Eima Agrimach India: un progetto vincente

Eventi 11/12/2011 -

Bilancio nettamente positivo per la seconda edizione della rassegna internazionale Eima Agrimach India, svoltasi a Pusa (New Delhi) dall’8 al 10 ottobre. Oltre 25.700 visitatori hanno partecipato alla kermesse indiana, con un incremento del 30% rispetto all’edizione 2009, confermando il grande interesse del Paese per la meccanizzazione agricola. Trattrici, mietitrebbiatrici, attrezzature per la lavorazione del terreno, per i trattamenti alle colture, per la raccolta dei prodotti e la gestione degli allevamenti sono infatti strumenti fondamentali per l’aumento della produttività e il miglioramento qualitativo di un sistema agricolo che deve garantire la sicurezza alimentare ad una popolazione che si appresta a raggiungere 1,2 miliardi di persone, in un Paese che destina ingenti risorse agli approvvigionamenti e che assegna ormai alla sicurezza alimentare un budget pari a sei volte quello, pur cospicuo, destinato alla difesa.

La sicurezza alimentare non è, tuttavia, l’unico obiettivo del sistema agricolo indiano, che si propone anche come fornitore di materie prime energetiche. I sottoprodotti agricoli, i residui delle lavorazioni e le deiezioni zootecniche sono infatti fonti energetiche rinnovabili, che possono essere convenientemente sfruttate contribuendo così a soddisfare i fabbisogni crescenti del Paese. A questo tema è stato dedicato, nella giornata conclusiva di Eima Agrimach, un workshop  coordinato dal presidente dell’Itabia (Italian biomass association) Vito Pignatelli,  che ha visto la presenza di esperti di Istituti universitari e di ricerca collegati con il Ministero indiano delle energie nuove e rinnovabili. Nel corso dell’incontro è stato possibile mettere a confronto le esperienze acquisite da India e Italia nei diversi campi di applicazione della bioenergia, finalizzate al perseguimento di importanti obiettivi di salvaguardia ambientale, e allo sviluppo della “green economy”. Sempre nella giornata di sabato 10 dicembre, si è svolto poi un incontro promosso dal Cermet (organismo italiano per la certificazione e la ricerca della qualità) e dalla Regione Emilia Romagna, finalizzato a mettere in luce i criteri di valutazione della qualità delle filiere agricole.

 Confermata la partnership FederUnacoma-Ficci per l’edizione 2013

«Il successo di Eima Agrimach consolida la collaborazione tra FederUnacoma e Ficci – ha dichiarato a conclusione della manifestazione il presidente di FederUnacoma Massimo Goldoni – e rilancia i comuni progetti per il prossimo futuro». «Lavoriamo sin d’ora per la prossima edizione, che si terrà nel dicembre 2013 – ha aggiunto Goldoni – ma stiamo mettendo in cantiere anche altre iniziative finalizzate ad alimentare questa importante partnership italo-indiana, in particolare realizzeremo giornate di studio e di scambio tecnico in occasione della prossima EimaInternational, che si svolgerà a Bologna nel novembre 2012, mentre stiamo ipotizzando di realizzare in India, già dall’anno prossimo, giornate dimostrative di meccanizzazione agricola in campo, come eventi preparatori di Agrimach 2013».

L'azienda del mese
Sotto i riflettori
trattori breaking news