Ucraina: ammontano ormai a un miliardo di dollari i danni subiti da trattori e macchinario agricolo

News 16/06/2022 -

Il conflitto con la Russia ha già provocato danni all’agricoltura ucraina nel suo complesso per 4,29 miliardi di dollari. Il calcolo è stato fatto dai ricercatori della Kyiv School of Economics (KSE) in un Rapporto che porta la data del 14 giugno.

«L’aggressione da parte della Russia non colpisce solo la capacità di esportare liberamente i nostri prodotti agricoli e di sfamare circa 400 milioni di persone all’anno in tutto il mondo. I danni a terreni, infrastrutture e macchinari agricoli hanno effetti diretti sulla produzione di derrate agricole nel Paese», ha affermato Roman Neyter, esperto del Center for Food and Land Use Research del KSE Institute.

Circa la metà dei danni (per l’esattezza 2,135 miliardi di dollari) a detta dei ricercatori sarebbero a carico dei terreni agricoli che, oltre ad essere stati inquinati da mine e munizioni, hanno subito deterioramenti dello strato fertile da attribuire a bombardamenti, cingoli di carri armati e di altri veicoli militari, con conseguente perdita dei raccolti. A questi danni diretti vanno poi sommati quelli indiretti, dal momento che molti agricoltori sono stati impossibilitati ad accedere ai loro campi per effettuare la raccolta dei prodotti. Le stime parlano di circa 2,4 milioni di ettari di colture invernali destinate a rimanere sul campo provocando danni per 1,435 miliardi di dollari.

 

TRATTORI E CAMION I BERSAGLI PREFERITI

Al secondo posto per entità ci sono i danni subiti dalle macchine e dalle attrezzature agricole – per l’esattezza 926 milioni di dollari – a causa di bombardamenti, attacchi aerei e battaglie nelle immediate vicinanze.

Trattori e camion, si legge nel Report, sono sottoposti a rischi maggiori rispetto ad altri tipi di attrezzature in quanto possono essere utilizzati non solo per attività agricole ma anche per scopi bellici, come, ad esempio, lo scavo di trincee, il trasporto e la logistica. Ciò aumenta la probabilità che le fattorie ricadano in zone teatro di combattimenti ed espone  i macchinari al rischio di esproprio. Senza trascurare l’eventualità, come è accaduto nelle aree controllate dall’esercito russo, che le macchine agricole, soprattutto quelle più costose, vengano rubate.

Il costo stimato dai ricercatori per la sostituzione e la riparazione dei macchinari danneggiati è di 926,1 milioni di dollari. Nell’effettuare i calcoli, viene spiegato, il principio adottato è quello di “ricostruire meglio” e si ricorre alla sostituzione con nuovi macchinari nei casi in cui quelli che venivano usati siano andati completamente distrutti.

 

 
Fonte: Kyiv School of Economics
 

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori
trattori breaking news