Holder Classe C: alta potenza in una forma compatta

Macchine 31/01/2012 -

Versatilità, maneggevolezza e potenza sono i punti di forza della nuova macchina portattrezzi  classe C di Holder.  Viste le molteplici applicazioni, non è azzardato definirla una macchina “universale” e 4 stagioni. Le  dimensioni compatte (110 cm di larghezza minima e 200 di altezza) la rendono particolarmente adatta alla viticoltura e frutticoltura altamente specializzata, un impiego nel quale offre  la possibilità di eseguire doppie lavorazioni in un unico passaggio, raddoppiando  l’efficienza del lavoro in vigneto, anche grazie all’agilità offerta dallo sterzo articolato esclusivo di Holder, che fa sì che la macchina effettui l’inversione di marcia in uno spazio di circa 3 metri di raggio.

Azionata da un motore diesel 4 tempi Kubota Stage IIIA da 50 (modello C 250) o 70 CV (modello C 270), monta una trasmissione idrostatica a variazione continua automatica della velocità da 0 a 40 km/h e può essere fornita con  svariate e personalizzabili applicazioni idrauliche, doppio e singolo effetto, con una portata massima fino a 120 litri /minuto di olio su due circuiti indipendenti.

La compensazione del carico sulle ruote, dispositivo attivo brevettato da Holder, garantisce ulteriore sicurezza, stabilità e trazione in tutti gli impieghi, anche sui terreni più ripidi, garantendo un’erogazione ottimale della forza e  permettendo all’operatore di lavorare in piena tranquillità. Elevati livelli di comfort caratterizzano la cabina per una o due persone (modelli C 350 e C 370) su silent block.

Nel video  la Holder Classe C monta il nuovissimo allestimento Stoll che permette di trinciare e caricare automaticamente i sarmenti del vigneto e quindi di ottenere un materiale adatto sia al compostaggio sia all’eventuale produzione di biocombustibile.

 Vedi anche: Il rilancio del marchio Holder

L'azienda del mese
Sotto i riflettori
trattori breaking news