MENU

Kuhn: soluzioni per la fienagione

By at marzo 22, 2018 | 16:54 | Print

Kuhn: soluzioni per la fienagione

Il ruolo di punta giocato da Kuhn nel settore delle macchine per la fienagione – che continuano a rappresentare una quota molto consistente del business aziendale – non nasce certo a caso, fondato com’è su un assortimento completo di attrezzature contraddistinte da requisiti estremamente professionali e da soluzioni tecniche marcatamente innovative.

E, attraverso l’offerta di macchine particolarmente affidabili ed efficienti, l’obiettivo al quale guarda la casa di Saverne è dichiaratamente quello di una superiore produttività, coniugata, mediante la costante salvaguardia del valore energetico e delle proprietà organolettiche del fieno o dell’insilato, ad una qualità e ad una redditività ancora più alte del prodotto finale.

 

GAMMA “A GRANDE LARGHEZZA”

Un obiettivo che balza in primo piano soprattutto nel caso della gamma di macchine “a grande larghezza” firmate Kuhn, al servizio di una produzione foraggera praticata su sempre più estese dimensioni da parte delle medie e grandi realtà aziendali che hanno a disposizione per le attività di fienagione finestre temporali sempre più ristrette, necessitando dunque di una meccanizzazione specifica ad elevato rendimento in grado di assicurare, grazie alla considerevole capacità operativa e alle elevate velocità di lavoro, la possibilità di intervenire su maggiori superfici, garantendo foraggi di ottimo livello qualitativo, tagliati con nettezza e privi di impurità.

Aziende agricole di grandi dimensioni alle quali Kuhn è dunque in grado di destinare una linea di prodotto idonea a coprire al meglio tutte le tappe del processo di fienagione – dalla falciatura fino alla raccolta, alla pressatura e alla fasciatura – fornendo in tale ambito a questa tipologia di imprese modernissime ed efficaci soluzioni per il taglio, il condizionamento, il rivoltamento del foraggio e l’andanatura che, combinate tra loro, possono dar vita ad un cantiere di lavoro rimarchevole per l’elevato livello di professionalità e di prestazioni.

 

TRIPLICARE LA PRODUTTIVITÀ

E, all’interno della famiglia di falciacondizionatrici triple del gruppo francese (cantieri composti da un’unità frontale combinata posteriormente ad un doppio gruppo di taglio), capacità operativa di tutto rispetto abbinata a notevole affidabilità costituisce il tratto saliente del grande modello di combinata tripla proposta da Kuhn.

 

FALCIACONDIZIONATRICE TRIPLA FC 3125 F–FC 9530

Ad integrare le precedenti versioni da 8,10 e 8,80 metri è infatti arrivata la combinazione composta dall’unità di taglio frontale FC 3125 F, con larghezza di lavoro di 3 metri, associata al gruppo di taglio posteriore FC 9530 dotato di due barre falcianti da 3,50 metri ciascuna, con distanza reciproca regolabile (da 30 fino a un massimo di 50 centimetri) anche durante il lavoro, al fine di garantire sempre, nel massimo comfort per l’operatore, una corretta sovrapposizione di taglio in ogni situazione e condizione.

 

FINO A 9,50 METRI DI LARGHEZZA DI TAGLIO

Ammonta così a ben 9,50 metri la massima larghezza di lavoro totale consentita da questa falciacondizionatrice tripla di casa Kuhn, che vanta innovative cinematiche dei gruppi di taglio tali da permettere una luce libera da terra di circa 70 centimetri, favorendo in tal modo il perfetto adattamento al profilo del suolo (sinonimo, oltre che di risparmio di carburante, di foraggio pulito, esente da contaminazioni con particelle di terreno) e l’ottimizzazione dell’accoppiamento al sollevatore anteriore del trattore.

Il condizionatore che equipaggia la FC tripla – azionato tramite la scatola del cambio, quindi senza cinghie, e facilmente e velocemente regolabile – è provvisto di dita mobili in acciaio: l’intensità di condizionamento è determinata sia dal regime di rotazione del rotore sia dalla posizione della lamiera registrabile.

 

ESCLUSIVE BARRE DI TAGLIO OPTIDISC, CON DISTANZA DIFFERENZIATA TRA I DISCHI

In vista del contenimento dei costi e dei tempi destinati alla manutenzione, inoltre, la combinata è munita anche di coltelli a sgancio rapido Fast-Fit e delle esclusive barre di taglio Optidisc, esenti da manutenzione, sulle quali i dischi sono montati con interassi differenziati: soluzione che agevola il flusso del foraggio tra i dischi convergenti ed incrementa la sovrapposizione tra quelli divergenti, migliorando la qualità del taglio.

 

SICUREZZA PROTECTADRIVE

Da segnalare poi, su ogni disco, il sistema di sicurezza Protectadrive, che provvede a proteggere i componenti meccanici interni da impatti accidentali, mentre i deflettori laterali Flexprotect (richiudibili idraulicamente per passare in posizione di trasporto) garantiscono, grazie alla loro flessibilità, una lunga durata utile anche in caso di urto contro ostacoli.

 

SOSPENSIONE IDROPNEUMATICA DELL’UNITÀ DI TAGLIO LIFTCONTROL

Ulteriori prerogative vantate dalla falciacondizionatrice tripla di Kuhn – le cui funzioni operative sono gestibili direttamente dalla cabina del trattore – sono rappresentate dall’efficace sistema di sospensione Lift-Control (costituito da accumulatori idropneumatici), deputato all’alleggerimento delle unità falcianti e dall’attitudine da parte della falciatrice frontale FC 3125 F a depositare il flusso di foraggio sia in largo sia su andane più strette (con larghezza regolabile fino ad un minimo di circa 1,30 metri), così da adattarsi sempre alla carreggiata del trattore (stesso dicasi per le due FC posteriori, che depositano il foraggio in largo oppure su andane di larghezza regolabile da 1,85 a 2,40 metri).

 

GIROSPANDIVOLTAFIENO GF 13012 E GF 17012: ESSICCAZIONE ACCELERATA

Rendimento decisamente elevato (come dimostra una produttività che può raggiungere i 15 ettari lavorati all’ora) e minori tempi di essiccazione del foraggio, capovolto in modo uniforme su tutta la larghezza a tutto vantaggio di una raccolta in condizioni ottimali, consentendo così di approfittare al meglio delle ridotte finestre di tempo favorevoli per cogliere il prodotto al giusto grado di crescita, premessa indispensabile di qualità.

Questi invece i principali benefici garantiti dai nuovi grandi girospandivoltafieno GF 13012 e GF 17012 di casa Kuhn, dotati rispettivamente di 12 e 16 rotori e capaci di agevolare l’attività in ogni situazione operativa.

 

ELEVATA COMPATTEZZA NEL TRASPORTO

Due modelli, va subito sottolineato, dalle ingenti larghezze di lavoro – pari a 13 e 17,3 metri – ma ugualmente contraddistinti da una notevolissima compattezza nella configurazione di trasporto che, oltre ad incrementare il comfort su strada, semplifica l’entrata nei campi e lo stoccaggio: grazie ad una intelligente cinematica di ripiegamento, infatti, le dimensioni della macchina non superano quelle del trattore e la larghezza di trasporto risulta di soli 2,40 metri.

 

INNOVATIVO ADATTAMENTO AL PROFILO DEL SUOLO

E, in vista di superiore efficienza ed alto livello qualitativo del foraggio, i due girospandivoltafieno GF 13012 e 17012 dispongono di un cospicuo pacchetto di caratteristiche esclusive.

Vedi in primo luogo il sistema GSC (Ground Save Control), che consente alla trasmissione ai rotori di oscillare in modo indipendente dal telaio portante della macchina. Ogni rotore si adatta singolarmente al profilo del terreno irregolare e al telaio della macchina, riducendo i contatti con il suolo ed evitando di contaminare il foraggio.

Le ruote posizionate molto vicino alle forche, poi, limitano l’introduzione di impurità nell’andana e garantiscono una lunga durata in servizio.

 

ROTORI DI PICCOLO DIAMETRO, PER UN RIVOLTAMENTO EFFICIENTE E RAPIDO

Strategico ai fini di un efficiente rivoltamento del foraggio e di uno spargimento uniforme risulta il diametro ridotto dei rotori e il loro significativo angolo di incidenza, con rapida regolazione centralizzata che si rivela funzionale alla protezione del tappeto vegetale, mentre il giunto Digidrive a dita multiple (altra esclusiva Kuhn) garantisce la massima affidabilità della trasmissione di questi spandivoltafieno.

 

PASSAGGI D’ANDANA E SVOLTE A FONDO CAMPO FACILITATI

Le manovre e le inversioni, poi, sono rese più semplici dalla funzione idraulica di superamento dell’andana HLC (Headland Lift Control), utile per i mezzi giri a fondo campo e il sorpasso degli ostacoli: è sufficiente un impulso al distributore idraulico, tramite un tocco di pulsante in cabina, per sollevare velocemente i rotori (di 50 centimetri dal suolo in cinque secondi), ottenendo un’ampia luce libera da terra che consente il passaggio anche su andane molto voluminose.

Senza dimenticare che i giravoltafieno di grande larghezza proposti dal gruppo francese sono in grado di operare bene anche su appezzamenti più piccoli e, soprattutto, lungo le bordure, grazie al sistema opzionale per la bordura: un deflettore a cortina comandato idraulicamente che limita lo sparpagliamento del foraggio sul lato destro, evitandone l’espulsione oltre i confini del campo.

 

ANDANATORE A TAPPETO MERGE MAXX 950, CON LARGHEZZA DI LAVORO DI 9 METRI

Sul fronte dell’andanatura, dopo il modello di andanatore a tappeto Merge Maxx 700 molto apprezzato in Nord America, Kuhn ha voluto lanciare il nuovo Merge Maxx 950, con larghezza di lavoro di 9 metri, per rispondere alle specifiche esigenze del Vecchio Continente, dotandolo a tal fine di caratteristiche espressamente dedicate alle condizioni del contesto operativo europeo.

Caratteristiche che rendono questo nuovo andanatore a tappeto idoneo ad incrementare la produttività dei cantieri di lavoro e la qualità finale dei foraggi, consentendo di calibrare le andane al meglio in funzione del foraggio raccolto, riducendo il numero di passaggi e i relativi costi.

 

ANDANE REGOLARI E OMOGENEE PER UNA MAGGIORE VELOCITÀ

Capace, dunque, di raccogliere delicatamente i foraggi – sia l’erba medica sia quelli sfalciati a fine autunno – così da preservarne la maggior parte dei valori nutrizionali, sollevandoli e spostandoli evitando contaminazioni con il suolo e impurità, e depositandoli dolcemente in andane di forma regolare e ben aerate che rappresentano un presupposto fondamentale per ottimizzare le successive operazioni di raccolta in campo, tenendo conto in primo luogo del fatto che per presse, trince e altre macchine raccoglitrici un’andana omogenea, scongiurando picchi di carico durante la raccolta, può tradursi in un aumento della velocità di lavoro variabile tra i 2 e i 3 chilometri orari.

 

IL RULLO WINDGUARD “GUIDA” IL FORAGGIO

E, per garantire tali risultati a contoterzisti e grandi produttori di erba medica – suo target ideale – il nuovo Merge Maxx 950 può contare, tra i maggiori punti di forza, sulla presenza del dispositivo “windguard”: un rullo deflettore posizionato nella parte anteriore di fronte al pick-up (dotato di cinque bracci a forche e sistema di guida a camme), in grado di regolare automaticamente la propria posizione in funzione dei volumi di foraggio che si presentano davanti alla macchina, preposto ad indirizzare il foraggio dal pick-up verso i nastri trasportatori, sollevandolo ed alimentando perciò regolarmente il tappeto convogliatore in vista, appunto, di andane omogenee e ben arieggiate.

 

MOLTEPLICI MODALITÀ DI DEPOSITO DELL’ANDANA

 

A determinare la spiccata polivalenza del nuovo andanatore a tappeto di Kuhn, capace di adattarsi a qualsiasi esigenza operativa in termini di quantità di prodotto e di metodo di raccolta, è la sua estrema flessibilità a livello di posa del foraggio, a prescindere dalla struttura dei campi.

Merito di una esclusiva progettazione costruttiva che ha previsto la coesistenza di due unità mobili, così da permettere di realizzare andane a posa centrale (con larghezza regolabile per adeguarsi alle diverse larghezze di pick-up), a posa laterale o bilaterale ed anche a posa simultanea di due andane, una centrale e una laterale, per grandi volumi di foraggi e per adattarsi alle diverse tipologie di raccolta.

 

MASSIMO ADATTAMENTO AL PROFILO DEL TERRENO E AI DIVERSI TIPI DI FORAGGI

L’adattamento ai differenti profili del campo, poi, è garantito dall’azione di slitte articolate, alleggerite tramite potenti molle, che consentono oscillazioni verticali e angolari del nuovo andanatore a tappeto Merge Maxx 950, in grado dunque di adeguarsi a diversi tipi di foraggi, compresi i più fragili, e contraddistinto, unitamente all’elevata velocità di lavoro, anche da altri requisiti salienti, quali le regolazioni centralizzate delle funzioni della macchina, la stabilità in pendenza e la notevole compattezza di trasporto.

 

© riproduzione riservata
 
 

 

Attrezzature ,

Related Posts

Comments are closed.

Processing...
Thank you! Your subscription has been confirmed. You'll hear from us soon.
Iscriviti alla newsletter di Meccagri
ErrorHere