Macchine agricole: ancora un trimestre in rosso

Mercati 17/04/2014 -
Macchine agricole: ancora un trimestre in rosso

Il mercato delle macchine agricole cresce nell’Europa comunitaria, sia pure in modo non omogeneo. I dati elaborati da FederUnacoma, sulla base delle statistiche diffuse dal Cema, il Comitato che riunisce le associazioni dei costruttori dei Paesi europei, indicano a fine 2013 una crescita complessiva delle vendite di trattrici pari al 2,1%, con una performance brillante per la Francia (42.600 trattrici immatricolate, con un incremento del 9,9%), una crescita per la Spagna (8.900 macchine, con un +2,9%), ed una conferma per la Germania, che dopo il balzo in avanti del 2011 (+26%) ha mantenuto nel 2012 e nel 2013 gli stessi livelli di mercato, con oltre 36.000 macchine immatricolate.

In flessione risultano, invece, le vendite nel Regno Unito (13.500 trattrici, con un calo del 9,9%) e in Italia (19.017 macchine, con un calo dell’1,7% che fa seguito al passivo del 28% complessivamente accumulato fra il 2007 e il 2012).

 

ITALIA: PRIMO TRIMESTRE ANCORA COL SEGNO MENO

Immatricolazioni__2014

clicca sull’immagine per ingrandirla

 

La situazione non sembra migliorare nell’anno in corso: secondo i dati di immatricolazione elaborati da FederUnacoma sulla base delle registrazioni fornite dal ministero dei Trasporti, il primo trimestre del 2014 vede infatti, nel Paese, una flessione per le trattrici (-2,9% rispetto allo stesso trimestre 2013), per le trattrici con pianale di carico (-11,1%), per i rimorchi (-2,1%), ed anche per le mietitrebbiatrici, unica tipologia di macchina che a fine 2013 aveva evidenziato una crescita (13,9%), e che torna in territorio negativo con un passivo del 28,9%.

Il differenziale tra l’andamento del mercato italiano delle trattrici e quello dei principali Paesi Europei appare evidente, se si considera che nello stesso trimestre 2014 la Germania risulta in crescita dell’8,9%, il Regno Unito del 9,6%, la Spagna del 31,3%, mentre in calo del 24% risulta la Francia, in fase di assestamento dopo i consistenti incrementi degli ultimi anni.

 

EXPORT IN CRESCITA

 

«Mai come in questo momento sono i mercati esteri a spingere la produzione italiana di macchine e attrezzature agricole, che si attesta su un valore di oltre 7,7 miliardi di euro – spiega il presidente di FederUnacoma Massimo Goldoni – e dobbiamo essere orgogliosi della capacità che hanno le nostre imprese di competere sui mercati di tutto il mondo, dall’Europa agli Stati Uniti, dall’Australia all’Estremo oriente».

I dati Istat sul commercio estero indicano, infatti, una crescita dell’export di trattrici nel 2013 pari al 3,4% in valore (oltre 1,7 miliardi di euro), e una crescita anche delle altre tipologie di macchine pari al 7% (quasi 2,9 miliardi di euro).

 

UN SISTEMA CHE SI STA INDEBOLENDO

 

«Il sistema agricolo italiano si sta indebolendo molto rispetto a quello dei principali Paesi europei – osserva Goldoni – e una ripresa degli investimenti nella meccanizzazione costituisce uno dei fattori chiave per la competitività della nostra economia primaria, oltre che per una piena ripresa della meccanica di comparto. Proprio a questo fine abbiamo avviato con il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina un importante e positivo confronto sulle priorità e sulle possibili politiche per il settore».

 

Fonte: FederUnacoma
Fonte immagine: New Holland Agriculture

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori
Meccagri.it - Social media
Seguici su Facebook Seguici su Instagram Seguici su Youtube Seguici su Twitter