Il nuovo Virtus di Same fa di flessibilità virtù

Macchine , Trattori 25/10/2012 -

Il segmento di potenza è quello medio ma per adattabilità alle singole esigenze Virtus non ha molto da invidiare ai trattori di potenza più elevata. Si giustifica così l’attesa, in vista dell’Eima, per questo nuovissimo modello di di Same, che alcuni degli adetti ai lavori hanno già avuto modo di vedere in anteprima in occasione dei festeggiamenti per i 70 anni dell’azienda di Treviglio. La nuova serie, progettata all’insegna della massima flessibilità che si traduce in un’ampia liberta di scelta nella configurazione delle caratteristiche del trattore, è composta da tre modelli: Virtus 100, Virtus 110 e Virtus 120, con potenze massime rispettivamente di 99, 110 e 122 cavalli a 2.000 giri al minuto. Il modello Virtus 120 in particolare, con un rapporto peso-potenza di 38,5 kg/cv e un carico massimo ammissibile di 8.000 kg crea, a detta  di Same, una nuova categoria di trattore, al momento unica nel mercato.

MOTORI DEUTZ TIER 4 INTERIM E 4 TRASMISSIONI A SCELTA

Sotto al cofano troviamo un motore Deutz da 3,6 litri,  4 cilindri common rail a controllo elettronico, emissionato Tier 4 interim grazie al sistema di ricircolo dei gas di scarico esterno e  raffreddato a liquido. Quattro opzioni per la trasmissione: dal cambio meccanico 10Av+10 Rm (5 marce per due gamme) fino al cambio 60Av+60 Rm Overspeed (5 marce per 4 gamme e Powershift a tre stadi) che permette di raggiungere i 40 chilometri orari  a regime economico del motore o, nei Paesi in cui le normative lo consentono, i 50 chilometri orari. Di serie su tutti i modelli l’inversore idraulico Sense Clutch e il dispositivo Stop&Go che permette di gestire il movimento del trattore agendo esclusivamente sui pedali dei freni, senza intervenire sul pedale della frizione, una funzione utile, ad esempio, nelle operazioni con pala caricatrice, nella fase di aggancio delle attrezzature o nelle partenze in salita. Sulla leva dell’inversore idraulico è stato integrato un modulatore di reattività con cui l’operatore è in grado, a seconda delle proprie esigenze di lavoro, di selezionare e ottenere una risposta dell’inversore più o meno reattiva. Quattro velocità per la Pto – 540, 540 Eco, 1.000  e 1.000 Eco – sincronizzata al cambio con albero di uscita indipendente e Pto anteriore da 1.000 giri al minuto.

Virtus è dotato anche dell’innovativo sistema di sterzo Sdd (Steering Double Displacement), che garantisce un miglior comfort di guida ed aiuta il conducente nelle manovre più precise e impegnative. Tramite un pulsante, infatti, il conducente può dimezzare i giri volante per effettuare la sterzata massima, aumentando il comfort in alcune operazioni ripetitive come la svolta a fine campo o le manovre con caricatore frontale.

SISTEMA IDRAULICO 60 ECO E “ENERGY SAVING”

Un ulteriore punto di forza del Virtus è rappresentato da tre differenti soluzioni d’impianto idraulico: pompa singola da 60 litri al minuto, doppia pompa da 90 litri al minuto e sistema 60 Eco a controllo elettronico con doppia pompa in grado di erogare 60 litri al minuto già a 1.600 giri motore. Innovativo anche il sollevatore posteriore a controllo elettronico con una capacità di sollevamento di 4.650 chili, estensibile a richiesta a 6.600 chili grazie a martinetti supplementari. Si possono scegliere distributori ausiliari a 6-8 vie meccanici o i più evoluti distributori a comando elettrico proporzionale a 6-8-10 vie con regolatore di flusso/tempo. Inoltre, quando il sollevatore e i distributori non sono utilizzati, ad esempio nelle fasi di trasporto, l’impianto idraulico “energy-saving”, attraverso una specifica valvola on-off del circuito idraulico, chiude automaticamente il flusso d’olio ai servizi e lo rimanda direttamente alla trasmissione. Questo permette all’olio di mantenere una temperatura più bassa, preservandone la qualità e la durata.

L’efficacia della frenata è garantita dal sistema di frenatura integrale idrostatica con freni indipendenti a dischi in bagno d’olio sulle 4 ruote. Su tutti i modelli è disponibile un innovativo freno di stazionamento denominato Park-Brake che provvede a bloccare il trattore in modo sicuro ed efficiente. Per migliorare ulteriormente il comfort, è disponibile il moderno sistema Powerbrake, di concezione automobilista, che assiste l’operatore in frenata riducendo il carico sul pedale ma garantendo la massima capacità frenante.

CABINA CON NUOVE ERGONOMIE E PERSONALIZZABILE

La nuova cabina Classe E, firmata Giugiaro Design, con comandi di semplice utilizzo grazie alla logica ‘color line’, può essere dotata di sospensione meccanica o pneumatica e di numerose personalizzazioni. Disponibile, infine,  una versione a due ruote motrici con freni ed assale a larghezza registrabile che ben si presta alle lavorazioni interfilari.

 © riproduzione riservata
L'azienda del mese
Sotto i riflettori
trattori breaking news