Agco: fatturato netto record di 14,4 miliardi di dollari (+13,9%) nel 2023, ma la domanda è in calo

Primo piano 08/02/2024 -
Agco: fatturato netto record di 14,4 miliardi di dollari (+13,9%) nel 2023, ma la domanda è in calo

Agco ha realizzato nel 2023 un fatturato netto di 14,4 miliardi di dollari, in crescita del 13,9 per cento (+13,8% escludendo gli impatti favorevoli della conversione valutaria) rispetto al 2022.

L’utile netto riportato è stato di 15,63 dollari per azione, mentre quello rettificato, che esclude gli oneri di svalutazione, le spese di ristrutturazione e altri elementi correlati, è stato di  15,55 dollari per azione. Risultati che si confrontano con quelli del 2022, che aveva fatto registrare un utile netto riportato di 11,87 dollari per azione e un utile netto rettificato di 12,42 dollari per azione.


Leggi anche >>> Agco: vendite nette a quota 12,7 miliardi di dollari nel 2022, con ulteriori previsioni di crescita


 

VENDITE NETTE IN CALO NEL QUARTO TRIMESTRE DELL’ANNO: -2,5% RISPETTO AL 2022

Da segnalare però le deludenti performance del quarto trimestre dell’anno caratterizzato da un fatturato netto di 3,8 miliardi di dollari, in calo del 2,5% rispetto al quarto trimestre del 2022, un utile netto riportato di 4,53 dollari per azione (4,29 dollari per azione nel 2022) e un utile netto rettificato di 3,78 dollari per azione (4,47 dollari nel 2022).

 

CRESCITA DEL 2023 SOSTENUTA DALLE ATTIVITÀ DI PRECISION FARMING E DALLA GLOBALIZZAZIONE DEI PRODOTTI FENDT

Agco Fendt Rogator 900 Series

«Agco ha ottenuto risultati record nel 2023, evidenziati da vendite nette e margini operativi significativamente più elevati grazie alla continua attuazione della nostra strategia Farmer-First e alla solida domanda dell’intero settore ­– ha affermato Eric Hansotia, Chairman, presidente e amministratore delegato di Agco –. Stimolati dalle nostre iniziative di crescita ad alto margine di globalizzazione di una linea completa di prodotti a marchio Fendt, dal business dell’agricoltura di precisione e dall’espansione del nostro business di ricambi e servizi, le vendite nette hanno superato il mercato e i margini operativi rettificati per l’intero anno hanno raggiunto un livello record al 12,0% delle vendite nette».

«Abbiamo inoltre continuato ad aumentare i nostri sforzi di sviluppo tecnologico con spese di progettazione in aumento di oltre il 23% nel 2023 rispetto al 2022 e di oltre il 60% rispetto al 2020 – ha aggiunto –. Questi livelli di investimenti più elevati stanno producendo un aumento dei brevetti tecnologici per Agco, prodotti pluripremiati che aumentano il valore per i nostri agricoltori e risultati finanziari record per i nostri azionisti».

 

PREVISTE CONDIZIONI DI MERCATO PIÙ DIFFICILI NEL 2024

Agco 2024 Market Outlook

«Per il 2024 – ha proseguito Hansotia –  resteremo concentrati sulle nostre principali iniziative di crescita e sulla promozione di ulteriori efficienze operative. Ci aspettiamo che questi sforzi mitighino parte dell’indebolimento della domanda del settore. Nel 2024 si prevedono condizioni del mercato globale più impegnative a causa della riduzione dei prezzi delle materie prime e delle aspettative di reddito agricolo leggermente inferiori. Nonostante le previsioni di vendita inferiori, ci aspettiamo margini più elevati e più resilienti rispetto ai cicli passati grazie ai miglioramenti strutturali nella nostra attività. Continueremo ad accelerare gli investimenti in tecnologie premium, soluzioni agricole intelligenti e capacità digitali migliorate per sostenere la nostra strategia Farmer-First, contribuendo al tempo stesso a nutrire il mondo in modo sostenibile».

 

REDDITI AGRICOLI IN CALO NELLE PRINCIPALI REGIONI

Esaminando la situazione generale del mercato, «la produzione agricola globale quasi record nel 2023 ha comportato un aumento delle scorte di cereali e i prezzi delle materie prime si sono di conseguenza ritirati dai livelli molto elevati registrati negli ultimi 24 mesi – ha affermato Hansotia –. Sebbene ancora forte rispetto ai livelli storici, il reddito agricolo è diminuito modestamente nelle principali regioni nel 2023 e un altro modesto calo è previsto per il 2024. Gran parte del parco macchine del settore è stato rinnovato negli ultimi tre anni e le scorte dei concessionari sono state ricostituite. Le vendite al dettaglio di macchine agricole a livello mondiale per l’intero anno nel 2023 sono state inferiori nei mercati chiave di Agco con vendite più deboli di attrezzature di minori dimensioni compensate da maggiori vendite di macchine più grandi».

 

FLETTE LA DOMANDA IN NORDAMERICA

Agco Ripartizione vendite nette 2023 per aree geografiche

A livello generale le vendite di trattori al dettaglio dell’industria nordamericana per l’intero anno 2023 sono diminuite del 3% rispetto al 2022. Le minori vendite di attrezzature più piccole sono state parzialmente compensate dalla forte crescita dei trattori e delle mietitrebbie di alta potenza. I prezzi relativamente favorevoli delle materie prime, l’età prolungata della flotta e la tecnologia agricola di precisione hanno stimolato la domanda da parte degli agricoltori che si dedicano alle colture a filari. Si stima che nell’anno in corso il restringersi previsto dei redditi agricoli e il rinnovamento della flotta metteranno sotto pressione la domanda del settore, con conseguente indebolimento delle vendite rispetto al 2023.

Con preciso riferimento ad Agco, le vendite nette in Nord America sono aumentate del 18,0% nell’intero anno 2023 rispetto al 2022, escludendo l’impatto favorevole della conversione valutaria. L’incremento è stato determinato principalmente dai prezzi favorevoli e dalle maggiori vendite di trattori di alta potenza, attrezzature per applicazioni e mietitrebbie.

Il reddito operativo riferito all’intero anno è aumentato di 180,5  milioni di dollari rispetto al 2022 e i margini operativi sono stati del 12,2%. Il miglioramento è stato il risultato di prezzi notti positivi e di un mix di prodotti favorevole, parzialmente controbilanciati da maggiori spese di vendita, generali e amministrative (“spese SG&A”) e spese di ingegneria.

 

CALI DELLE VENDITE PREVISTI NEL 2024 ANCHE IN SUD AMERICA

Le vendite di trattori al dettaglio dell’industria sudamericana sono diminuite dell’8% nel 2023 rispetto all’anno precedente. La domanda al dettaglio in Brasile è stata influenzata negativamente dalle carenze di finanziamento del programma di prestiti sovvenzionati dal governo. Il sano reddito agricolo, i tassi di cambio favorevoli e la continua espansione della superficie coltivata hanno favorito l’aumento delle vendite di attrezzature agricole ad alta tecnologia, che hanno parzialmente compensato la debolezza della domanda di attrezzature più piccole a causa dei ritardi nei finanziamenti. Dopo tre anni forti, si prevede che la domanda al dettaglio in Sud America si indebolirà ulteriormente nel 2024 a causa del calo dei prezzi delle materie prime e del reddito agricolo.

Per quanto riguarda Agco, le vendite nette sono aumentate del 2,6% rispetto al 2022, escludendo l’impatto della conversione valutaria favorevole, nonostante i cali significativi nel quarto trimestre. Gli impatti positivi sui prezzi e il mix di prodotti favorevole dei trattori ad alta potenza hanno contribuito in gran parte all’aumento.

Gli aumenti delle vendite in Brasile sono stati parzialmente compensati dalle minori vendite in Argentina. Nonostante i notevoli sconti nel quarto trimestre, il reddito operativo per l’intero anno 2023 è aumentato di 12,5 milioni di dollari rispetto al 2022. Questo aumento è stato principalmente il risultato di prezzi netti positivi, parzialmente compensati dal minor volume di vendite e dai considerevoli oneri di risoluzione dei concessionari.

 

SI PREANNUNCIA UN ANNO IMPEGNATIVO IN EUROPA OCCIDENTALE

Presentazione dell'MF 9S di Massey Ferguson (gruppo Agco) ad Agritechnica 2023

Le vendite di trattori al dettaglio da parte dell’industria dell’Europa occidentale sono diminuite del 4% per l’intero anno 2023 rispetto ai livelli elevati del 2022. Il sentiment degli agricoltori nella regione ha continuato a essere influenzato negativamente dal conflitto in Ucraina e dalla maggiore inflazione dei costi di produzione. Ulteriori cali della domanda industriale sono previsti nel 2024 poiché i livelli di reddito più bassi mettono sotto pressione la domanda da parte dei coltivatori, mentre si prevede che la buona domanda da parte dei produttori lattiero-caseari e di bestiame attenuerà parte del calo.

​Relativamente ad Agco, le vendite nette in questa regione sono aumentate del 17,3% per l’intero anno 2023 rispetto al 2022, escludendo gli impatti negativi della conversione valutaria. Al miglioramento ha contribuito la buona crescita nei principali mercati europei. La maggior parte della crescita è stata determinata dai prezzi positivi e dall’aumento delle vendite di trattori di fascia media e di potenza elevata, nonché di pezzi di ricambio. Il reddito operativo è aumentato di 316,5 milioni di dollari per l’intero anno 2023 rispetto al 2022 e i margini operativi sono migliorati di 240 punti base. Il miglioramento è stato determinato da prezzi netti positivi, parzialmente compensati da maggiori spese SG&A e spese di ingegneria.

 

LA SITUAZIONE IN ASIA/PACIFICO/AFRICA

Le vendite nette in Asia/Pacifico/Africa sono state pressoché stabili, escludendo l’impatto negativo della conversione valutaria, durante l’intero anno 2023 rispetto al 2022 per effetto di prezzi positivi compensati dai minori volumi di vendita di trattori e mietitrebbie. Le maggiori vendite in Australia sono state in gran parte compensate dalle minori vendite in Giappone. Il reddito operativo  è diminuito di 39,6 milioni di dollari per l’intero anno 2023 rispetto al 2022 a causa di maggiori costi di materiali e manodopera e di maggiori spese SG&A.

 

ATTESO PER L’INTERO ANNO 2024 UN UTILE DI 13,15 DOLLARI PER AZIONE SU VENDITE NETTE DI CIRCA 13,6 MILIARDI DI DOLLARI

Agco prevede per l’anno in corso vendite nette di circa 13,6 miliardi di dollari, che riflettono volumi di vendita inferiori, prezzi piuttosto positivi e una conversione valutaria favorevole, margini operativi pari a circa l’11%, per effetto dell’impatto delle minori vendite, dei minori volumi di produzione e degli investimenti relativamente stabili in ingegneria e altre tecnologie per supportare l’agricoltura di precisione e le iniziative digitali di Agco. Sulla base di questi presupposti, l’utile per azione nel 2024 è previsto a circa 13,15 dollari.

 

 
© riproduzione riservata
 

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori
Meccagri.it - Social media
Seguici su Facebook Seguici su Instagram Seguici su Youtube Seguici su Twitter