MENU

Deutz-Fahr: nuovi 6W Profi, progettati in Italia per il mercato globale

By at Maggio 2, 2019 | 20:26 | Print

Deutz-Fahr: nuovi 6W Profi, progettati in Italia per il mercato globale

Interamente progettati in Italia con lo sguardo espressamente rivolto ai mercati di esportazione, versatili, produttivi e dal moderno design, i nuovi trattori della serie 6W Profi hanno rappresentato una delle novità di punta lanciata da Deutz-Fahr all’ultima edizione di Eima (nella foto di apertura) e riproposta in occasione del Sima 2019 (nella foto sotto).

Sempre più indirizzata sulla strada dello sviluppo di inedite gamme aziendali pensate per soddisfare al meglio le puntuali istanze espresse dal settore agricolo internazionale, la casa tedesca propone dunque da ultimo i nuovi 6W Profi che, grazie alla loro meccanica robusta associata alla capacità di garantire elevato rendimento abbinato a costi di gestione contenuti, si segnalano per il loro indubbio possesso di caratteristiche strategiche agli occhi di un mercato globale alla ricerca di macchine sempre più affidabili e performanti. Il tutto con il valore aggiunto di dotazioni e contenuti tecnico-funzionali di livello sicuramente interessante.

 

QUATTRO MODELLI CON POTENZE COMPRESE TRA 130 E 180 CAVALLI

Quattro i modelli che formano la nuova gamma, 6130 W Profi, 6145 W Profi, 6165 W Profi e 6180 W Profi (in versione “Open Station”, con telaio a 4 montanti nella foto sopra e in versione cabinata nella foto sotto), capaci di mettere a disposizione potenze comprese tra 130 e 180 cavalli.

Ad elargirli provvedono i comprovati ed efficienti propulsori Deutz serie TCD 2012 L6 a sei cilindri, 6,1 litri di cilindrata, con sistema di iniezione carburante Deutz Common Rail (DCR) a controllo elettronico (fino a 1.600 bar), in favore di una continua ottimizzazione dei consumi sulla base della potenza istantanea richiesta e di una alimentazione pressoché costante su un ampio intervallo di giri del motore, con valori di coppia eccellenti anche a basse velocità, unitamente a rumorosità e vibrazioni limitate.

 

MOTORI DEUTZ 6 CILINDRI STAGE IIIA

Propulsori, inoltre, muniti di turbocompressore con intercooler e valvola waste-gate, emissionati Stage IIIA mediante ricorso ad un sistema di ricircolo dei gas di scarico interni esente da manutenzione ed in grado di sopportare senza problemi, grazie alle caratteristiche strutturali del blocco motore, gli elevati carichi statici causati dall’utilizzo del caricatore frontale o del sollevatore anteriore, eliminando la necessità di ulteriori supporti e telai laterali che potrebbero compromettere l’accessibilità di altri componenti del trattore per la manutenzione o limitare la portata dello sterzo.

L’alto livello di autonomia operativa, poi, è garantito dal capiente serbatoio per il gasolio da 280 litri (al quale può esserne aggiunto in opzione un secondo da 140 litri) montato sui tre primi modelli della serie 6W Profi, mentre sul top di gamma 6180 W Profi la dotazione standard consente una capacità complessiva di 420 litri.

 

TRASMISSIONI SINCRONIZZATE 4 MARCE PER TRE GAMME, CON INVERSORE E SUPER-RIDUTTORE

Robustezza ed elevata efficienza costituiscono i requisiti di spicco anche delle trasmissioni dei nuovi 6W Profi, completamente progettate e sviluppate in casa SDF, che offrono la possibilità di scelta tra varie configurazioni.

La versione più semplice prevede 4 marce sincronizzate e 3 gamme, per un totale di 12 rapporti in entrambe le direzioni, e può essere integrata con un riduttore o un super-riduttore (in quest’ultimo caso è possibile lavorare ad una velocità al suolo di soli 200 metri orari al massimo regime del motore) per una combinazione di 16+12 rapporti, che possono salire a 24+12 optando per la presenza dello splitter.

 

INNESTI ELETTROIDRAULICI PER DOPPIA TRAZIONE E BLOCCAGGIO DIFFERENZIALE

La capacità di trazione, dal canto suo, risulta ottimizzata anche in condizioni precarie per merito del nuovo innesto elettroidraulico della trazione anteriore e del bloccaggio totale del differenziale posteriore (che può essere gestito automaticamente nella configurazione standard) in base alla velocità al suolo e all’angolo di sterzata.

Il differenziale anteriore, inoltre, prevede un dispositivo automatico di limitazione dello slittamento (al 45 per cento), ma è possibile richiedere anche il bloccaggio al 100 per cento per l’asse anteriore, a comando elettroidraulico.

Al fine di garantire manovrabilità e visibilità ottimali, poi, il nuovo supporto anteriore dei 6W Profi è molto affusolato, pur assicurando un carico massimo consentito di ben 4.200 chilogrammi.

 

DOPPIA COMBINAZIONE PER LA PTO

Ribadendo la propria versatilità, la nuova gamma firmata Deutz-Fahr annovera due combinazioni di presa di forza: l’abbinamento standard di 540 e 1000 giri al minuto o, a richiesta, la 540Eco insieme alla 1000 giri al minuto, in entrambi i casi con innesto elettroidraulico di serie.

E, per agevolare gli interventi di manutenzione, la frizione dedicata alla PTO è stata posizionata in un’area facilmente accessibile, in prossimità del codolo.

 

IMPIANTO IDRAULICO DA 131 LITRI AL MINUTO

 Versatilità in primo piano anche sul fronte dell’impianto idraulico, dal design modulare e realizzato con componentistica “premium”, che dispone di base, assieme ad una pompa da 43 litri al minuto dedicata al servosterzo, di una pompa principale a portata fissa da 94 litri al minuto per il sollevatore e i distributori ausiliari, integrabile da un’ulteriore pompa in tandem da 37 litri al minuto, così da rendere disponibile un flusso totale di 131 litri al minuto.

La pompa principale da 94 litri al minuto, laddove montata da sola, è asservita ad una coppia di distributori a doppio effetto a controllo meccanico (per un totale di 4 vie), che possono in opzione essere portati a tre (6 vie).

Quando è installata anche la pompa tandem, invece, la dotazione standard è rappresentata da 6 vie, incrementabili a richiesta fino a 8.

 

SOLLEVATORE POSTERIORE CON CAPACITÀ MASSIMA DI 8.600 CHILOGRAMMI

Quanto al sollevatore posteriore, in versione standard garantisce già una portata massima notevole, pari a 6.850 chilogrammi in prossimità degli attacchi rapidi, ma, con l’ausilio di cilindri idraulici esterni supplementari, è possibile raggiungere gli 8.600 chilogrammi.

 

PIATTAFORMA “OPEN STATION” O CABINA ORIGINALE CON ARIA CONDIZIONATA

Sui suoi nuovi 6W Profi Deutz-Fahr non ha certo trascurato gli aspetti dell’ergonomia e del comfort, assicurati sia sulla versione di questi trattori con telaio a quattro montanti (nella foto sopra) completato da un pratico tettuccio parasole sia sulla versione cabinata (nella foto sotto).

All’interno della confortevole e panoramica cabina, dotata di serie di efficiente impianto di aria condizionata, spiccano il sedile provvisto di buone sospensioni meccaniche (un comodo sedile passeggero a scomparsa è disponibile su richiesta), il piantone dello sterzo con regolazione dell’inclinazione e il cruscotto che segue i movimenti per garantire sempre una ottimale visibilità delle informazioni sui display digitali.

 

LA TERZA GENERAZIONE DELL’IMONITOR

Ma il Sima 2019 ha significato per Deutz-Fahr anche il momento per il lancio ufficiale in Francia dell’ultima generazione, la terza, dell’iMonitor, il terminale con display touch screen dei trattori delle serie 6, 7 e 9 che, già ai vertici della tecnologia nelle precedenti versioni, ora, arrivato a quella denominata iMonitor 3, ha raggiunto nuovi e ancor più alti traguardi hi tech.

Equipaggiato con un nuovissimo avanzato processore dual-core e dotato di grande schermo da 12,1 pollici (ma è disponibile anche in versione da 8 pollici), l’iMonitor 3 gestisce tutte le funzionalità del trattore, dalla trasmissione al motore, passando per l’idraulica, il sollevamento, le sequenze e così via. E non finisce qui, dal momento che questo progredito terminale è deputato anche alla gestione Isobus degli attrezzi anteriori e posteriori, integrando il taglio delle sezioni e la modulazione della dose.

Nel cuore del nuovo terminale iMonitor 3, inoltre, alloggiano gli strumenti di precision farming, ed in primo luogo la guida assistita Agrosky, con l’intera gestione del sistema Gps e delle nuove funzionalità disponibili: vedi il mezzo giro automatico e l’XTend, funzione che consente di estendere lo schermo di iMonitor 3 su un tablet.

 

© Stefania Capponi

 

Macchine Trattori , , ,

Related Posts

Comments are closed.