MENU

Kverneland Group: macchine sempre più intelligenti ma di facile impiego

By at novembre 6, 2018 | 20:57 | Print

Kverneland Group:  macchine sempre più intelligenti  ma di facile impiego

Protagonista, come da tradizione, anche sul palcoscenico di Eima 2018, Kverneland Group ribadisce a Bologna il suo volto di azienda innovatrice per eccellenza grazie ad un fitto carnet di nuove proposte destinate a tutte le aree della meccanizzazione agricola e formulate all’insegna della tecnologia più avanzata, in mostra per il grande pubblico della manifestazione felsinea presso l’imponente stand del gruppo norvegese.

Così, all’interno della diversificata gamma di casa Kverneland per la lavorazione del terreno, e nello specifico nell’ambito della minima lavorazione, novità importanti arrivano sul fronte dei coltivatori.

 

COLTIVATORE TURBO F IN VERSIONE PIEGHEVOLE

Lancio italiano, in primo luogo, per il nuovo compatto modello in versione portata pieghevole da 4 metri di larghezza di lavoro che integra l’offerta del Kverneland Turbo, il versatile coltivatore concepito per poter operare in ogni condizione e in ogni stagione.

Si tratta infatti di una attrezzatura idonea alla lavorazione del suolo fino a 15 centimetri di profondità e all’arieggiamento del terreno dopo la stagione invernale, come pure alla preparazione del letto di semina e alla lavorazione sulle stoppie o sui residui colturali in estate o in autunno.

Progettato per essere abbinato anche a trattori di bassa potenza (la richiesta minima e massima è pari a 120-200 cavalli), il nuovo Turbo 4000F è in tal senso caratterizzato da quattro file di denti (anziché da cinque come avviene sui modelli trainati) e, per ottenere la massima compattezza possibile, la prima e l’ultima fila di denti sono state posizionate direttamente sul solido telaio, in grado di far fronte a forti sollecitazioni durante il trasporto su strada a 40 chilometri orari e di reggere l’attacco dei rulli più pesanti come, tra i rulli attivi dell’assortimento Kverneland, l’Actipack da 560 millimetri.

 

QUATTRO FILE DI DENTI TRIFLEX

Particolarmente robusti e flessibili – anche grazie all’ampia spirale e alla luce da terra di 725 millimetri – e con una distanza tra loro di 19 centimetri per garantire un ottimo deflusso delle zolle di terreno su tutta la larghezza di lavoro, i nuovi denti Triflex del Turbo 4000F garantiscono alta capacità penetrativa (profondità fino a 25 centimetri), con possibilità di arretrare in presenza di ostacoli e con diverse tipologie di punte a disposizione (da 65, 80, 150, 250 millimetri o in combinazione 80+200 millimetri).

La capacità di far fronte ad ogni condizione operativa, poi, è assicurata al nuovo Turbo – dotato di facile regolazione della profondità tramite cilindri idraulici muniti di spessometri – anche da due differenti configurazioni di livellamento posteriore: un sistema a denti (indicato al cospetto di scarsi residui colturali) ed un più efficace livellamento a dischi, con cuscinetti esenti da manutenzione.

 

Le specifiche tecniche

Turbo 4000F
Numero di denti
21
Larghezza di lavoro (metri)
3,94
Larghezza rulli (metri)
4,50
Numero denti per fila
4
Larghezza di trasporto (metri)
2,90
Spaziatura tra le file (millimetri)
da 550 a 600
Sezione del telaio (millimetri)
100 x 100
Attacco Cat. II e III
Luce da terra (millimetri)
725
Regolazione spazio tra i denti (millimetri)
190
Regolazione profondità
Idraulica tramite spaziatori
Livellamento Denti livellatori
Rulli disponibili
Gabbia, Actiring,  Actiflex, Actipack
Min/Max (cavalli)
120/200
Peso totale con rullo gabbia (kg)
1.565
Peso totale con rullo Actiflex (kg) 2.863
Peso totale con rullo Actipack (kg) 3.129

 

LAVORAZIONE DEL TERRENO A DOPPIO STRATO CON IL NUOVO DTX

Restando in tema di coltivatori, lancio in anteprima assoluta sul mercato italiano per il nuovo DTX da tre metri di larghezza di lavoro, proposto dal costruttore norvegese quale efficace soluzione per una ottima preparazione del letto di semina in un unico passaggio, eseguendo una lavorazione a doppio strato.

Ad equipaggiare infatti il nuovo coltivatore ci sono i nuovi denti Pro-Lift – protetti dal sovraccarico mediante un sistema di Auto-Reset idraulico (versione, con regolazione della pressione al suolo da 1.700 a 2.925 chilogrammi, presente all’Eima), oppure a bullone, e composti da cinque parti di usura che ne incrementano sensibilmente la durata – combinati con la comprovata doppia fila di dischi di ampio diametro (520 millimetri) e peculiare forma conica montati sull’erpice Qualidisc Farmer, altra attrezzatura di punta per la minima lavorazione firmata Kverneland: i nuovi denti, pertanto, lavorano il terreno fino a 40 centimetri di profondità, mentre la dischiera provvede all’incorporazione dei residui.

 

In linea con la filosofia della semplicità di utilizzo, prioritaria per il gruppo norvegese, risultano tutte facili e sicure le operazioni di regolazione da eseguire sul coltivatore DTX, provvisto di serie di particolari deflettori laterali (mutuati sempre dai modelli Qualidisc), fissati ad un parallelogramma che segue il terreno e deputati al controllo del flusso di terreno smosso e alla sua uniforme distribuzione, incrementando il livellamento.

Dotato anche del nuovo rullo DD600 (diametro: 600 millimetri) che assicura un ottimo ri-consolidamento del suolo anche in condizioni difficili, ed un ottimo effetto livellante, il polivalente coltivatore DTX può essere abbinato alla seminatrice a-drill per semi minuti, cover crops e loietti, in modo da preparare il letto di semina e seminare in contemporanea con forte risparmio di tempo e di gasolio.

 

Le specifiche tecniche

  DTX
Protezione dente
Bullone e Auto-reset
Larghezza di lavoro (metri)
3,00
Larghezza di trasporto (metri)
3,00
Numero denti
5
Profondità min/max (centimetri)
20/40
Spaziatura tra i denti (centimetri)
60
Spazio dischi (millimetri)
245
Peso (kg)
2.750 Bullone
2.970 Auto-reset
Potenza richiesta min/max (cavalli) 200/300
Max (cavalli)
350

 

REGOLAZIONE AUTOMATICA DEI SOLCHI CON KV-2500 I-PLOUGH

Dall’agricoltura conservativa all’aratura. Anche in questa edizione della rassegna bolognese continua a mettersi in luce in tutta la sua portata iper-tecnologica l’aratro KV 2500 i-Plough, il modello “premium” della gamma di aratri portati reversibili KV 2500, forte di una decina di innovazioni esclusive (brevettate o in attesa di brevetto), che ha riconfermato la leadership mondiale di Kverneland in questo settore.

Terminale Kverlenad Isomatch Tellus Pro.

 

Un aratro davvero ricco, dunque, di nuove tecnologie intelligenti che, al fine di semplificare al massimo il lavoro dell’operatore, permette di effettuare tutte le regolazioni essenziali – vedi quella automatica dei solchi, l’adattamento automatico dei vomeri a una linea A-B e le pre-impostazioni delle regolazioni in base alle condizioni del terreno o al tipo di trattore – direttamente dalla cabina del trattore tramite terminale Isobus, potendo visualizzare con chiarezza dalla schermata tutte le informazioni necessarie ad impostare correttamente la macchina.

Con la chance, inoltre, di disporre di una memoria dati ed essere così in grado di richiamare velocemente dal menù touch, dopo averle archiviate, le funzioni impostate.

La dotazione hi-tech di questo aratro prevede anche l’esclusivo sistema di conversione automatica da trasporto a lavoro (e viceversa) molto facile e veloce, che consente di variare le due posizioni in pochi secondi, sempre direttamente dalla cabina, trasformando il KV 2500 i-Plough in un “rimorchio” perfettamente al seguito del trattore, in vista della massima sicurezza durante il trasporto (non bisognerà scendere dal trattore, quindi, neanche per l’attivazione/disattivazione delle sicurezze richieste dalla regolamentazione stradale).

 

SEMINATRICE COMBINATA U-DRILL DA 4 METRI PIEGHEVOLE

Interessanti novità a marchio Kverneland anche nell’ambito della semina, con la presentazione al pubblico italiano del nuovo modello pieghevole di seminatrice combinata a file u-drill con larghezza di lavoro di 4 metri, disponibile sia in versione standard sia in versione grano e ferti (u-drill plus).

Efficiente, di semplice impiego ed in grado di lavorare ad una velocità che può toccare i 18 chilometri orari, la u-drill è composta da un rullo packer in gomma frontale, da due file di dischi a forma conica (dal diametro di 470 millimetri), da una serie di ruote compattatrici sfalsate tra loro e da elementi di semina costituiti dai nuovi falcioni CD, dotati di un doppio disco in acciaio che permette un interfila di 12,5 o 16,7 centimetri, favorendo una maggiore penetrazione anche in terreni difficili grazie ad una pressione che arriva fino a 100 chilogrammi per falcione, con il risultato di una profondità di semina costante anche a velocità elevate (pressione e profondità sono controllabili dalla cabina del trattore). Un erpice a denti livellatore, infine, completa il lavoro.

 

SISTEMA DI DISTRIBUZIONE ELETTRICA DEL SEME

Equipaggiata di sistema di distribuzione elettrica del seme, la nuova u-drill, totalmente Isobus compatibile, può disporre di sistema di gestione programmabile per le operazioni di fine campo Headland Management, oltre che di pacchetto software GEOCONTROL comprendente le funzioni del tasso variabile di semina e del controllo delle sezioni.

 

SPANDICONCIME RO-M GEOSPREAD, CON PESA IN CONTINUO

Nel frattempo sul fronte fertilizzazione il gruppo Kverneland prosegue nello sviluppo della sua gamma aziendale di spandiconcime “intelligenti”, in grado di segnare nuovi traguardi in termini di efficienza, comfort operativo e capacità di garantire, oltre alla evitata dispersione, l’integrità di ogni granulo di concime.

Ne fa fede l’estensione dell’innovativa tecnologia di spandimento GEOSPREAD® che, sotto il controllo del satellite e dei terminali Isomatch Tellus e Tellus Go, permette di regolare larghezze di lavoro e dosaggio in funzione del profilo del campo e dei passaggi su aree già coperte – adottata in passato sui modelli più grandi ed ora introdotta anche sugli spandiconcime di media dimensione.

 

Lo dimostra il nuovo RO-M GEOSPREAD®  a marchio Vicon, con pesa in continuo e capacità della tramoggia pari a 1.800 litri, esposto ad Eima 2018 in rappresentanza di questa serie di attrezzature rivolte alle aziende medie e abbinabili anche a trattori di bassa potenza, dotate di tramoggia (larga 245 centimetri) da 1.300 a 2.800 litri di capienza, di larghezze di lavoro comprese tra 10 e 33 metri e, come detto, dell’avanzato sistema di pesatura in continuo, che assicura una operatività regolare effettuando costantemente il controllo sul tasso di distribuzione tenendo conto delle informazioni relative a velocità di avanzamento del trattore, pendenza e flusso di fertilizzante.

 

Le specifiche tecniche

RO-M GEOSPREAD
Capacità della tramoggia (litri)
1.300 1.800 2.300 2.800
Altezzaa di riempimento (centimetri)
108 127 146 165
Larghezza (centimetri)
245 245 245 245
Larghezza di riempimento (centimetri)
239 239 239 239
Peso a vuoto (kg)
496 521 547 573
Larghezza spandimento (metri)
10-33 10-33 10-33 10-33
Output (kg/min)
10-320 10-320 10-320 10-320

 

SERBATOIO FRONTALE IXTRA LIFE, IN COMBINAZIONE ISOBUS

In forte evidenza a Bologna anche il nuovo serbatoio frontale per fertilizzante liquido iXtra LiFe, proposto in efficiente combinazione Isobus con tutte le seminatrici di precisione della gamma Kverneland, realizzando un binomio che garantisce un posizionamento ottimale del seme nel solco ed una precisa applicazione localizzata del concime in un solo passaggio, a tutto vantaggio della produttività.

Il dialogo via Isobus tra le due attrezzature consente infatti l’avvio e l’arresto della semina e della concimazione in contemporanea in ogni singola fila, eliminando le sovrapposizioni.

La fertilizzazione localizzata per fila, sincronizzata con la semina, rappresenta del resto una delle chiavi per aumentare l’efficienza e ridurre i costi totali degli input – sottolinea il costruttore – oltre a permettere di restare al passo con le sempre più restrittive regolamentazioni in materia di quantitativi di fertilizzanti da somministare alle colture (uno dei principali obiettivi ai quali Kverneland ha puntato progettando il nuovo serbatoio frontale iXtra LiFe).

 

© riproduzione riservata
 
 

PAD.14 STAND A/2 PAD.14 STAND A/2

 

Primo piano , , , ,

Related Posts

Comments are closed.