Rotoripper Selvatici by Bertoni, per una lavorazione del terreno particolare

Attrezzature 25/03/2021 -

Rotoripper Selvatici by Bertoni, frutto della collaborazione tra Selvatici e Bertoni, ideatore quest’ultimo del progetto che è coperto da brevetto, viene presentato come un ripuntatore rotativo in grado di lavorare a una profondità (regolabile tramite ruote di livello) compresa tra  15 e 40 centimetri e in condizioni di terreno sia molto secco sia molto umido, senza alterare la struttura del suolo.

Si tratta, per l’esattezza, di un attrezzo portato al terzo punto del trattore e animato da presa di forza, con sei ancore nella cui parte terminale sono imbullonati dei particolari coltelli con uno specifico angolo che ne favoriscono l’ingresso nel suolo.

 

LE ANCORA DURANTE LA LAVORAZIONE NON SONO FISSE

La peculiarità dell’attrezzo – quella che gli ha valso il riconoscimento di Novità Tecnica al Concorso Novità Tecniche 2020-2021 di Eima International – consiste nel fatto che le ancore non sono fisse come nei ripuntatori tradizionali ma si muovono lungo una traiettoria di tipo ellittico grazie ad un meccanismo biella-manovella. Di conseguenza il terreno viene sminuzzato molto più finemente rispetto al ripper tradizionale.

 

UNA MIGLIORE STRUTTURA DEL TERRENO CON COSTI RIDOTTI

Il movimento del coltello finale, che avviene dal basso verso l’alto, porta in superficie strati di terreno fertile e li va a mescolare con quelli superficiali migliorando la struttura stessa del suolo.

Il terreno così lavorato  non richiede in genere una passata aggiuntiva con un erpice di finitura, consentendo una riduzione di circa il 30 per cento  del consumo di carburante se paragonata alla lavorazione tradizionale svolta con ripuntatore classico e fresatrice, oltre ad un minore compattamento del terreno stesso.

Un ulteriore aspetto da considerare è la velocità di lavoro, superiore del 30 per cento rispetto a quella di una vangatrice tradizionale delle stesse dimensioni.

Da segnalare ancora che tutti gli snodi sono su cuscinetti autolubrificanti di ultima generazione per ottimizzare la manutenzione.

Attualmente l’attrezzo è disponibile con larghezze di lavoro di 160, 180 e 200 centimetri per trattori da 50 a 100 cavalli.

 

 
© riproduzione riservata
 
 

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori