Valtra: la quinta generazione delle serie N e T

Macchine , Trattori 05/07/2021 -

Brand identity completamente rinnovata, più incisiva e moderna comunicazione e, in primo luogo, progettazione di nuove gamme di trattori potenti, altamente tecnologici ma di semplice utilizzo ed estremamente eclettici.

Derivati inoltre da un concept globale e da una filosofia di produzione su misura, che si traduce nella possibilità di realizzare macchine personalizzate, in tutto e per tutto rispondenti alle specifiche esigenze manifestate dalla clientela.

Il nuovo volto di Valtra è ormai una realtà consolidata e, dietro la spinta di una tonificata carica e della ricerca di soluzioni costruttive sempre più avanzate, in concomitanza con il suo settantesimo anniversario il marchio finlandese ha dato il via ad un ennesimo nuovo corso della propria attività, concretizzato nella proposta di un ricco pacchetto di novità.

 

ANCORA PIÙ SMART E CONFORTEVOLI

Serie N

Così, dopo il lancio della nuova serie G – la prima della quinta generazione di trattori della casa scandinava – avvenuto l’anno scorso, seguito nel gennaio 2021 da quello dei compatti utility della serie A5, sono approdati alla loro quinta generazione anche i trattori delle serie N e T, presentati direttamente dallo Showroom Valtra durante il grande evento virtuale dello scorso 16 aprile.

Trattori reduci da un profondo intervento di revisione che li ha aggiornati guardando alle dotazioni di altissimo livello, dai motori alle trasmissioni fino alle cabine, e a crescenti standard di comfort e sicurezza, senza mai rinunciare alle loro classiche prerogative di affidabilità, versatilità e design di prima classe, equipaggiandoli inoltre di un’elettronica ai vertici della modernità che li rende perfetti strumenti dell’agricoltura di precisione.

 

TRATTORI POLIVALENTI, ADATTI A UN VASTO RANGE DI IMPIEGHI

Serie T

Anche nella sua versione di quinta generazione la serie N si conferma particolarmente agile e caratterizzata da un egregio rapporto peso/potenza, frutto di una concezione e di uno sviluppo con cui Valtra ha voluto assicurare, in questo caso più che mai, una estrema polivalenza che rende il trattore capace di lavorare in modo efficace in un vasto range di ambiti, nei campi come negli allevamenti, nelle attività forestali come in quelle municipali.

Polivalenza assicurata, sia per la famiglia N sia per la famiglia T, innanzitutto dalla possibilità di scelta, come detto, tra centinaia di funzionalità ed opzioni, montate già in fabbrica da personale specializzato in grado di installare qualsiasi apparecchiatura desiderata dalla clientela per le specifiche applicazioni.

 

QUATTRO MODELLI CON POTENZE MASSIME DA 145 A 201 CAVALLI PER LA SERIE N STAGE V

Ora la nuova serie N (nella foto sopra) è declinata in quattro modelli, con potenze nominali che spaziano fra i 135 e i 165 cavalli e potenze massime che, grazie al surplus erogato dalla funzione Sigma Power, vanno dai 145 ai 201 cavalli.

Sotto i loro cofani alloggiano robusti e reattivi propulsori Agco Power a quattro cilindri serie “49 LFTN-D5”, da 4,9 litri di cilindrata, con turbo ottimizzato e conformità allo standard Stage V in materia di emissioni senza necessità di ricorso a sistemi EGR ma con sistema di post-trattamento dei gas di scarico che associa catalizzatore DOC e filtro DPF alla riduzione catalitica selettiva (SCR). Si tratta di unità che concorrono a contenere le masse intorno ai 65 quintali, con leggere variazioni a seconda del modello, e i passi nell’ordine dei 2.665 millimetri.

 

OTTO MODELLI CON POTENZE MASSIME DA 170 A 271 CAVALLI PER LA SERIE T STAGE V

Sono otto invece i modelli che formano la nuova serie T (nella foto sopra e in quella di apertura), dotati di potenze comprese tra i 155 e i 235 cavalli nominali e tra i 170 e i 271 cavalli di potenza massima con boost attivato, erogati da unità Agco Power Stage V a sei cilindri turbo intercooler con valvola wastegate elettronica e common rail ad alta pressione (2.000 bar), da 6,6 litri o 7,4 litri a seconda del modello.

In ogni caso, anche grazie ad una coppia elevata – fino a 1.000 newtonmetri nel top di gamma, il T255, raggiungibili a 1.500 giri al minuto – viene garantita la forza necessaria all’esecuzione delle operazioni più impegnative. Le masse stavolta si aggirano intorno ai 73 quintali e i passi toccano i tre metri.

 

MODELLI HITECH, ACTIVE E VERSU DOTATI DI POWERSHIFT E DIRECT CON CVT

N175, top di gamma

Sempre all’insegna della più spiccata versatilità, oltre all’ampio ventaglio di dotazioni a disposizione dei nuovi trattori di casa Valtra, su tutti i modelli N e T è ancora una volta possibile calibrare le tecnologie di bordo sulla base delle quattro configurazioni disponibili, corrispondenti a quattro tipi di trasmissione, così da garantire agli utilizzatori di trovare quella più adatta ad ogni impiego in tutte le condizioni: HiTech, Active e Versu – con tre cambi powershift a cinque rapporti, oggi ulteriormente arricchiti di nuove funzionalità e di nuovi hardware e software, che, viene sottolineato dal costruttore, offrono la possibilità di operare come se si trattasse di una trasmissione continua – più la versione Direct con trasmissione a variazione continua.

 

QUINTA GENERAZIONE NEL SEGNO DELL’AGRICOLTURA DI PRECISIONE

Serie N

Ma la fondamentale linea guida del profondo restyling che ha interessato la quinta generazione delle serie N e T del costruttore scandinavo è stata l’abbinamento della facilità di impiego tipica di questi trattori ai loro contenuti tecnologici di assoluta avanguardia, espressi soprattutto dagli strumenti dell’Agricoltura Intelligente.

Un settore, lo Smart Farming, sul quale Valtra sta puntando molto nell’ultimo periodo attraverso lo sviluppo di specifiche tecnologie idonee a facilitare ed alleggerire il lavoro, oltre a svolgere un ruolo essenziale in vista del raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità e di miglioramento della produttività.

 

TECNOLOGIA INTELLIGENTE INTEGRATA

Serie T

In evidenza dunque sui nuovi trattori N5 e T5, già dotati di sterzo automatico o di soluzioni avanzate dell’agricoltura di precisione, evolute funzionalità di Smart Farming, gestite dal bracciolo SmartTouch, che spaziano dal sistema di guida automatizzato Valtra Guide al controllo dell’attrezzo Isobus, dal Section Control al Variable Rate Control e al TaskDoc (grazie a tutti questi software i dati delle attività possono essere trasferiti senza problemi dal trattore al sistema di gestione aziendale) fino al sistema di telemetria Valtra Connect.

Da segnalare inoltre il nuovo sistema di gestione Auto U-Pilot – che combina l’innovativa gestione delle operazioni a fine campo Valtra Headland Management con Valtra Guide. – deputato ad automatizzare le manovre di fine campo e a controllare l’attrezzo con maggiore precisione ai confini del campo, richiedendo una minore attenzione da parte dell’operatore.

Tenendo comunque presente la possibilità, a fronte della rapida crescita del numero di opzioni software disponibili a seguito del continuo sviluppo della tecnologia Smart Farming di casa Valtra, di aggiornare costantemente e facilmente in tale ambito i trattori SmartTouch del brand finlandese.

 

DI SERIE IL DISPLAY SUL MONTANTE DESTRO, IN SOSTITUZIONE DEL TRADIZIONALE QUADRO STRUMENTI

Serie N

Ad agevolare l’utilizzo dei trattori delle nuove serie N e T e l’adozione della tecnologia Smart Farming, poi, contribuiscono, oltre alle nuove caratteristiche della trasmissione e del motore, le cabine riprogettate all’insegna dell’alto tasso di innovazione.

All’interno di queste ultime si mette in luce, in particolare, l’avvenuta sostituzione del tradizionale cruscotto situato dietro il volante con un display a colori inserito sul montante destro, dove vengono visualizzate tutte le informazioni più importanti relative alla macchina: la parte superiore del display mostra sempre alcune impostazioni predefinite, come la velocità di guida, il regime motore e l’ora, mentre nella parte inferiore l’operatore può scegliere quali informazioni visualizzare per controllare, in modo preciso e nel formato preferito, il trattore e l’attrezzo.

Il display, inoltre, mostra la stazione radio e le informazioni trasmesse dallo smartphone tramite una connessione Bluetooth.

Interno cabina Serie N

Lo stesso display, sui modelli HiTech e Active, può essere utilizzato anche per configurare le impostazioni del motore, dell’impianto idraulico e della trasmissione, tutte attività che sui modelli Versu e Direct possono essere svolte anche tramite il bracciolo SmartTouch, a seconda del tipo di operazione e delle preferenze dell’operatore.

 

PIANTONE DELLO STERZO RIPROGETTATO, LEVA DELL’INVERSORE AGGIORNATA E NUOVA FUNZIONE START BOOST

Cabina T255 Active Interni Premium

La scomparsa del classico cruscotto nelle cabine delle serie N e T di quinta generazione, favorevole anche ad una migliore visibilità, ha consentito a Valtra di riprogettare il piantone dello sterzo, cosicché ora è più facile regolare la posizione del volante, adesso leggermente maggiorato nel diametro ma sempre molto pratico (caratteristica tipica dei trattori del marchio scandinavo).

Anche la rinomata leva dell’inversore Valtra è stata aggiornata, mirando ad una superiore facilità del cambio di direzione di marcia quando si usano comandi diversi (ad esempio la leva SmartTouch o il TwinTrac).

Più facili, inoltre, risultano le partenze da fermo, anche con carichi pesanti, grazie alla nuova funzione Start Boost e ad un più rapido cambio di velocità che apporta un notevole miglioramento nella circolazione su strada.

 

PIÙ COMFORT PER UNA MAGGIORE PRODUTTIVITÀ

Interni cabina Serie T

Sul versante degli elevati livelli di comfort offerti dalle rinnovate cabine, quella adottata sui modelli N5 e T5 SmartTouch, ridisegnata nel lato destro, annovera un sedile con una più ampia possibilità di rotazione rispetto al passato: sui comodi sedili Valtra Evolution di nuova generazione, infatti, la parte superiore dello schienale ruota con l’operatore e lo accompagna quando si deve girare parzialmente all’indietro per controllare l’attrezzo posteriore.

Gli interni scuri Premium di elevata qualità, poi, sono disponibili come optional e includono, tra le tante caratteristiche, un volante rivestito in pelle, pedali parzialmente cromati e un’imbottitura in gomma sulla parte inferiore dei vani portaoggetti.

 

INEDITA APP PRECISION LIFT & LOAD PER OTTIMIZZARE L’IMPIEGO DEL CARICATORE FRONTALE

Serie N

Le novità lanciate da Valtra per le sue nuove macchine di quinta generazione riguardano anche i caricatori frontali montati in fabbrica, che si distinguono da molti anni per elevate prestazioni, facilità d’uso e idoneità ad un vasto range di attività, comprese quelle più impegnative in termini di potenza idraulica.

E si tratta di novità sicuramente molto interessanti, proposte dall’alto della solida e apprezzata tradizione vantata in questo ambito dal costruttore finlandese, artefice di trattori che, grazie al loro raggio di sterzata ridotto, al cofano motore ribassato e all’ampio tetto panoramico capace di offrire una eccellente visibilità, formano un binomio ideale con il caricatore frontale.

Pertanto sui nuovi modelli delle serie N e T, ma anche G, dotati di bracciolo SmartTouch, sarà disponibile in opzione a partire dal prossimo autunno la nuovissima app Precision Lift & Load, in grado di ottimizzare l’impiego del caricatore frontale, migliorandone la precisione di controllo e la sicurezza e consentendo all’operatore di misurare le attività di caricamento in un modo completamente nuovo.

 

ELEVATA PRECISIONE E SICUREZZA

La precisione del lavoro risulta notevolmente incrementata attraverso la funzionalità bilancia, deputata a pesare i carichi di diversi materiali (incluse le balle di fieno negli allevamenti), dopodiché l’app raccoglie i dati relativi al peso che vengono poi trasferiti su un foglio Excel. Anche produttività e sicurezza vengono, come detto, potenziate, grazie alla possibilità di impostare i limiti massimi e minimi dei movimenti e degli angoli del caricatore, arrestando automaticamente l’attrezzo al raggiungimento delle soglie stabilite. In più, una intuitiva funzione di scuotimento contribuisce ad agevolare il completo svuotamento della benna.

La nuova app (disponibile anche in retrofit) può essere avviata e configurata nelle impostazioni in modo molto facile dal monitor touchscreen sul bracciolo SmartTouch e non richiede comandi o display separati, cosicché l’operatore può concentrarsi sul lavoro mentre il trattore regola automaticamente tutte le impostazioni per il carico. Le funzioni Precision Lift & Load impostate per le diverse attività del caricatore frontale, inoltre, possono essere salvate come profili nell’interfaccia SmartTouch ed essere richiamate prima di eseguire nuovamente la stessa attività.

Il software SmartTouch, poi, elabora i dati trasmessi dai sensori di pressione, dai sensori di posizione e dalla centralina ECU alloggiati nel braccio del caricatore frontale “intelligente” e successivamente invia gli input inseriti dall’operatore al front loader.

 

© Stefania Capponi

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori
trattori breaking news