John Deere dà forfait a tutte le fiere nel 2021, fino al 31 ottobre

News 07/09/2020 -

Dopo aver comunicato lo scorso luglio la decisione di non prendere parte all’Eima di Bologna in calendario nel febbraio 2021 (vedi link), John Deere chiarisce ulteriormente la propria strategia relativa alla partecipazione alle fiere internazionali programmate per il prossimo anno.

 

NO ALL’EIMA E AL SIMA MENTRE AGRITECHNICA CONSERVA LE SUE CHANCE

In una nota stampa che porta la data del 4 settembre il colosso statunitense delle macchine agricole annuncia infatti che per garantire la sicurezza dei suoi clienti e dipendenti non prenderà parte a nessuna fiera internazionale dedicata all’agricoltura e alla cura del verde che si terrà in Europa e nei paesi CIS durante l’anno fiscale 2021 – che per John Deere va dal 1° novembre 2020 al 31 ottobre 2021 – poiché ciò comporterebbe molteplici spostamenti internazionali.

Ciò significa che il Cervo salterà anche il Sima di Parigi mentre la scadenza dell’anno fiscale lascia le porte aperte alla presenza ad Agritechnica 2021, fissata dal 14 al 20 novembre.

 

UN NUOVO APPROCCIO DI MARKETING

Per mantenere il contatto con i clienti, l’azienda sfrutterà, in sostituzione della presenza fieristica, una nuova combinazione di strumenti di marketing tradizionali e digitali.

«La pandemia – ha affermato Denny Docherty, vice presidente Vendite e Marketing John Deere Regione 2 – ha cambiato il mondo e anche il nostro settore sta vivendo un momento di grandi cambiamenti. Ciò naturalmente si ripercuote sulla nostra attività di marketing».

Come annunciato in precedenza, la priorità di John Deere nel 2021 sarà cambiare il proprio modello operativo per diventare una “Smart Industrial Company” (vedi link), un’organizzazione basata su sistemi produttivi, al fine di dare vita ad una strategia di business ancora più orientata al cliente ed efficace.

 

AUSPICATA UNA NUOVA CALENDARIZZAZIONE DEGLI EVENTI FIERISTICI INTERNAZIONALI

«Ci aspettiamo anche un notevole cambiamento a livello di panorama espositivo, dovuto al Covid-19 e alla digitalizzazione – ha affermato Andreas Jess, direttore Marketing Johh Deere Regione 2 –. A medio termine, la nostra azienda auspica l’implementazione di una nuova calendarizzazione da parte delle organizzazioni fieristiche internazionali per favorire una programmazione degli eventi a livello europeo. In ogni caso, continueremo a sostenere i nostri concessionari John Deere nel caso scegliessero di partecipare ad eventi locali dedicati all’agricoltura e alla cura del verde, fermo restando che la salute e la sicurezza dei clienti e dei concessionari siano garantite».

 

 
Fonte: John Deere
Fonte immagini: Meccagri (apertura), Sima.

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori