Comer Industries: fatturato a quota 633,7 milioni di euro (+19%) nel primo semestre dall’anno

News 08/08/2022 -

Nel primo semestre 2022 Comer Industries ha realizzato un utile netto di 48,1 milioni di euro, contro i 22,6 milioni del 30 giugno 2021, corrispondente al 7,6% del fatturato. I ricavi consolidati, si legge nella nota stampa diffusa dalla società di Reggiolo (Reggio Emilia), sono pari a 633,7 milioni di euro (+19%),  mettendo insieme i risultati dei marchi Comer Industries, pari a 333,3 milioni(+14,9%) e i ricavi derivanti dai marchi Walterscheid pari a 300,4 milioni (+23,9%).

L’Ebitda è cresciuto a 84,1 milioni di euro (+31,5%) e l’Ebit si attesta a 62,2 milioni di euro(+51%). La posizione finanziaria netta adjusted è pari a 125,3 milioni, in peggioramento di 4,6 milioni rispetto al 31 dicembre 2021, derivante principalmente da un incremento del capitale circolante netto generato, fra le altre componenti, da una crescita delle rimanenze.

 

DOMANDA PARTICOLARMENTE SOSTENUTA NEL SETTORE AGRICULTURE

In un primo semestre 2022 caratterizzato da alcune dinamiche che hanno incrementato la complessità dei mercati già iniziata nel corso dell’anno 2021, evidenzia la nota stampa, il mercato ha continuato a riconoscere Comer Industries  come un operatore industriale di grande solidità, in grado, grazie anche alla propria presenza internazionale e a una gamma di prodotti e servizi di assoluto riferimento per il settore, di confermarsi per i propri clienti come un partner affidabile e di valore.

Anche per tali ragioni, la domanda nella prima parte dell’anno è stata particolarmente sostenuta, specialmente nel settore Agriculture, dove il Gruppo detiene una posizione di leadership a livello internazionale. Un settore, quello delle tecnologie per l’agricoltura, che risulterà ancora più rilevante negli anni a venire per la sempre maggiore attenzione a livello generale verso sistemi di coltivazione più produttivi e al contempo rispettosi degli equilibri ambientali.

 

IL MIGLIOR SEMESTRE DI SEMPRE E FIDUCIA PER LA SECONDA PARTE DELL’ANNO

«Archiviamo il miglior semestre di sempre, con una solida crescita dei ricavi ed un incremento della redditività grazie ai primi risultati dei progetti di integrazione», ha commentato Matteo Storchi, presidente e amministratore delegato del gruppo leader nella produzione di sistemi di trasmissione di potenza, sottolineando che «l’efficiente gestione di operations e supply chain e il focus su mercato e clienti si confermano come punto di forza dell’azienda in un contesto inflazionistico senza precedenti».

«Gli ottimi risultati realizzati trovano supporto in una struttura finanziaria solida e sostenibile – ha fatto presente Storchi –. Le performance record del primo semestre ci portano quindi ad essere fiduciosi per la seconda parte dell’anno, nonostante lo scenario macroeconomico sia caratterizzato da incertezza e volatilità crescente».

 

 
Fonte: Comer Industries

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori