SDF: tutto pronto per lo Stage V

Macchine 20/05/2021 -

Dopo il lancio risalente al maggio 2020 del Delfino, il primo specializzato di SDF proposto con motore Stage V, il Gruppo di Treviglio  prosegue quest’anno il percorso di rimotorizzazione dei suoi trattori specializzati con propulsori che rispettano lo standard delle emissioni Stage V.

 

APPLICAZIONE DEI MOTORI STAGE V MANTENENDO INALTERATE LE DIMENSIONI DEI TRATTORI

L’obiettivo, come ha fatto presente Massimo Ribaldone, R&D Executive Vice President  SDF, nella  conferenza stampa di presentazione dei risultati economici del 2020, era quello di realizzare un  motore che permettesse di soddisfare i requisiti  imposti dalla normativa europea senza  impattare sulle dimensioni del prodotto. «Ci siamo riusciti – ha precisato Ribaldone – con il motore FarMotion, che, provvisto di un after treatment particolarmente compatto, ci ha consentito, come si potrà vedere nei prossimi mesi, di realizzare macchine specialistiche Stage V le cui dimensioni sono esattamente uguali a quella delle precedenti generazioni Stage IIIB».

L’introduzione di nuovi motori ha comportato anche un aumento delle potenze e delle coppie, a fronte però di una riduzione dei regimi massimi di rotazione, a tutto vantaggio dell’affidabilità, del contenimento delle emissioni e della parsimonia nei consumi di gasolio.

 

IN RAMPA DI LANCIO I NUOVI MODELLI EXPLORER

Il nuovo Explorer Stage V da 125 cavalli (anche nella foto di apertura, con Lodovico Bussolati, CEO di SDF).

 

Il passaggio allo Stage V non riguarderà soltanto le nuove generazioni delle famiglie di specializzati ma anche alcuni modelli da campo aperto.

Il primo debutto al riguardo sarà quello, ormai imminente, della nuova gamma Explorer, «una macchina importantissima per il Gruppo – ha commentato Ribaldone – perché è nata nel 1983 e da allora rappresenta un pilastro fondamentale della nostra produzione».

I nuovi modelli, provvisti di motori FarMotion a 3 e 4 cilindri conformi allo standard Stage V, conservano la compattezza e l’agilità delle versioni precedenti, che costituiscono i “plus” di questi trattori multiuso, ma offrono una potenza maggiore e sono caratterizzati da numerosi elementi innovativi nella cabina e nell’idraulica.

 

LO SVILUPPO DI PIATTAFORME GLOBALI

Un’ulteriore novità, infine, riguarda lo sviluppo di piattaforme globali. «Il fatto di poter disporre  di piattaforme standardizzate, con diversi livelli di scalatura, ci garantisce la massima flessibilità – ha concluso Ribaldone – e, abbinato alla produzione di componenti core su base globale e alla presenza di gruppi di progettazione worldwide di recente appositamente riorganizzati, ci permette  di produrre con standard qualitativi perfettamente in linea con le richieste dei diversi mercati».

 

 
© riproduzione riservata
 
 
 
 

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori
trattori breaking news