McCormick: tre kit per accedere con l’alta potenza al credito d’imposta 4.0

Macchine , Trattori 17/09/2020 -

La potenza McCormick avanza in tecnologia grazie all’introduzione di tre kit Agricoltura 4.0, di cui due realizzati in collaborazione con Topcon, leader nel settore degli impianti satellitari.

I nuovi kit sono stati concepiti per predisporre i trattori McCormick all’accesso ai crediti d’imposta sull’acquisto di beni strumentali 4.0. Crediti introdotti dalla Legge di Bilancio 2020 e creati per rendere i processi agricoli più accurati ed efficienti attraverso l’uso di sistemi tecnologici avanzati e connessi.

 

TRE KIT CON TRE DIFFERENTI GRADI DI SPECIALIZZAZIONE

 

Composti da differenti strumenti con differenti gradi di specializzazione i tre kit sono strutturati da una centralina elettronica con telemetria, antenna GPS con modem e sim card integrati, abbonamento dati e piattaforma web per 5 anni.

Al kit in versione base denominato Agricoltura 4.0 Argo, si affianca la versione Agricoltura 4.0 Standard che, partendo dal kit Agricoltura 4.0 Argo, vede l’aggiunta del sistema di guida automatica AES 35, antenna GPS AGI-4 EGNOS per satelliti e monitor GPS X25 con precisione 20/30 cm.

Infine, il kit Agricoltura 4.0 Advanced (nella foto sopra), il massimo livello di tecnologia, dove al kit Agricoltura 4.0 Argo si aggiungono antenna GPS AGI-4 RTK per satelliti, modem CL10 con abbonamento NTRIP 5 anni e monitor GPS X25 con precisione 3 cm.

 

CENTRALINA CON TELEMETRIA COMUNE AI TRE KIT

L’analisi della trattrice da remoto è assicurata dalla centralina con telemetria, comune a tutti i kit. Attraverso interfaccia web, via dispositivi mobili, si possono analizzare dati quali consumi e media oraria, limitare i giri motore, geo-localizzare il mezzo con possibilità di delimitare le aree di lavoro oltre alla gestione dei sistemi di guida assistita o automatica, ad alta precisione.

La semplicità d’impiego di queste tecnologie permette di monitorare e amministrare al meglio i costi dell’azienda.

contiamo di continuare a registrare un deciso incremento delle vendite dei nuovi pacchetti che già oggi è in deciso aumento».

 

ACCESSO ASSICURATO ALLE AGEVOLAZIONI

Queste soluzioni, personalizzabili sulle esigenze e sulle richieste di ogni tipologia di cliente, assicurano l’accesso alle agevolazioni garantite dal credito d’imposta 4.0 che ha sostituito, con la Legge di Bilancio 2020, il precedente iper-ammortamento.

La detrazione arriva fino al 40 per cento per l’acquisto di beni materiali innovativi 4.0 ed è aperta a tutte le aziende agricole italiane. Per usufruire del credito, detraibile nei 5 anni successivi a quello in cui i beni sono acquistati, è necessario inviare una comunicazione al Ministero dello Sviluppo Economico, allegando tutti i documenti fiscali di acquisto del bene, con autocertificazione (per beni di valore inferiore a 300mila euro) o perizia (per beni superiori a 300mila euro).

È necessario acquistare i beni, materiali o immateriali, tra il 1° gennaio 2020 e il 31 dicembre 2020, oppure emettere l’ordine pagando un acconto pari almeno al 20 per cento dell’intero importo entro questa data e mettere in funzione il bene entro il 30 giugno 2021.

 

CON IL CREDITO DEL MEZZOGIORNO E LA LEGGE SABATINI, CUMULABILI AL CREDITO D’IMPOSTA, LA DETRAZIONE PUÒ ARRIVARE AL 95 PER CENTO

Oltre che al bando Inail – o bando ISI – che prevede contributi a fondo perduto fino al 50 per cento della spesa per investimenti in macchinari agricoli, il credito d’imposta 4.0 si aggiunge ad altre due forme di agevolazione fiscale cumulabili con lo stesso, tanto da poter raggiungere nel caso anche fino al 95 per cento di detrazione.

Il credito del Mezzogiorno, infatti, anch’esso previsto nella Legge di Bilancio 2020, prevede agevolazioni fiscali fino al 45 per cento per investimenti in beni strumentali per le attività situate nelle regioni del meridione.

Per ottenere la detrazione occorre presentare domanda all’Agenzia delle Entrate, che verifica i requisiti, entro il 31 dicembre 2020 per acquisti effettuati tra il 1° aprile 2016 e il 31 dicembre 2020. Un ulteriore 10 per cento di detrazione, destinato alle piccole e medie imprese, è garantito dalla nuova Legge Sabatini, per l’acquisto di nuovi beni strumentali e tecnologie digitali, hardware e software 4.0 così come previsto dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Una volta ottenuta la conferma, la banca o l’intermediario finanziario eroga in maniera parziale o totale il contributo, con una provvista presso la Cassa depositi e prestiti.

La richiesta di finanziamento deve essere presentata e approvata entro il 30 dicembre 2020. A quel punto l’azienda avrà tempo 12 mesi per realizzare il proprio investimento.

 

UN’OPPORTUNITÀ DA NON PERDERE

«Avanzamento tecnologico grazie ai nuovi kit McCormick e sgravi fiscali concessi dalle agevolazioni introdotte dalla Legge di Bilancio 2020: da questa combinazione i nostri clienti hanno l’opportunità di raggiungere, in alcuni casi, anche il 95 per cento di credito d’imposta».

Così ha commentato Mario Danieli, Country Manager Italia per Argo Tractors, che ha aggiunto: «Si tratta senza dubbio di un’opportunità straordinaria che permette di migliorare l’efficienza del proprio parco macchine, la sua efficienza e redditività e, per questo, contiamo di continuare a registrare un deciso incremento delle vendite dei nuovi pacchetti che già oggi è in deciso aumento».

 

 

Fonte: Argo Tractors

 

vedi anche:

Landini: tecnologie 4.0 per la collaudata Serie 6H

L'azienda del mese
Sotto i riflettori
trattori breaking news