarmente compatto e sicuro, grazie all’esclusivo sistema di ripiegamento vettoriale presentato da Claas per la prima volta nel 2021 sulla falciatrice Disco 4400 Contour.

 

ELEVATE PRESTAZIONI, MASSIMA EFFICIENZA OPERATIVA E PROTEZIONE DEL SUOLO

Caratteristica che ora viene ripresa anche sulla nuova Disco 1010, progettata per dar vita ad una falciatrice ad alto rendimento senza condizionatore ed in grado di combinare massima qualità di taglio con elevata efficienza operativa: una falciatrice che, forte della sua ampia larghezza di lavoro che sfiora, come visto,  i 10 metri – modificabile  mediante due posizioni di regolazione sui bracci – e della bassa potenza richiesta (permette infatti di lavorare e muoversi in sicurezza anche con trattori leggeri a quattro cilindri da 150 cavalli), comporta un minor numero di passate con possibilità di eseguire la falciatura in modo più efficiente e con minori danni al terreno rispetto al passato.

Sulla nuova grande falciatrice di casa Claas telaio principale e testata sono stati profondamente riprogettati, con la trasmissione principale leggermente spostata verso la parte posteriore e i rinvii angolari, rivolti verso le barre di taglio, inclinati di 2 gradi, il che garantisce un lavoro degli alberi di trasmissione in linea retta, riducendo il livello di rumorosità e l’usura. Le staffe smussate delle barre di attacco inferiori, inoltre, facilitano l’aggancio guidando i ganci del sollevatore del trattore. Da notare poi la dotazione, di serie su questa offerta di falciatrici del marchio tedesco, di innesti idraulici Kennfixx antiscivolo, codificati a colori.

 

ROBUSTA BARRA MAX CUT A LUBRIFICAZIONE PERMANENTE

Ad assicurare qualità di taglio ottimale, con un funzionamento estremamente fluido, provvede la robusta barra falciante Max Cut a lubrificazione permanente, imbullonata e resistente alla torsione, affermata con successo sul mercato dal 2014, che, grazie alla speciale forma a onda della piastra di base monoblocco, realizzata con un profilo d’acciaio da 5 millimetri di spessore, e ai pignoni montati molto in avanti, consente un’ampia copertura di taglio e, unitamente alle slitte, facilita la rimozione dello sporco.

Sulla Disco 1010 ogni piattaforma di falciatura è dotata di nove dischi controrotanti (sette sulla Disco 8300 e otto sulla Disco 9500) la cui spaziatura uniforme garantisce un disegno di taglio uniforme.

 

NUOVI PATTINI DA 15 MILLIMETRI PER UN MINORE INGRESSO DI CENERE GREZZA E UNA RICRESCITA PIÙ RAPIDA

Grazie alle nuove slitte di usura poi, che permettono di aumentare l’altezza di taglio di 15 millimetri, è possibile ridurre l’apporto di cenere grezza e allo stesso tempo accelerare la ricrescita. Appositamente temprati, i pezzi intermedi hanno una forma diversa per i dischi di falciatura, che convergono e divergono per consentire sia un taglio efficace come contro-lama sia una sovrapposizione massima e quindi un flusso ottimale del raccolto, mentre i rivetti antiusura sui dischi di falciatura e il rivestimento in carburo di tungsteno sui portalame assicurano tempi di manutenzione ridotti.

Altra interessante dotazione di serie è rappresentata dal modulo di sicurezza Safety Link, che funziona con un punto di rottura predeterminato su ogni disco di falciatura, separando il disco di falciatura stesso dalla trasmissione nel momento in cui dovesse entrare in contatto con un oggetto estraneo.

 

MASSIMA EFFICIENZA OPERATIVA GRAZIE AD UNA VELOCITÀ RIDOTTA DELL’ALBERO CARDANICO DI 850 GIRI AL MINUTO

Fondamentale ai fini della massima efficienza operativa vantata dalle nuove falciatrici Disco risulta inoltre la ridotta velocità ridotta della barra di taglio Max Cut, che può essere azionata con una velocità della presa di forza di 850 giri al minuto, così da consentire, specifica il costruttore tedesco, un risparmio di gasolio che arriva fino al 20 per cento.

Una ulteriore ottimizzazione dei processi è poi possibile utilizzando il sistema di autoapprendimento per trattori Cemos abbinando la falciatrice Disco 1010 ai trattori Claas Arion e Axion equipaggiati di trasmissione a variazione continua CMatic.

 

SOSPENSIONE CENTRALE ACTIVE FLOAT E PROTEZIONE ANTICOLLISIONE NON-STOP

Tra le inedite prerogative di punta annoverate dalle nuove Disco vanno poi segnalate la sospensione idropneumatica Active Float, deputata a ridurre la contaminazione e il maltrattamento del foraggio (la pressione impostata viene visualizzata su due manometri e la pressione di contatto può essere regolata su un lato per lo sfalcio di bordi e pendii) e l’esclusiva protezione anticollisione non-stop di Claas: quando entra in contatto con gli ostacoli, l’unità falciante si sposta contemporaneamente all’indietro e verso l’alto grazie all’inclinazione di 15 gradi del perno di rotazione.

Durante questo processo, l’olio viene spremuto dalla protezione anticollisione nel cilindro di scarico, il che significa che l’unità falciante viene ulteriormente alleggerita, ottenendo in questo modo una protezione efficace contro i danni gravi. Una volta superato l’ostacolo, la piattaforma di falciatura torna automaticamente in posizione di lavoro grazie alla pressione dell’olio. Se necessario, inoltre, gli stabilizzatori possono essere sollevati individualmente, tramite preselezione sull’unità di controllo o direttamente mediante dispositivo di comando a semplice effetto (opzionale sulla versione Trend).

 

ESCLUSIVO RIPIEGAMENTO VETTORIALE PER UN TRASPORTO STRADALE SICURO

Ulteriore requisito di spicco è costituito dal suddetto ripiegamento vettoriale, grazie al quale anche la rimarchevole larghezza di lavoro della Disco 1010 può essere guidata in modo sicuro, ma soprattutto legale, su strada e in passaggi stretti. Per i trasferimenti, le unità falcianti vengono prima portate idraulicamente in posizione di trasporto a 120 gradi (come negli altri modelli della serie Contour) e poi leggermente ruotate all’indietro tramite un cilindro combinato con il dispositivo idraulico di sicurezza anticollisione non-stop e quindi bloccate automaticamente per via idraulica.

Per effetto della doppia posizione inclinata, la combinazione di falciatrici rimane al di sotto dei 4 metri di altezza di trasporto, trovandosi allo stesso tempo in diagonale dietro il trattore e spostando così il centro di gravità sull’asse longitudinale del trattore. Rispetto alle falciatrici orientate all’indietro, il carico sull’assale anteriore del trattore si riduce di circa il 50 per cento, con un effetto positivo sul comportamento dello sterzo, soprattutto nel caso di trattori leggeri a quattro cilindri con passo corto. Quando si affrontano curve strette o si gira con la Disco 1010, inoltre, l’oscillazione della coda è quasi inesistente e non mette in pericolo gli altri utenti della strada.

Tutte le falciatrici Disco per grandi superfici, poi, possono essere parcheggiate sia in posizione di lavoro sia in posizione di trasporto previo fissaggio dei supporti (in dotazione).

 

OTTIMALE ACCESSIBILITÀ A TUTTI I PUNTI DI MANUTENZIONE

Ottimale, infine, grazie ai teli di protezione ripiegabili, l’accessibilità alle unità falcianti e a tutti i punti di manutenzione. E, come per tutte le falciatrici a dischi Disco di più recente realizzazione da parte di Claas, le calotte e le lame dei dischi di falciatura controrotanti sono (di serie) verniciate in rosso, cosicché le lame di ricambio possono essere immediatamente assegnate ai dischi di falciatura appropriati. Estremamente pratico risulta anche il box lame, suddiviso in tre scomparti per le lame nuove di ricambio rosse e nere e per le lame usate.

 

© Barbara Mengozzi

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori