GOLDONI KEESTRACK (2021)

Goldoni Keestrack: la svolta tecnologica nel segno della tradizione

Dopo l’acquisizione da parte di Keestrack si è davvero aperto un inedito capitolo per Goldoni, formato da pagine pronte ad essere scritte all’insegna di un corso tutto nuovo a 360 gradi. Entrare nell’orbita del gruppo belga, specializzato nella produzione di macchine per miniere, riciclaggio e movimento terra, ha infatti significato per la storica azienda di Migliarina di Carpi, firma di punta nel segmento dei trattori specializzati e isodiametrici, veder fuso il suo grande bagaglio di valori di passione e di tradizione con la forte spinta all’innovazione distintiva di Keestrack, ricevendo dalla nuova proprietà un’iniezione di avanzate tecnologie, dinamismo e massima affidabilità, tratti assolutamente caratterizzanti della multinazionale belga.

Obiettivo della newco Goldoni Keestack: dare smalto e rendere nuovamente protagonisti i trattori del brand carpigiano, ricco di quasi cento anni di storia alle spalle e dotato di tutto l’appeal del “made in Italy”, tornando, in un’ottica di continuità. a rendere subito riconoscibili le macchine attraverso la loro tradizionale originaria livrea dal colore rosso arancione.

 

A ENOVITIS IN CAMPO LA PRIMA ESIBIZIONE UFFICIALE DELLA NUOVA AZIENDA

A pochi mesi dall’avvio della nuova era, l’occasione per esibire ufficialmente i primi risultati della nuova gestione Goldoni-Keestrack è stata fornita dall’ultima edizione di Enovitis in Campo, dove è stato possibile testare in condizioni del tutto realistiche i best seller della gamma specialistica per vigneto e frutteto firmata Goldoni, naturalmente in arancione, affiancati dalle prime importanti novità di prodotto.

E-60 RS

Tra i trattori all’opera all’interno delle vigne astigiane di Mombaruzzo, in evidenza gli eclettici isodiametrici della scuderia modenese, rappresentati dal modello E-60 RS, mosso da motore a tre cilindri ed equipaggiato di trasmissione meccanica sincronizzata 16+16. Si è proseguito con i trattori specializzati eroganti potenze che raggiungono i 102 cavalli: vedi, in particolare, il modello S80, il quattro cilindri più compatto della categoria con un passo di 1.831 millimetri e un’altezza al cofano di soli 1.200 millimetri.

S80

E, soprattutto, il fiore all’occhiello dell’offerta specialistica Goldoni: il modello Q-110, contraddistinto da tutte le caratteristiche di punta (passo corto, compatta struttura portante con ottimale distribuzione dei pesi tra gli assali per garantire stabilità e sicurezza anche in condizioni di forte pendenza, raggio di sterzata particolarmente ridotto in favore di una superiore manovrabilità) ideali all’impiego tra i filari, che ha ribadito le sue peculiari doti di stabilità, versatilità e compattezza.

 

IL NUOVO KIT CABINA COMFORT

Q-110

Ma la manifestazione tra i filari del Monferrato ha segnato per Goldoni anche il debutto di novità decisamente significative, frutto già consistente del percorso appena iniziato sotto la guida di Kreestrack. Primo step, dunque, di un’evoluzione destinata a farsi in futuro ancora più importante, in quanto pilastro della strategia di rilancio pensata per l’azienda carpigiana dal gruppo belga, intenzionato a portare la gamma trattoristica  Goldoni ad un più elevato livello di performance e di tecnologia, guardando ad un target di mercato medio-alto, pur mantenendo inalterate le dimensioni compatte e le caratteristiche storiche e uniche delle macchine.

E le novità arrivano, innanzitutto, sul fronte dell’allestimento cabina, denominato “comfort”: una cabina totalmente ripensata negli equipaggiamenti che sarà resa disponibile da Goldoni Keestrack su tutti i modelli cabinati Ronin, S80 Plus, S90-110 e ovviamente sull’ammiraglia della gamma Goldoni, la serie Q, esposta come detto ad Enovitis in Campo 2021 nel suo modello di punta Q-110.

 

QUATTRO DIRETTRICI DI SVILUPPO: COMFORT, SICUREZZA, VISIBILITÀ E ATTENZIONE AI DETTAGLI

Una cabina dunque profondamente rinnovata, seguendo le linee guida del comfort, della sicurezza, della visibilità e dell’attenzione ai dettagli, che risulta immediatamente più raffinata e aggressiva con un rivestimento laterale e un imperiale dark grey che le conferiscono un look più moderno e in perfetta combinazione con gli elementi rosso arancioni della carrozzeria.

E, grazie alla maggiore attenzione riservata ai dettagli e a tutte le finiture all’interno dell’abitacolo (vedi, tra l’altro, anche il pratico portabottigle a scomparsa, utile quando serve e poco ingombrante quando non utilizzato). l’operatore ha a disposizione un ambiente di lavoro confortevole e sicuro che gli consente di tenere costantemente sotto controllo tutte le funzionalità del trattore.

E sempre al comfort e alla sicurezza guardano le migliorie apportate nell’installazione dell’impianto radio bluethooth con altroparlanti e microfono per ascoltare musica e fare telefonate senza perdere il controllo della macchina. Il cellulare, poi, resta posizionato sul nuovo supporto frontale, sempre in carica grazie alla presa USB integrata nel sottotetto.

In primo piano anche la sicurezza visiva, grazie alla disponibilità di un monitor da 7 pollici con possibilità di montare due videocamere: una posteriore per manovre ottimali e una seconda, posizionabile frontalmente o posteriormente all’attrezzatura, per un controllo a 360 gradi  dell’area di lavoro. Operazione, quest’ultima, possibile anche nelle ore notturne o con scarsa luce per effetto dei nuovi fari a led sul tetto della cabina: quattro fari di lavoro aggiuntivi (due anteriori e due posteriori) che raddoppiano il fascio di luminosità rispetto ad una soluzione tradizionale. A migliorare ulteriormente la visibilità libera sui quattro lati della macchina contribuisce inoltre il lavoro di ottimizzazione di tutti i passaggi di cavi e serbatoi accessori, che ora non ostruiscono più la visuale.

 

PRIMO STEP DI UN’EVOLUZIONE FUTURA ANCORA PIÙ IMPORTANTE

Così concepita, la nuova cabina comfort adottata sui trattori specializzati Goldoni vanta tutti i requisiti per fungere da autentica efficiente centrale di controllo della macchina in ogni situazione operativa. Il che riveste un’importanza centrale soprattutto a fronte dell’attuale innovazione di maggiore spicco conseguente all’assunzione della proprietà del marchio modenese da parte di Keestrack, che figura tra le aziende all’avanguardia nel proprio settore in un’ottica di industria 4.0, dotata di corposo know how in questo specifico ambito.

Pertanto oggi, come già annunciato pochi mesi fa durante l’entrata in scena del gruppo belga in veste di neoproprietario, Goldoni fa ingresso a pieno titolo nel mondo dell’agricoltura 4.0 integrando e connettendo la propria gamma prodotto, sempre più potenziata nella tecnologia offerta alla clientela, secondo i principi dello smart farming.

Equipaggiandola dunque in prospettiva con tutti i più moderni sistemi di connettività, concepiti per migliorare l’efficienza, le performance e la gestione dei mezzi, fornendo agli utilizzatori funzioni e soluzioni finora inaccessibili.

 

IL KIT AGRICOLTURA 4.0 ORIGINALE GOLDONI, COMPOSTO DA SOLUZIONI HARDWARE E SOFTWARE SAPIENTEMENTE INTEGRATE

Il primo passo di questo sviluppo è già realtà per la nuova gestione Goldoni-Keestrack e ad Enovitis in Campo erano presenti modelli corredati del kit Agricoltura 4.0 originale Goldoni. che offre, appunto, al cliente e al concessionario funzioni aggiuntive per il controllo e il corretto utilizzo del trattore, il miglioramento delle prestazioni e del valore totale della macchina, oltre a rendere le macchine del brand certificabili al 100 per cento per accedere alle agevolazioni del credito d’imposta (rivelatesi determinanti, ultimamente, nel sostenere le vendite).

Composto da soluzioni hardware e software che agiscono in modo integrato, il pacchetto base “Agricoltura 4.0” consente di connettere il trattore con l’azienda agricola e il concessionario per un perfetto monitoraggio dei parametri principali di lavorazione e di geo localizzare il parco macchine sia durante le fasi di lavoro sia durante il ricovero dei mezzi, creando al contempo una fonte storica di dati per migliorare l’efficienza agronomica e diagnostica sia in tempo reale sia da remoto.

 

DA GIUGNO 2021 SULL’INTERA GAMMA DI TRATTORI SPECIALIZZATI E TRATTRICI CON PIANALE DI CARICO DEL BRAND

Il modello Q110, punta di diamante della gamma Goldoni, integra ora tutte le novità del pacchetto ‘Comfort Cabina’ e ‘Agricoltura 4.0’ aggiungendo il look total black dei cerchioni e degli interni in una speciale “Black Edition”, a tiratura limitata.

In tale ambito dallo scorso giugno l’intera linea Goldoni di trattori specializzati e trattrici con pianale di carico può essere dotata del kit di connessione, formato da un gateway con antenna GPS e accelerometro integrati con virtual sim e cablaggio di connessione al trattore, e deputato a permettere il dialogo tra trattore e il portale di raccolta e analisi dati Goldoni. A tutto ciò si aggiunge un display da cinque pollici a bordo macchina per visualizzare in tempo reale i parametri di lavoro monitorati dal sistema.

Il sistema a bordo macchina, in pratica, trasforma il trattore in movimento in una fonte di dati analizzati e archiviati in tempo reale dal portale Goldoni, che restituisce analisi di utilizzo all’operatore o al responsabile del parco macchine. Dal portale, viceversa, si possono impostare i piani di lavoro e di tempistica per ogni trattore connesso e comunicarli agli operatori dei singoli mezzi.

I dati, quindi, vengono salvati e elaborati, creando, come detto, una fonte di informazioni utili a migliorare le prestazioni delle macchine e a pre-allertare in caso di potenziali problemi o di cattivi utilizzi, come pure a creare un trend storico di lavorazioni per migliorare la produttività dell’azienda agricola.

Dopo aver reso intelligenti le macchine e analizzato i dati, l’ultimo passaggio è quello di restituirli all’operatore in modo chiaro e in tempo reale. A tale scopo, all’attivazione del sistema, verranno fornite le credenziali di accesso al portale Goldoni, all’interno del quale l’utilizzatore può visualizzare lo stato del veicolo e la sua posizione attuale, unitamente a tutti i parametri del motore e del trattore. Ma è possibile anche consultare le previsioni meteo, settare le fasce orarie di funzionamento della macchina e le lavorazioni da effettuare per ogni mezzo del parco, oltre a creare report statistici delle loro performance.

Il sistema offre inoltre funzioni aggiuntive fondamentali per un pronto servizio e controllo di ogni macchina: la funzione Maintenance (connessa anche con il proprio dealer di riferimento), che segnala lo stato dei controlli da eseguire sulla macchina e le scadenze; la funzione Tracking, deputata a registrare tutti i movimenti (e le performance) della macchina abbinabili a una specifica lavorazione; la funzione Real Time, che offre la possibilità di mettersi in contatto con il dealer per monitorare in tempo reale i parametri di funzionamento della macchina.

 

© Stefania Capponi

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori
trattori breaking news