MENU

Kuhn: ad Agrilevante 2019 il lancio mondiale delle nuove big baler serie SB

By at Ottobre 3, 2019 | 20:00 | Print

Kuhn: ad Agrilevante 2019 il lancio mondiale delle nuove big baler serie SB

Sempre particolarmente attenta agli eventi fieristici che possono rappresentare un significativo momento di incontro e di diretto contatto con produttori agricoli e partner, Kuhn anche quest’anno ha voluto attribuire un’importanza speciale alla sua presenza ad Agrilevante (Padiglione Nuovo, stand C20), la grande rassegna barese di macchine e tecnologie per l’agricoltura.

Un appuntamento considerato in seno al gruppo francese una preziosa occasione per partecipare ad una autorevole vetrina della più innovativa meccanizzazione agricola al servizio di tutte le filiere agroindustriali tipiche del Mezzogiorno. E valido punto di riferimento, inoltre, non solo per il Sud Italia ma per l’intera area mediterranea.

Così, riaffermando il suo grande punto di forza costituito dalla capacità di offrire al mercato delle attrezzature agricole una gamma articolata ed esaustiva di soluzioni, in grado di supportare davvero ogni tipologia di scelta agronomica, Kuhn si accinge a portare sotto i riflettori di Agrilevante 2019 varie novità di sicuro interesse.

 

LANCIO MONDIALE DELLE NUOVE BIG BALER SERIE SB: QUATTRO MODELLI PER TRE DIVERSE DIMENSIONI DI BALLE

Scegliendo il palcoscenico della biennale barese, innanzitutto, per il lancio mondiale della nuova serie di presse per balle rettangolari SB, composta da quattro versatili modelli – SB 890, SB 1270 X, SB 1290 (particolarmente indicato per il mercato italiano) e SB 1290 iD (nella foto sopra) – idonei a produrre balle rispettivamente da 80 x 90, 120 x 70 e 120 x 90 centimetri, offrendo così una risposta a molteplici esigenze e performance di alto livello su qualunque tipo di coltura foraggera.

 

PIÙ DENSITA E CAPACITÀ (FINO AL 15%) PER UNA MAGGIORE PRODUTTIVITÀ

Si tratta di una nuova generazione di big baler – interamente progettata e realizzata in casa Kuhn – concepita all’insegna di superiori requisiti di efficienza di gestione del prodotto e di capacità di lavorare con una altissima produttività, in grado quindi di realizzare balle perfette in ogni circostanza e di elevata densità.

Prestazioni garantite dall’integrazione delle comprovate funzionalità firmate Kuhn con innovative e ben congegnate soluzioni tecnologiche, che non perdono mai di vista semplicità di impiego e comfort operativo, come pure un’estrema robustezza abbinata a rimarchevole longevità, alle quali molto contribuisce l’upgrade rappresentato dal potenziamento della trasmissione.

Obiettivo finale: ottenere macchine realmente capaci, grazie al loro aumentato rendimento di lavoro, di incrementare la redditività delle operazioni di pressatura.

 

ALIMENTAZIONE DEL FORAGGIO OTTIMIZZATA

E, per raggiungere una soddisfacente redditività, uno dei fattori principali va individuato nella capacità di alimentazione della pressa.

Ecco perché la casa di Saverne ha dotato le sue nuove big baler SB di un sistema di alimentazione del foraggio ottimizzato, laddove la protezione del foraggio di nuova concezione, associata all’aumento della coppia a livello del rotore e della trasmissione della forca di alimentazione, assicura rispetto ai modelli precedenti, oltre ad una superiore resistenza, un incremento della capacità di lavoro che, sottolinea il costruttore, arriva fino al 15 per cento.

 

SISTEMA BREVETTATO DI REGOLAZIONE DELLA COPPIA

Tra le più avanzate soluzioni costruttive adottate su queste nuove presse, spicca il sistema di regolazione della coppia (brevettato da Kuhn) che garantisce un perfetto equilibrio tra capacità operativa e densità delle balle.

Il sensore di posizione dell’angolo di biella e i perni di carico dell’asta del pistone, infatti, misurano il carico totale della macchina e questo sofisticato e preciso metodo di misurazione, applicato nell’arco di un intero ciclo del pistone, permette di ottenere balle più pesanti, il che si traduce a sua volta in maggiore efficienza in termini di trasporto e movimentazione delle balle stesse.

 

UN MIX DI TECNOLOGIE EVOLUTE E TOTALE COMPATIBILITÀ ISOBUS

Da segnalare, poi, l’esclusivo rotore Integral Rotor presente su tutti i modelli SB, progettato in vista di un flusso di foraggio ottimale e munito di denti imbullonabili con piastre antiusura in Hardox, a garanzia di eccellente resistenza e grande semplicità di sostituzione.

Ma il pacchetto di tecnologie evolute che corredano le nuove big baler SB del gruppo francese – totalmente Isobus compatibili e facilmente controllabili a livello di organi di trasmissione e di cinematismi dal terminale Isobus del trattore o dai terminali CCI 50 e CCI 1200 di Kuhn – annovera anche l’esclusivo meccanismo di riempimento attivo della pre-camera (Power Density) con sistema meccanico di guida della forca di nuova progettazione, deputato a produrre balle perfettamente uniformi e compatte, ed il nuovo sistema di legatura con doppio legatore e monitoraggio elettronico dello spago (di serie), che contribuisce alla formazione di balle ad elevatissima densità.

Senza dimenticare il sistema idraulico di rilevamento del carico di cui sono dotate di serie le macchine SB, che viene utilizzato per le funzioni relative al blocco dell’assale, all’orientamento dei coltelli, allo scivolo di scarico e all’espulsione delle balle.

 

GARANTITI ELEVATA SEMPLICITÀ E COMFORT PER L’OPERATORE

Il nuovo design delle pareti della camera di pressatura di queste big baler, inoltre, riesce a garantire un accesso ottimale alle parti interne della macchina per le operazioni quotidiane di ispezione e manutenzione, mentre, al fine di migliorare la sicurezza, la piattaforma dei legatori è provvista di gradini robusti e di un corrimano di protezione.

Grazie al pesante volano e ai già citati componenti idraulici con rilevamento del carico e all’esclusivo sistema di regolazione della coppia, poi, l’operatore può beneficiare anche di un comfort supplementare.

 

SB 1290 iD: COMPRESSIONE AD ALTISSIMA DENSITÀ

In assoluta evidenza all’interno della nuova linea di presse per balle rettangolari SB, il modello SB 1290 iD si rivela particolarmente indicato laddove sia necessario realizzare balle ad altissima densità, con notevole flessibilità di prestazioni sia in condizioni di lavorazioni convenzionali sia nelle circostanze più impegnative (con le colture energetiche e da biomassa, ad esempio).

Particolarmente robusta, questa big baler produce infatti balle con una densità nettamente superiore (fino al 25 per cento in più, viene specificato) in confronto a quella delle macchine tradizionali 120 x 90. Ed il merito spetta al sistema a doppio pistone TwinPact (brevetto Kuhn), che consente una compattazione efficiente ed intelligente, evitando sovraccarichi di potenza sulla macchina a dispetto del maggior peso delle balle ed eliminando pertanto la necessità di trasmissione, volano e telaio principale sovradimensionati.

 

DUE SOLUZIONI PER L’AGRICOLTURA INTELLIGENTE

Tra le nuove proposte che Kuhn ha scelto di esporre in occasione di Agrilevante 2019 si segnalano anche due innovative soluzioni in grado di esprimere efficacemente l’importante potenziale di applicazione sul campo dell’agricoltura intelligente.

 

AXIS 40.2 H-EMC, LO SPANDICONCIME HI TECH DI ULTIMA GENERAZIONE

Vedi, in tema di spandiconcime di ultima generazione, l’Axis 40.2 H-EMC, Gps Control Ready e totalmente Isobus compatibile per poter gestire le operazioni di distribuzione tramite i terminali Kuhn CCI  oppure direttamente dal terminale Isobus del trattore, oltre che dotato di larghezza di lavoro variabile (Section Control) e dell’innovativo sistema di distribuzione CDA, comune a tutti gli Axis, grazie al quale la dose corretta viene distribuita nel posto giusto, evitando “l’effetto dose”.

 

MASSIMA PRECISIONE SU CIASCUN DISCO

Uno spandiconcime altamente hi tech, dunque, equipaggiato di serie con l’avanzata tecnologia EMC (Electronic Mass Control) che garantisce la dose di concime ottimale per la coltura con una precisione al secondo.

Il sistema EMC, azionato mediante il sistema idraulico del trattore, consente infatti di regolare il flusso di fertilizzante su ciascun disco di spargimento in modo completamente indipendente, basandosi sul rapporto proporzionale tra la portata del concime di ogni bocchetta e la coppia di azionamento di ogni disco e misurando e regolando immediatamente, tramite un sensore elettromagnetico, la portata del concime sui lati sinistro e destro.

Il che significa, in altri termini, che ogni secondo la posizione della valvola di dosaggio viene corretta in funzione della coppia della trasmissione misurata su ogni disco di spargimento, rilevando e correggendo istantaneamente in automatico le variazioni di portata e la regolazione dell’apertura della bocchetta in caso di mancata corrispondenza con la dose programmata.

E si tratta di un controllo non influenzato dalla quantità di concime in tramoggia, dalle vibrazioni e dalle pendenze – criticità tipiche dei sistemi di pesatura convenzionali – con il risultato di ottenere un superiore livello di precisione e di comfort.

 

IL NUOVO ARATRO REVERSIBILE PORTATO VARI-MASTER L ON LAND

In grande risalto a Bari, derivato da un concept esclusivo mirato ad assicurare efficienza, comfort di utilizzo e qualità di lavoro in fase di aratura, anche il nuovo aratro reversibile portato Vari-Master L On Land, presentato ad Agrilevante da Kuhn nella versione fuori solco (che consente di sfruttare tutta la trazione disponibile dei trattori cingolati o equipaggiati con pneumatici larghi, preservando al contempo il terreno dal compattamento) in assetto a 5 corpi.

 

CONCEPITO PER OTTIMIZZARE I COSTI DI UTILIZZO

Affidabile e robusto, Vari-Master L On Land è nato guardando espressamente all’obiettivo dell’ottimizzazione dei costi di utilizzo, come attesta la sua speciale cinematica che annulla eventuali deviazioni legate alle variazioni di sfalsamento o larghezza di lavoro: l’aratro, infatti, resta sempre perfettamente allineato alla direzione di avanzamento, garantendo una considerevole riduzione dell’usura e dei consumi di carburante.

Quanto alla solidità strutturale, il sistema Vari esente da manutenzione, oltre a massimizzare la velocità di lavoro ed elevare la produttività, grazie alla sua biella di guida integrata nel telaio fornisce una protezione ottimale contro gli urti. E la struttura saldata meccanicamente, così come le parti soggette ad usura forgiate, conferiscono al nuovo aratro portato di Kuhn una considerevole longevità.

Il nuovo timone ricurvo, inoltre, determina una minore fuoriuscita della ruota, così da poter lavorare il più vicino possibile ai bordi del campo e perfezionare la finitura degli appezzamenti.

Da segnalare, poi, il sistema di regolazione brevettato dell’altezza e dell’angolo di attacco dell’avanvomere, effettuabile semplicemente tramite un perno, in modo da permettere, con una sola manipolazione e senza l’ausilio di attrezzi, un’ottima estirpazione e un perfetto interramento dei residui colturali.

 

CON SMART PLOUGHING FUNZIONALITÀ ESCLUSIVE PER MIGLIORARE LE OPERAZIONI DI ARATURA

L’agricoltura intelligente, poi, ha fatto ingresso anche nel settore dell’aratura grazie ad un’altra innovativa soluzione progettuale firmata Kuhn, già pluripremiata, rappresentata dal sistema “Smart Ploughing” (“aratura intelligente”), che contribuisce non poco ad esaltare l’efficienza dell’aratro Vari-Master L On Land.

Un sistema, completamente integrato nel telaio, che in abbinamento alla tecnologia Isobus introduce funzionalità esclusive in grado di migliorare considerevolmente le operazioni di aratura.

Funzionalità quali, in primo luogo, il sollevamento automatico e individuale di ogni singolo corpo dell’aratro comandato, in vista di maggiori livelli di comfort e precisione, tramite segnale Gps. A questo si abbina la geolocalizzazione dell’aratro, che permette di automatizzare sia la sequenza di immersione sia quella di emersione dei corpi nei solchi, al fine di eseguire un lavoro omogeneo e ripetibile sull’intero appezzamento indipendentemente dalle condizioni di lavoro e dalla forma del campo, garantendo un’uscita rapida e precisa di ciascun corpo ed eliminando così l’effetto a Z che si riscontra con i tradizionali aratri.

Anche il ribaltamento dell’aratro alla fine del campo avviene automaticamente, quando tutti i corpi sono sollevati. Le sovrapposizioni a fondo campo, dal canto loro, sono ridotte al minimo necessario, migliorando in tal modo l’interramento dei residui e limitando il compattamento in capezzagna.

Sempre tramite Gps, inoltre, la funzione Smart Ploughing-Line permette di regolare la larghezza di lavoro dell’aratro (questa, come tutte le regolazioni, è eseguibile dal terminale Isobus con possibilità di memorizzazione per usi successivi), garantendo un’aratura uniforme indipendentemente dalle disomogeneità dell’appezzamento, le cui curve possono essere corrette dal sistema in vista di una aratura perfettamente rettilinea.

 

UN SITO DEDICATO ALLA RASSEGNA BARESE

Ad ulteriore conferma di quanto l’appuntamento fieristico di Bari sia sempre particolarmente sentito da Kuhn, infine, il gruppo di Saverne ha approntato un sito molto curato e dedicato alla propria partecipazione ad Agrilevante 2019.

Ecco di seguito il link: https://sb.kuhn.it/

 

 
© riproduzione riservata
 
 

 

Sotto i riflettori , , , , , , , ,

Related Posts

Comments are closed.