MENU

CNH Industrial: ricavi consolidati in calo del 26 per cento nel secondo trimestre 2020

By at Luglio 31, 2020 | 18:10 | Print

CNH Industrial: ricavi consolidati in calo del 26 per cento nel secondo trimestre 2020

Ancora un trimestre negativo, fortemente influenzato dall’effetto Covid-19, per CNH Industrial che nel periodo aprile-giugno 2020 ha registrato ricavi consolidati pari a 5,6 miliardi di dollari, in calo del 26 per cento (23% a cambi costanti) rispetto allo stesso periodo del 2019.

 

UTILE NETTO DI 361 MILIONI DI DOLLARI, IN CALO DEL 15,5 PER CENTO

Sempre nel secondo trimestre dell’anno l’utile netto della Società che ha come principale azionista il gruppo Exor controllato dalla famiglia Agnelli, si è attestato a 361 milioni di dollari – pari a un risultato netto per azione di 0,26 dollari – in calo del 15,5 per cento rispetto allo stesso periodo di un anno fa.

Il dato – specifica CNH – è “comprensivo del provento di 1.475 milioni di dollari per la rimisurazione al fair value della partecipazione in Nikola Corporation, parzialmente compensato da oneri per svalutazioni non-cash per 840 milioni di dollari principalmente relativi al goodwill riferibile a Construction, nonché da costi per l’ottimizzazione di attività pari a 282 milioni di dollari, per lo più determinati dagli impatti negativi del Covid-19 sui mercati finali europei dei veicoli usati.

I ricavi di vendita netti delle Attività industriali sono calati del 27 per cento  (in calo del 24% a cambi costanti) a 5,2 miliardi di dollari.

Anche in questo caso, la causa è legata ai «rilevanti impatti negativi del Covid-19 sulla catena logistico-produttiva e sulle condizioni di mercato in tutte le aree geografiche e in tutti i segmenti».

 

PERDITA NETTA ADJUSTED DI 85 MILIONI DI DOLLARI

A livello adjusted, il risultato del secondo trimestre è una perdita netta  di 85 milioni di dollari, a fronte di un utile netto adjusted di 430 milioni nello stesso periodo del 2019.

L’Ebit adjusted delle Attività Industriali è anch’esso negativo: 58 milioni di dollari di perdita rispetto a un Ebit adjusted positivo pari a di 527 milioni di dollari nel secondo trimestre del 2019.

Tra i motivi elencati nella nota dal Gruppo, «il crollo della domanda, l’assorbimento negativo dei costi fissi causato dalla chiusura degli stabilimenti e da altre azioni per ridurre il livello delle scorte, solo parzialmente compensati dalla riduzione dei costi di vendita, generali e amministrativi e dal differimento di alcune spese di ricerca e sviluppo, non correlate al lancio di nuovi prodotti».

L’Ebitda adjusted delle Attività Industriali, a sua volta, è pari a 160 milioni di dollari contro 768 milioni di dollari di un anno fa.

 

FREE CASH FLOW POSITIVO DI 97 MILIONI DI DOLLARI

L’indebitamento netto del Gruppo al 30 giugno 2020 è pari a 2,3 miliardi di dollari, in linea con il 31 marzo 2020 nonostante gli impatti negativi del Covid-19, per effetto di un free cash flow positivo pari a 97 milioni di dollari, supportato dalla ripresa della domanda nella maggior parte dei mercati e dalle misure messe in atto dal Gruppo per ridurre i costi e preservare la cassa.

 

11,5 MILIARDI DI DOLLARI DI LIQUIDITÀ

CNH Industrial, infine  chiude il trimestre con una forte liquidità disponibile pari a 11,5 miliardi di dollari.

«Siamo entrati nella seconda metà del 2020 con 11,5 miliardi di dollari di liquidità, la più alta della nostra storia, che ci offre una solida base da cui partire per affrontare questo periodo ancora incerto e sfidante ­ ha dichiarato in proposito Suzanne Heywood (nella foto sopra), presidente e Chief Executive Officer pro tempore di CNH Industrial –.  Nel fare questo, continueremo a dare priorità alla salute delle nostre persone, al supporto alla nostra rete di vendita e ai clienti e alla gestione della nostra catena logistico-produttiva. Inoltre, abbiamo riavviato gradualmente la nostra preparazione per lo spin-off del nostro business on-highway e terremo aggiornate le parti interessate sui progressi e sulle tempistiche».

 

TREND DIVERSIFICATI PER LA DOMANDA DI TRATTORI E MIETITREBBIE  NELLO SCENARIO MONDIALE

La domanda mondiale di macchine per l’agricoltura è stata bassa durante il secondo trimestre del 2020, con la domanda globale di trattori in calo dell’1 per cento e quella delle mietitrebbiatrici in crescita del 12 per cento.

Analizzando i trend su scala regionale, in Nord America, la domanda di trattori è aumentata del 20 per cento nel trimestre nel segmento di minor potenza (inferiore a 140 cavalli), mentre la domanda di trattori nel segmento di maggior potenza (superiore a 140 cavalli) è diminuita del 22 per cento; la domanda di mietitrebbiatrici è aumentata a sua volta  del 3 per cento.

In Europa il mercato dei trattori e delle mietitrebbiatrici è diminuito rispettivamente del 25  del 23 per cento.

In Sud America il mercato dei trattori è diminuito del 10 per cento, mentre quello delle mietitrebbiatrici è aumentato del 29 per cento rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente.

Nel Resto del Mondo, la domanda è diminuita del 3 per cento per i trattori ed è aumentata del 21 per cento per le mietitrebbiatrici.

 

PREVISTO UN CALO DEL 15-20 PER CENTO DEI RICAVI NETTI DELLE ATTIVITÀ INDUSTRIALI

Permanendo  l’incertezza  sull’evoluzione  della  pandemia  di  Covid-19, le prospettive per l’anno sono state così riviste: ricavi netti delle Attività Industriali attesi in diminuzione tra il 15  e il 20 per cento, compresi gli effetti delle differenze cambio di conversione, quale conseguenza dell’impatto del Covid-19 sulle condizioni di mercato in tutte le aree geografiche e i segmenti; Free cash flow delle Attività Industriali atteso negativo per l’intero anno nonostante un’attesa generazione di cassa nel secondo semestre per effetto delle continue misure per preservare la cassa e di una normalizzata stagionalità delle vendite.

Il gruppo prevede inoltre che verrà mantenuto per tutto l’anno un solido livello di liquidità disponibile, con opportunistiche allocazioni di risorse per rispondere all’attuale scenario in evoluzione.

 

 
© riproduzione riservata
 
 

 

Mercati , , , ,

Related Posts

Comments are closed.