Landini: tecnologie 4.0 per la collaudata Serie 6H

Macchine , Trattori 01/09/2020 -

Versatilità, affidabilità e facilità di gestione sono stati fin dal debutto i requisiti cardine della Serie 6H di Landini, tre compatti da campo aperto nella fascia di potenza da 110 a 126 cavalli progettati e realizzati dal costruttore di Fabbrico con l’occhio rivolto a quelle aziende di medie dimensioni che, senza dover ricorrere ad un investimento troppo oneroso, cercano un giusto compromesso tra l’evoluzione tecnologica e la praticità di guida e manutenzione.

 

CONFIGURABILI IN FUNZIONE DELLE ESIGENZE DI LAVORO

Tra gli highlights  di questa gamma utility, accolta con favore dal mercato già nella fase di lancio risalente a qualche anno fa, figurano i motori Deutz AG da 3,6 litri omologati in Stage IV/Tier 4 Final grazie alla presenza di sistema di post trattamento SCR e catalizzatore DOC; la trasmissione a misura di ogni esigenza che nella configurazione di punta vanta 48 rapporti in avanti e 16 in retromarcia con H-M-L e superriduttore, a richiesta, nonché pulsante De-Clutch e  Reverse Power Shuttle che agevolano rispettivamente l’innesto e l’inversione delle marce, senza usare il pedale della frizione; la disponibilità di tre tipi di assali anteriori (rigido standard, rigido stretto e sospeso con controllo elettronico) di completa derivazione Landini e la possibilità di montare pneumatici posteriori da 38 pollici.

In evidenza anche il circuito idraulico a cento aperto da 66 litri al minuto, con l’opzione di un serbatoio d’olio ausiliario da 11 litri, il sollevatore posteriore capace di alzare 6.000 chili e la presa di forza posteriore a 4 velocità.

Completa il quadro la cabina a 4 montanti Total View Slim, dotata di comandi ergonomici, per il massimo comfort, tetto ribassato con botola trasparente, per agevolare i lavori con il caricatore frontale, e ottimi livelli di climatizzazione ed insonorizzazione.

 

PIÙ RENDIMENTO E PRECISIONE “ON DEMAND”

Fin qui gli aspetti caratterizzanti della Serie 6H per la quale Landini, perfettamente in linea con l’altissimo livello di personalizzazione che ha sempre contraddistinto questi polivalenti trattori, ha voluto rendere disponibili tecnologie opzionali, anch’esse facili da apprendere e facili da usare, lasciando all’operatore la facoltà di sfruttarle o meno.

È il caso del Precision Steering Management (PSM), sistema per il quale Landini si avvale della collaborazione di Topcon, che consiste in un insieme di dispositivi integrati per la guida satellitare assistita il cui impiego garantisce sostanzialmente tre vantaggi: la riduzione dei costi orari, rendendo le lavorazioni più rapide, semplici e precise – grazie ad un livello di accuratezza fino a 2 centimetri – l’aumento dell’efficienza delle macchine ed un minore impatto sull’ambiente.

Entrando nei dettagli, questa opzione prevede la presenza, sul tetto del trattore, di un ricevitore GPS  e di un interfaccia in cabina consistente in un terminale touch screen da 8,4 pollici di diagonale.

Attraverso questo monitor, oltre alla guida satellitare, è possibile gestire un’altra tecnologia aggiuntiva: il sistema  ISOBUS per le attrezzature che permette di governare in modo facile ed efficiente gli attrezzi ISOBUS certificati.

Ulteriore prerogativa dei modelli della Serie 6H, poi, è la loro perfetta compatibilità con il protocollo Landini di gestione della flotta, il sistema Fleet Management che garantisce, tra l’altro, dati telemetrici, diagnostica da remoto, collegamento diretto con il reparto assistenza e quindi una riduzione dei tempi di fermo macchina per manutenzione.

 

ACQUISTO AGEVOLATO DALLA LEGGE DI BILANCIO 2020

Grazie all’adozione delle tecnologie fin qui illustrate i trattori della Serie 6H possono godere del credito d’imposta 4.0, vale a dire delle particolari agevolazioni di acquisto previste dalla Legge di bilancio 2020.

Una interessante opportunità che non riguarda soltanto i mezzi di ultimissima generazione, ma anche le macchine acquistate negli anni passati che possono essere rinnovate  integrandole con i più moderni sistemi digitali di controllo e gestione.

 

TRE TIPOLOGIE DI KIT PER L’ADEGUAMENTO AL CREDITO D’IMPOSTA 4.0

Con questa finalità Argo Tractors ha messo a punto differenti pacchetti tecnologici che consentono l’accesso ai nuovi incentivi offrendo alla clientela la possibilità di equipaggiare il proprio trattore con il kit che meglio risponde alle necessità aziendali.

La soluzione di partenza, la più semplice, consiste in un kit originale Argo Tractors composto da una centralina di raccolta e analisi dati, un’antenna GPS con modem e scheda SIM integrate. Sono previsti sistemi di cablaggio e staffaggio, oltre ad un abbonamento quinquennale al protocollo di telemetria Fleet Management.

Per gli operatori più esigenti sono disponibili invece due kit sviluppati in collaborazione con Topcon Agriculture e personalizzabili a seconda delle necessità dell’azienda, che dispongono entrambi di monitor touchscreen X25, che funge da terminale di bordo, sistema di guida automatica con antenna satellitare e GPS incorporato, modem bidirezionali e abbonamenti quinquennali ai sistemi di telemetria Landini.

La versione Standard opera attraverso segnale Egnos in grado di garantire una precisione di lavoro nell’ordine dei 20 centimetri, mentre quella Advanced, integrante il più evoluto sistema RTK, assicura un margine di errore massimo di 2 centimetri

 

SPECIALE ALLESTIMENTO “BLUE ICON”

Per finire, sempre in riferimento alla Serie 6H, visto il successo decisamente al di là delle aspettative ottenuto dall’allestimento Blue Icon, inizialmente riservato allo specializzato Rex4, Argo Tractors ha deciso di estendere questa versione speciale full optional anche ad altre gamme soddisfacendo così le attese di un pubblico più ampio, attento non solo a prestazioni e affidabilità che contraddistinguono i trattori Landini nella categoria utility, ma anche all’estetica.

Pertanto anche per la Serie 6H è disponibile a richiesta l’allestimento Blue Icon che abbina la livrea blu metallizzata ai cerchi nero opaco e ad altre opzioni.

 

© Barbara Mengozzi

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori
trattori breaking news