MENU

Fendt: a passo deciso verso il traguardo della strategia 2020

By at Luglio 25, 2019 | 20:58 | Print

Fendt: a passo deciso verso il traguardo della strategia 2020

Forte di una “full-full-line”, come l’ha orgogliosamente definita Rob Smith, ai vertici di Agco nella Regione Eme (Europa e Medio Oriente), e di una dimensione sempre più internazionale, grazie soprattutto al consolidamento delle posizioni in Nord America, al recente lancio in Brasile e alla buona accoglienza ricevuta in Australia/Nuova Zelanda, Fendt marcia sempre più spedita verso il traguardo dei 20.000 trattori nel 2020, ambizioso obiettivo della strategia annunciata tre anni fa dal marchio hi-tech del gruppo Agco.

 

VENDUTI LO SCORSO ANNO 16.806 TRATTORI, OLTRE LE 18.000 UNITÀ LA PREVISIONE PER IL 2019

Rob Smith (a sinistra) e Peter-Josef Paffen

 

Come si è appreso nel corso della tradizionale conferenza stampa internazionale organizzata lo scorso 2 luglio presso il quartier generale del costruttore tedesco a Maktoberdorf, il 2018 è stato l’anno di maggior successo di Fendt nei quasi 90 anni di storia dell’azienda.

clicca sulle tabelle per ingrandirle

 

«Siamo riusciti ad aumentare le vendite di trattori di circa il 12 per cento, a 16.806 unità, e la crescita continua – ha dichiarato visibilmente soddisfatto Peter-Josef Paffen, vice presidente e Brand Director Agco/Fendt –. Attualmente prevediamo la vendita di oltre 18.000 trattori nel 2019, con una quota di export del 68 per cento».

 

LA LEADERSHIP SUL MERCATO TEDESCO

Nei primi cinque mesi del 2019 Fendt, “profeta in patria”, è il caso di dirlo, detiene la leadership sul mercato generale dei trattori in Germania con una quota del 23,9 per cento per le macchine a partire da zero cavalli, del 29,4 per cento per quelle a partire da 51 cavalli e del 42,6 per cento nel segmento sopra i 200 cavalli.

«In Francia – ha commentato Paffen – è stato fatto un ottimo lavoro nel 2018 e prevediamo di arrivare quest’anno a quota 4mila trattori».

 

VENDITE PER LA PRIMA VOLTA OLTRE LE 1.000 UNITÀ IN ITALIA

Performance di rilievo anche in Italia, dove lo scorso anno il team Fendt è riuscito per la prima volta a superare la soglia delle 1.000 unità e quest’anno dovrebbe avvicinarsi a quota 1.200.

Un notevole incremento dei quantitativi e delle quote di mercato si sta registrando anche in Spagna, Scandinavia, Polonia, Paesi Bassi, Belgio, Svizzera, Austria e nei paesi dell’Europa centrale.

 

MASSIMA QUOTA DI MERCATO (8,7%) IN EUROPA OCCIDENTALE E CENTRALE (TURCHIA ESCLUSA)

In Europa occidentale e centrale, esclusa la Turchia ­– regione che rimarrà quella con i fatturati e le cifre di vendita più elevate per il brand tedesco nei prossimi anni – nel 2018 sono stati immatricolati circa 167.600 trattori e Fendt ha toccato la sua massima quota di mercato con l’8,7 per cento. «Un valore che contiamo di ritoccare nel 2019 ha precisato Paffen – , con un obiettivo del 9,1 per cento di quota in un mercato da poco meno di 166mila trattori».

 

UNA STRATEGIA DI CRESCITA GLOBALE

Ma quella di Fendt è una strategia di crescita globale, vista la dichiarata volontà del costruttore di Marktoberdorf di offrire i propri prodotti in tutto il mondo, vale a dire in tutte le regioni con un’agricoltura moderna e strutture aziendali adeguate.

L’esempio più recente, dopo il supporto fornito ai concessionari Fendt in Russia con la propria organizzazione di vendita Fendt ESO di Mosca, è il lancio del brand tedesco sul mercato brasiliano a fine marzo 2019 in occasione dell’Agrishow di San Paolo. «Nella regione del Mato Grosso – ha comunicato Paffen – iniziamo quest’anno con i modelli di punta della serie 1000 Vario e nel 2020 aggiungeremo la mietitrebbia Ideal e la nuova seminatrice Momentum da 18 metri (nella foto sopra)».

 

IN ESPANSIONE IN NORD AMERICA

In Nord America, dopo aver registrato un aumento delle vendite, in particolare con i nuovi trattori di alta potenza Fendt e Challenger 1000 Vario (nella foto sopra), Fendt si attende un’ulteriore crescita grazie al nuovo 900 Vario e alla nuova mietitrebbia Ideal.

Buone opportunità di sviluppo vengono individuate anche nella regione Asia/Pacifico/Africa (APA).

 

IL PROGRAMMA FULL-LINE PRENDE SLANCIO

Se i trattori – cingolati compresi (per quest’anno è prevista la vendita di circa 170 unità) – continuano a rappresentare il core business del costruttore bavarese, «anche con i nostri prodotti del programma full-line siamo davvero su una buona strada», ha dichiarato Paffen.

Per quanto riguarda le mietitrebbie, le previsioni di vendita parlano di 460 unità, di cui 100 Ideal (nella foto sopra), le presse per balle quadre dovrebbero raggiungere le 125 unità, mentre le rotopresse sono già a quota 900 unità nel secondo anno di vendita e, relativamente a falciatrici, spandivoltafieno e andanatori ci si aspetta una vendita di circa. 3.350 unità, 1.000 in più rispetto al 2018.

Sul mercato, per finire, dovrebbero essere collocate quest’anno anche 75 irroratrici trainate Fendt Rogator 300 e 130 irroratrici semoventi Rogator 600 (nella foto sopra).

 

AUMENTO DEL PERSONALE

L’aumento della produzione e delle vendite in tutte e sei le sedi Agco in Germania (Marktoberdorf, Asbach-Bäumenheim, Feucht, Hohenmölsen, Waldstetten e Wolfenbüttel) è stato ed è ancora accompagnato da un incremento del personale. A fine dicembre 2018 Agco/Fendt aveva un organico di 5.398 dipendenti, 461 in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. A fine maggio 2019 il numero dei dipendenti è salito ulteriormente a 5.571, 173 in più rispetto a fine 2018.

 

PIÙ DI 73 MILIONI DI EURO IN RICERCA E SVILUPPO

Parallelamente alla forza lavoro crescono gli investimenti in Ricerca e Sviluppo: 72,2 milioni di euro nel 2018 che dovrebbero salire quest’anno a 73,7.

In rampa di lancio (il debutto è atteso nel mese di novembre a Agritechnica) numerosi nuovi prodotti, a cominciare dall’ultima generazione dei 900 Vario (scopri di più) che il pubblico italiano avrà modo di vedere in anteprima assoluta il 27 luglio presso l’Azienda Agricola Baschirotto in via Rampina 23 a Bazza, frazione del comune di Bigarello (MN) in occasione del Fendt Dieselross 2019 (leggi qui).

 

DIGITALIZZAZIONE E SMART FARMING

Ma è stato fatto anche un intenso lavoro su temi come digitalizzazione e Smart Farming. «Con il nostro programma Digital Customer Experience – ha spiegato Paffen – , in qualità di produttori di macchine agricole, stiamo aprendo campi di attività completamente nuovi per soddisfare le crescenti esigenze degli agricoltori moderni. Stiamo compiendo rapidi progressi per quanto riguarda collegamento in rete della macchina, raccolta dei dati e valutazione. Il nostro obiettivo è di poter offrire agli agricoltori servizi e prodotti customizzati, su misura per la loro intera catena di valore aggiunto».

Una mission efficacemente sintetizzata dal nuovo claim del marchio “Perché conosciamo a fondo l’agricoltura. It’s Fendt” .

 

© Barbara Mengozzi

 

Primo piano , , , , , ,

Related Posts

Comments are closed.