MENU

Macchine agricole: -4,2 per cento per l’export italiano a fine anno

By at novembre 29, 2018 | 16:42 | Print

Macchine agricole: -4,2 per cento per l’export italiano a fine anno

Le previsioni per fine 2018 indicano a livello globale una contrazione dell’export italiano dell’11,9 per cento per quanto riguarda le trattrici, e del 2,4 per cento per quanto riguarda le altre macchine agricole e le attrezzature, mentre in crescita saranno solo le trattrici incomplete e parti di trattrici (+3,1%).

clicca sulle tabelle per ingrandirle

Complessivamente, il valore dell’export italiano dovrebbe passare dai 5,2 miliardi di euro del 2017 a poco meno di 5 miliardi nel 2018, con una contrazione del 4,2 per cento.

 

CAMBIA LA GEOGRAFIA DELLE ESPORTAZIONI

Come ha evidenziato Alessandro Malavolti, presidente di FederUnacoma, nel corso della conferenza stampa tenutasi a Bologna alla vigilia di Eima International, l’industria italiana, che si posiziona ai primi posti al mondo per capacità produttiva e ampiezza di gamma, e che ha in Europa e Stati Uniti i due principali sbocchi, vede sensibilmente cambiata la “geografia” dell’export.

Lo confermano i dati Istat sul commercio nel primo semestre dell’anno che evidenziano per l’export italiano di trattrici e di macchine agricole cali complessivi in valore del 13,6 per cento e dell’1,0 per cento rispettivamente, a fronte di un decremento dell’export italiano dell’intero settore delle macchine agricole del 4,7 per cento, sempre in valore, ma con andamento molto differenziati.

 

FRANCIA, STATI UNITI E GERMANIA SI CONFERMANO AI PRIMI TRE POSTI, MA CON TREND DIVERSI

Nella prima metà del 2018 i principali Paesi di destinazione delle trattrici e delle macchine agricole di produzione nazionale sono risultati Francia, Stati Uniti e Germania.

Per quanto riguarda la Francia, primo Paese di destinazione per il macchinario “made in Italy”, nel periodo gennaio-giugno, si è registrato un calo, in valore, dell’11,6 per cento (che ha fatto seguito alla flessione del 6,4% nei primi 6 mesi del 2017). Questa diminuzione è imputabile prevalentemente ad un abbassamento sensibile degli acquisti di trattrici, rispetto a quelli di macchine agricole ed attrezzature che invece sono cresciuti.

Le esportazioni in Francia hanno evidentemente risentito dell’andamento negativo delle vendite di trattrici nel Paese.

 

EXPORT VERSO GLI USA A QUOTA +17,8 PER CENTO

Negli Stati Uniti invece le importazioni di trattrici italiane sono cresciute del 35,1 per cento e le macchine agricole ed attrezzature di produzione nazionale esportate nel Paese sono aumentate del 12,1 per cento (dopo il crollo in valore avvenuto nel periodo gennaio-giugno 2017, -73,9% in valore).

Per completare il terzetto dei Paesi importatori, le esportazioni di trattrici e macchine agricole in Germania sono calate ma solo lievemente (-0,3%).

 

NELLE PRIME DIECI POSIZIONI PREVALGONO I SEGNI MENO

Considerando gli altri Paesi posizionati entro le prime dieci destinazioni delle nostre esportazioni di trattrici e macchine agricole, in calo risultano quasi tutti, ad eccezione, appunto, degli Stati Uniti (+17,8% il dato che mette insieme trattrici e macchine agricole) e della Polonia, in linea rispetto allo stesso periodo dell’anno passato (+0,3%).

Gli altri mercati che hanno registrato diminuzioni importanti sono stati la Spagna (-8,8%), il Regno Unito -(4,7%), la Turchia (-20,6%, un calo consistente dovuto alla svalutazione della moneta nazionale che rende più oneroso l’acquisto di merci di produzione estera), l’Austria (-19,7%), il Belgio (-13,9%) e la Federazione Russa (-22,9%).

 

CROLLANO LE ESPORTAZIONI DI TRATTRICI IN TURCHIA

Un’analisi più dettagliata relativa esclusivamente all’export di trattrici mostra come il trend negativo delle esportazioni di trattrici nel periodo gennaio-giugno 2018 (-13,6% in valore) sia da attribuire in larga parte al calo del mercato di alcuni Paesi dell’Europa comunitaria, dove, nei primi sei mesi dell’anno, si è rivolto il 54% del totale delle esportazioni di trattrici.

Oltre alla Francia (-43,9%), i Paesi che hanno registrato flessioni significative sono stati la Germania, dove le trattrici esportate sono scese del 14,1 per cento in valore, la Spagna anch’esa con un calo del 14,1 per cento, la Polonia (-27,7%), l’Austria (-64,1% e il Belgio (-77,8%).

Cali consistenti nelle vendite di trattrici italiane sono stati registrati anche in Turchia (-41,0%).

 

IN AUMENTO LE MACCHINE PER LA LAVORAZIONE DEL TERRENO E PER LO SPOSTAMENTO E TRASPORTO

Per quanto riguarda invece le esportazioni di macchine ed attrezzature agricole, analizzando i dati disponibili relativi alle esportazioni di macchine agricole nel periodo gennaio-giugno 2018, suddivisi per i diversi settori merceologici, si riscontra che gli incrementi hanno riguardato prevalentemente i settori merceologici delle macchine per la lavorazione del terreno (il 4,4% delle macchine esportate in valore) che sono aumentate del 4,4 per cento, e delle macchine per lo spostamento e trasporto (6,4% del totale) che sono cresciute del 10,8 per cento.

In crescita, anche se in misura più lieve, si posizionano le esportazioni di macchine destinate alla semina, trapianto e concimazione (che però rappresentano il 18,8% del totale) con un aumento dell’1,6 per cento e delle macchine per la protezione delle colture (che rappresentano il 3,8% delle esportazioni totali) in aumento del 2,1 per cento.

 

FLETTONO QUELLE PER GLI ALLEVAMENTI

Le macchine da raccolta, che rappresentano il 20,3 per cento del totale, invece sono in flessione anche quest’anno (-1,4%).

Altri cali consistenti si registrano per le esportazioni di macchine per gli allevamenti (13,1% del totale), il cui decremento si è attestato a -6,8 per cento, e per le tosatrici da prato (10,3% del totale) che sono diminuite del 7,6 per cento.

Cali inferiori si registrano poi per le macchine operatrici semoventi (1,4% del totale) in flessione del 7 per cento e per le macchine per l’irrigazione (3,5% del totale) che sono calate anche quest’anno (-3,2%).

 

 
Fonte: Atg
 
 

 

 
Fonte: FederUnacoma
 
 

 

Mercati ,

Related Posts

Comments are closed.