Deutz-Fahr: nuova Serie 5, molto più di un upgrade motoristico

Primo piano 03/06/2021 -

Nasce all’insegna della massima modularità e flessibilità la nuova generazione della Serie 5 di Deutz-Fahr con la quale il brand tedesco, lungi dal limitarsi all’adeguamento ai dettami della normativa sulle emissioni Stage V, ha voluto accrescere ulteriormente la propria capacità competitiva in uno dei segmenti di più grande interesse a livello europeo potenziando tutte quelle caratteristiche chiave che un trattore utility deve poter garantire, vale a dire versatilità, agilità, efficienza e sicurezza, comfort operativo, il tutto in abbinamento ad un design rivisitato, in linea con quello delle macchine di più alta potenza.

 

CONFIGURABILITÀ AI MASSIMI LIVELLI

La nuova gamma è composta da cinque modelli con potenze comprese tra 95 e 126 cavalli che, grazie all’alto livello di personalizzazione garantito dalle numerose opzioni previste, sono in grado di offrire la soluzione adatta a qualsiasi applicazione: dai lavori in campo aperto, a quelli nelle colture a filari, alla fienagione, ai lavori in stalle e lavorazioni stazionarie, così da soddisfare al meglio le esigenze di ogni utente.

 

MOTORI FARMOTION CONFORMI ALLO STAGE V, APPOSITAMENTE PROGETTATI PER L’AGRICOLTURA

Sotto i cofani della Serie 5 Stage V troviamo o i motori FARMotion 35 a 3 cilindri (per una manovrabilità e agilità di livello superiore) o i FARMotion 45 a 4 cilindri (destinati alle applicazioni più pesanti), entrambi in grado di erogare alta potenza e una coppia costante per un elevato range di rotazioni al minuto, esaltando le proprie doti di adattamento a qualsiasi campo di utilizzo.

In evidenza le dimensioni ridotte di questa nuova famiglia di propulsori che ha permesso di dotare il trattore di un cofano dal design compatto e inclinato che garantisce un’ottima visibilità dal sedile di guida e ampi angoli di sterzata.

 

INIEZIONE COMMON RAIL AD ALTA PRESSIONE E DUE REGIMI MOTORE MEMORIZZABILI

Il consumo di gasolio e la rumorosità sono ridotti al minimo grazie all’iniezione Common Rail a gestione completamente elettronica, in grado di raggiungere pressioni fino a 2.000 bar, per una migliore combustione grazie all’elevata polverizzazione del combustibile e una tangibile riduzione delle emissioni inquinanti.

L’iniezione ad alta pressione consente inoltre al motore di far fronte con maggiore rapidità alle più repentine variazioni di carico. Una centralina elettronica dedicata modula in maniera ottimale il flusso di gasolio in base alle variazioni di regime e di carico del motore.

La centralina comprende anche una funzione di gestione delle velocità con la quale l’operatore può impostare e richiamare i limiti minimo e massimo del regime motore per specifiche operazioni o mantenere un regime motore costante.

 

AMPIA OFFERTA DI TRASMISSIONI, A PARTIRE DA UN CAMBIO MECCANICO A 5 VELOCITÀ

L’ampia offerta di trasmissioni di tipo modulare, che ha come base un cambio meccanico a 5 marce,  contribuisce a rendere la Serie 5 un trattore polivalente in grado di svolgere qualsiasi lavorazione.

Tra le opzioni la possibilità di scegliere tra un inversore meccanico sincronizzato o un PowerShuttle idraulico, ma si possono anche avere due o tre rapporti in Powershift. Entrambe le versioni raggiungono i 40 chilometri orari ad un regime motore ridotto. Disponibili a richiesta anche il riduttore e il super-riduttore, con i quali non solo vengono raddoppiati i rapporti sia in marcia avanti sia in retromarcia, ma si può lavorare anche con il motore alla massima potenza avanzando a soli 300 metri all’ora.

 

POWERSHIFT A TRE LIVELLI CON APS

Per le trasmissioni HML (a 3 marce Powershift) è ora disponibile la nuova funzionalità APS (Automatic PowerShift) che è in grado di gestire in totale autonomia il rapporto powershift più adatto alle condizioni di utilizzo per massimizzare ed ottimizzare le prestazioni della macchina. L’operatore può sempre intervenire su un potenziometro per finalizzare, secondo le proprie esigenze, la gestione dell’APS.

Un’altra importante funzione offerta dall’inversore è il rinomato sistema Stop&Go che consente il controllo del trattore in movimento agendo sui soli pedali dei freni.

 

FINO A QUATTRO VELOCITÀ PER LA PTO

La presa di potenza dispone di tutte le 4 velocità (540/540E/1000/1000E) ed è innestata da una frizione multidisco in bagno d’olio a controllo elettroidraulico, semplicemente premendo un pulsante. Sul parafango posteriore è inoltre possibile installare un comando esterno.

Ulteriore dimostrazione della versatilità estrema della nuova Serie 5 è anche l’offerta di una PTO sincronizzata con albero di uscita indipendente e una PTO anteriore da 1000 giri/min.

La funzione “PTO AUTO” permette inoltre di gestire automaticamente il funzionamento della PTO in funzione della posizione del sollevatore posteriore elettronico.

 

IMPIANTO IDRAULICO A POMPA SINGOLA DA 55 LITRI AL MINUTO O A DOPPIA POMPA DA 90 LITRI

Per soddisfare ogni esigenza operativa, la nuova Serie 5 viene proposta con due diverse configurazioni dell’impianto idraulico, ovvero con pompa singola con portata di 55 litri al minuto  o doppia da 90 litri al minuto di portata con impianto elettronico “on-demand” che consente di disporre della massima portata idraulica soltanto quando necessario. Inoltre lo sterzo della nuova Serie 5 è sempre dotato di una pompa indipendente da 40 litri al minuto.

 

UN MASSIMO DI 4 DISTRIBUTORI IDRAULICI POSTERIORI A DOPPIO EFFETTO

Tutti i trattori sono provvisti di serie di due (oppure tre, nella versione opzionale) distributori idraulici posteriori meccanici a doppio effetto con regolatore di flusso e scarico libero. È anche disponibile un ulteriore distributore posteriore a doppio effetto, controllato elettroidraulicamente dal posto di guida tramite un interruttore a bilanciere, per un totale di 4 distributori idraulici posteriori.

Tutti i distributori meccanici sono dotati di una funzione di “blocco” meccanico della leva di comando, per consentire di erogare un flusso d’olio continuo.

 

SOLLEVATORE POSTERIORE A CONTROLLO COMPLETAMENTE ELETTRONICO, A RICHIESTA, CON CAPACITÀ MASSIMA DI OLTRE 5.400 CHILI

La nuova Serie 5 offre di serie il noto sollevatore a controllo meccanico, ma può anche essere equipaggiata a richiesta del sollevatore con controllo completamente elettronico, che prevede alcune comode funzioni extra, come la limitazione dell’altezza massima, la regolazione della velocità di abbassamento, il sistema di smorzamento delle vibrazioni e l’inserimento automatico della PTO.

La capacità massima di sollevamento è di oltre 5.400 chilogrammi, a seconda del modello, e a richiesta può essere installato anche un sollevatore anteriore da 2.100 chilogrammi.

 

DUE VERSIONI DELL’ASSALE ANTERIORE E FUNZIONE SDD A RICHIESTA

Progettate e realizzate internamente, le due versioni dell’assale anteriore offrono entrambe la trazione integrale e il bloccaggio del differenziale ad innesto elettroidraulico.

I trattori 5095, 5100 e 5105 sono dotati di assale anteriore con carico massimo ammesso di 2.900 chilogrammi e angolo di sterzata massimo di 50 gradi, mentre sui modelli 5115 e 5125, il carico è aumentato a 3.000 chilogrammi e l’angolo di sterzata a 55 gradi.

La funzione Steering Double Displacement (SDD) è disponibile su richiesta per tutti i modelli; questa funzione riduce del 50 per cento il numero di giri del volante, per manovre rapide in spazi ristretti.

I modelli 5115 e 5125 possono anche essere provvisti di “Hydraulic Parking Brake” (freno di stazionamento idraulico) che garantisce stazionamenti sempre sicuri anche su elevate pendenze e con carichi pesanti, aumentando la capacità frenante fino al 250 per cento rispetto ad un sistema tradizionale.

Inoltre questa soluzione innovativa riduce anche le dissipazioni di potenza di ben 1,5 kW (2 CV circa), a tutto vantaggio di un efficiente impiego e risparmio di gasolio.

Impianti frenanti di livello superiore aumentano il livello di sicurezza: freni a disco montati su tutte e 4 le ruote. Da segnalare infine, tre le numerose opzioni previste, una gamma completa di diversi tipi di impianti frenanti per i rimorchi che consente l’uso in sicurezza della Serie 5 anche per applicazioni che prevedano un notevole uso per trasporti su strada.

 

UN CARICATORE FRONTALE ESPRESSAMENTE DEDICATO

Sono previste due versioni di caricatore frontale, il “Light kit” e il “Ready kit”, predisposte già in fabbrica. Entrambe si basano su un telaio speciale che supporta il caricatore frontale, ma sul Ready kit vengono aggiunti un joystick al posto di guida e tutte le connessioni idrauliche ed elettriche.

Telaio fisso con caricatore frontale con connessione Hydro-Fix.

Per assicurare una corretta distribuzione dei pesi sugli assi, è prevista una zavorra posteriore dedicata, al fine di proteggere l’assale anteriore da elevate sollecitazioni meccaniche.

 

UNA MODERNA E LUSSUOSA CABINA A 4 MONTANTI

La nuova cabina TopVision assicura un comfort ed un’ergonomia ottimali grazie ad un basso livello di rumorosità, un’elevata qualità dei materiali ed un’attenta disposizione di tutti i comandi.

La struttura a 4 montanti della cabina permette l’adozione di ampie superfici vetrate per una visibilità a 360 gradi e gli innovativi “Hydro Silent-Blocks” sui quali è montata, aumentano il comfort in qualunque lavorazione.

Per una perfetta illuminazione notturna, sul tetto, di nuovo design, è possibile installare fino a 12 fari da lavoro. In aggiunta anche i montanti della cabina e il nuovo frontale della cofanatura possono ospitare ulteriori proiettori dedicati al lavoro. Tutti disponibili con tecnologia LED.

Il piantone dello sterzo completamente adattabile, il sedile con sospensione pneumatica regolabile, il seggiolino passeggero ripiegabile, il tetto ad alta visibilità apribile, un potente impianto di climatizzazione con 10 bocchette di areazione, radio DAB con Bluetooth, prese USB sono solo alcune delle attenzioni offerte dalla Serie 5 per il comfort degli operatori.

Merita infine una menzione l’ampia scelta di pneumatici e cerchi disponibili, tra cui pneumatici stretti dedicati alle lavorazioni interfilari e pneumatici di tipo municipale per la manutenzione stradale.

 

PRONTI PER L’AGRICOLTURA 4.0

Un moderno dispositivo di trasmissione dati collega direttamente il trattore all’azienda agricola per consentire ai clienti l’analisi in tempo reale dei dati del loro trattore.

Avvalendosi del modulo CTM la nuova applicazione SDF Fleet Management, nell’ambito delle SDF Smart Farming Solutions, permette di conoscere, in tempo reale e comodamente dall’ufficio, i dati prestazionali delle macchine al lavoro, fornendo informazioni precise sulla loro posizione, il consumo di gasolio, la velocità media e le ore di lavoro, oltre a possibili codici di errore e/o allarme.

 

 
Fonte: Deutz-Fahr
 
 

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori
trattori breaking news