Kverneland Group: in mostra a Eima 2022 tecnologie smart per un futuro sostenibile

Attrezzature 16/11/2022 -
Kverneland Group: in mostra a Eima 2022 tecnologie smart per un futuro sostenibile

Anche a Eima 2022 Kverneland Group ha svolto un ruolo da protagonista garantito dal fitto carnet di nuove proposte in mostra presso l’imponente stand del gruppo norvegese destinate a tutte le aree della meccanizzazione agricola e formulate all’insegna della tecnologia più avanzata.

 

TUTTI I VANTAGGI DELL’ISOBUS CON LA NUOVA GENERAZIONE DI ARATRI 2501 S i-PLOUGH

Sul fronte della lavorazione del terreno e in particolare degli aratri, dove Kverneland vanta una tradizione consolidata visto che proprio questa tipologia di attrezzo ha segnato l’inizio della storia del marchio, ha fatto il suo debutto sul palcoscenico bolognese la nuova generazione di aratri portati reversibili 2501 S i-Plough – in sostituzione dell’apprezzata e pluripremiata versione 2500 S i-Plough – la cui peculiarità è quella di essere un aratro ISOBUS in grado di consentire qualsiasi impostazione dalla cabina del trattore.

Entrando nei dettagli le 4 funzioni principali controllate da Kverneland 2501 i-Plough sono: aratura, vale a dire la gestione di tutte le funzioni di regolazione direttamente dallo schermo ISOBUS; trasporto, ovvero sequenze automatiche per garantire un trasporto sicuro; mappatura, funzione indispensabile per campi irregolari per evitare manovre aggiuntive nelle testate di campo; e connessione, cioè  impostazione della barra di traino sicura che evita i problemi di connessione ai bracci inferiori del trattore. Non da ultimo, Furrowcontrol RTK/DGP garantisce solchi dritti che seguono una linea A-B definita.

Robusto e facile da impostare per elevate prestazioni di aratura, Kverneland 2501 i-Plough, che è consigliato per 30-50 CV per corpo,  è dotato sia di innovazioni sia di funzioni innovative che vanno dal trasporto su strada al perfetto campo arato. Tra queste la soluzione di trasporto a rimorchio TTS che consente all’aratro di comportarsi come un rimorchio massimizzando la sicurezza, i buri Aero-Profile che ottimizzano il flusso del terreno, il sistema intelligente Auto-Resets che utilizza molle a balestra la cui pressione di rilascio può essere facilmente adattata  alle condizioni del terreno, le regolazioni centralizzate degli avanvomeri, il cilindro di memoria unico per ridurre l’ingombro al minimo nelle entrate/uscite nelle capezzagne, le ruote di profondità e trasporto centrali e posteriori.

Per aumentare i vantaggi agronomici, l’aratro Kverneland 2501 S i-Plough può essere equipaggiato con il Packomat o con un altro sistema di compattamento per il riconsolidamento del terreno post-aratura.

 

ENDURO PRO T (TRAINATO) COMPLETA LA GAMMA DEI COLTIVATORI DI STOPPIE

Passando dagli aratri alla minima lavorazione, il pubblico di Eima ha avuto modo di vedere da vicino il nuovo coltivatore Enduro Pro 4000T, un modello trainato pieghevole con larghezza di lavoro di 4 metri (in gamma anche le versioni a telaio portato rigido e pieghevole, con larghezze di lavoro  che vanno  da 3 a 5 metri, mentre per i modelli trainati pieghevoli la scelta è tra 4, 4,50 e 5 metri) destinato ad aziende agricole di medie dimensioni che eseguono la lavorazione del terreno, il livellamento e il consolidamento in un unico passaggio. Equipaggiato con 3 file di denti distanti tra loro 280 mm (interfila 750 mm) e con una luce libera da terra di ben 870 mm, Enduro Pro T consente una profondità di lavoro fino a 35 cm garantendo una buona miscelazione e finitura senza rischio di intasamenti.

Decisamente ampia la scelta di rulli che prevede, oltre all’Actipack con il quale viene presentato, i nuovi Actipress Single, Actipress Twin e Doppio rullo gabbia.

Il nuovo coltivatore  è offerto con due tipi di denti che possono essere equipaggiati con un’ampia scelta di punte (con riporto o senza) e con punte Knock-on ideali per adattarsi a diverse profondità di lavoro e compiti. Il modello in mostra all’Eima è dotato di Triflex 700 che, grazie al suo collaudato sistema Auto-Reset, permette una pressione a terra di 700 kg e un’altezza di rilascio di 27 cm rappresentando un’ottima soluzione soprattutto in condizioni sassose e per ottenere un’alta penetrazione.

 

MASSIMA FLESSIBILITÀ CON LA TRAMOGGIA FRONTALE F-DRILL

Un’importante new entry anche nel segmento delle attrezzature per la semina dove Kverneland ha presentato la nuova generazione di tramogge frontali, f-drill, pronte per essere combinate con diversi attrezzi nonché per essere utilizzate con varie larghezze di lavoro e con un’ampia gamma di semi e fertilizzanti. È inoltre possibile seminare e concimare in un’unica passata, così come applicare in modo combinato sementi e colture complementari.

Nelle semine primaverili f-drill può essere impiegata  come tramoggia per i fertilizzanti in combinazione con la Optima F o, ad esempio, con il Kultistrip per la localizzazione del concime. Se abbinata a una seminatrice combinata con erpice rotante, come la e-drill, il serbatoio f-drill può essere utilizzato come tramoggia aggiuntiva per la semina di colture complementari o primaverili. In estate e in autunno la tramoggia può essere combinata con la gamma di erpici rotanti Kverneland e le note barre di semina per ottenere una combinazione compatta da 3,0 a 6,0 m di larghezza di lavoro.

 

STANDARD E DUO

Le tramogge frontali f-drill sono disponibili in due dimensioni (f-drill compact con capacità di 1.600 litri e f-drill maxi che arriva fino a 2.200 litri) e due versioni (la standard, dotata di un solo distributore Eldos, e la DUO, con due distributori Eldos che distribuiscono ciascuno 400 kg/ha di fertilizzante o semente).

Tra i punti di forza di queste nuove tramogge, accanto all’elevata flessibilità già evidenziata, la facile manovrabilità alla quale contribuisce la struttura modulare della macchina che assicura una distribuzione uniforme del peso dando al trattore il miglior equilibrio per la massima capacità.

La compabilità del software ISOBUS e-com “plug and play” consente di collegare f-drill a qualsiasi trattore compatibile ISOBUS, per semplificarne l’operatività. In alternativa, è possibile utilizzare i terminali IsoMatch Tellus Pro o IsoMatch Tellus GO+ di Kverneland, entrambi completamente compatibili ISOBUS.

 

LA NUOVA VERSIONE DI ISOMATCH FARMCENTRE: INTUITIVO, CONNESSO E SOSTENIBILE

E proprio restando in tema di compatibilità ISOBUS va segnalata un’altra significativa novità recentemente introdotta da Kverneland: l’aggiornamento di IsoMatch FarmCentre, soluzione telematica wireless per l’ottimizzazione delle macchine e la gestione della flotta, adatta a tutte le macchine Kverneland ISOBUS. Si tratta, per l’esattezza, di un’applicazione web intuitiva e facile da usare, che funziona con qualsiasi dispositivo come laptop, tablet o telefono.

La nuova versione di IsoMatch FarmCentre non solo ha un nuovo “look and feel”, ma ha anche un rinnovato intuitivo pannello di controllo, che mostra informazioni importanti sull’attrezzo e sulle prestazioni dell’operatore sul campo, come, ad esempio, i parametri chiave di ogni attrezzo, sia quelli corrispondenti all’attrezzo stesso, sia quelli del task controller. L’utente ha così la possibilità di valutare facilmente le prestazioni dell’attrezzo, sia per un compito specifico, sia nel corso di una campagna o della vita della macchina. Da non trascurare la compatibilità con le licenze di terze parti, ottenute ad esempio con agrirouter.

L’aggiornamento, progettato tenendo conto della semplicità e della facilità d’uso, offre agli agricoltori anche la possibilità di essere più sostenibili, in quanto vengono utilizzate le quantità esatte necessarie, ad esempio di liquidi o fertilizzanti, con conseguente riduzione delle perdite di prodotto.

 

VICON FANEX 1564C, VOLTAFIENO A ELEVATA CAPACITÀ

Nel comparto della fienagione, Vicon – il marchio specializzato in forze al gruppo Kverneland con oltre un secolo di storia alle spalle – ha portato sotto i riflettori di Eima il nuovo voltafieno Fanex 1564C da 15,6 m di larghezza di lavoro e 14 rotori per una produttività e una precisione ottimali.

Il nuovo sistema brevettato TerraFlow fa sì che ciascuno dei rotori segua il profilo del terreno in modo indipendente dal telaio portante. In tal modo la distanza dei denti dal terreno rimane costante e i rotori assicurano una precisione di alto livello e un flusso uniforme del raccolto, a tutto vantaggio della qualità del foraggio, specialmente in condizioni di campo difficili e impegnative. Inoltre, gli pneumatici larghi (380/55-17 o 500/50-17 in opzione) rendono la macchina molto stabile salvaguardando il terreno.

Utilizzabile con qualsiasi tipo di trattore, Vicon Fanex 1564 C richiede pochi interventi manutentivi grazie ai punti di ingrassaggio ridotti al minimo e al fatto che trasmissione (tranne la PTO), i rotori e la maggior parte dei giunti non richiedono manutenzione. Tutto ciò che serve per azionare l’attrezzo è un distributore a semplice effetto che gestisce il sollevamento-abbassamento e uno a doppio effetto per il ripiegamento.

Inoltre, è sufficiente attivare per via idraulica il deflettore per mantenere il raccolto all’interno dell’area lavorata, mentre  su strada, Il Fanex 1564C si ripiega con una larghezza di trasporto inferiore a 3 m e si traina come fosse un “rimorchio” seguendo agevolmente il trattore.

 

VICON RV5216SC 25 PLUS FLEXIWRAP COMBINATA ROTOPRESSA-FASCIATORE COMPLETAMENTE INTEGRATA

A marchio Vicon anche un’altra novità per il mercato italiano, la combinata RV5216SC 25 Plus FlexiWrap formata dalla rotopressa a camera variabile e da un fasciatore a doppio satellite integrato, il tutto montato su un robusto telaio con assale tandem in grado di offrire un’elevata stabilità sia in campo sia su strada, alla quale contribuiscono le ruote a bassa pressione da 500/50-17.

In evidenza la soluzione di trasferimento della balla unica nel suo genere, che garantisce un’ottima operatività anche in condizioni di forte pendenza. Una volta terminata la legatura a rete, la piattaforma di avvolgimento si sposta verso il portellone posteriore della rotopressa, pronta a ricevere la balla che cade direttamente, in piena sicurezza, sulla tavola. Una volta che la balla è sulla piattaforma, quest’ultima si riposiziona velocemente in prossimità dei satelliti e il ciclo di fasciatura ha inizio.

La balla fasciata può essere scaricata automaticamente o manualmente in ogni momento, durante la sua formazione. Disponibile in opzione un rovesciatore della balla per un rilascio sul lato dove un maggior numero di strati di film è presente.

RV5216SC 25 Plus FlexiWrap, provvista di rotore a 25 coltelli SuperCut e offerta  anche 100% ISOBUS compatibile, presenta per il resto tutte le caratteristiche della Serie Plus di rotopresse: sistema di legatura PowerBind con iniezione diretta della rete per risultati veloci e affidabili di legatura, Intelligent Density 3D e sistema DropFloor a parallelogramma.

 

LA TECNOLOGIA TIM (TRACTOR IMPLEMENT MANAGEMENT) SULLE ROTOPRESSE KUBOTA

Per finire, sul fronte della pressatura, è ora disponibile su tutta la gamma di rotopresse a camera variabile Kubota e sul modello a camera fissa BF3500 la tecnologia TIM (Tractor Implement Management) che consente la comunicazione bidirezionale tra il trattore e l’attrezzo, permettendo alle due macchine di lavorare in perfetta armonia ed eseguendo automaticamente molte delle azioni ripetitive del processo di pressatura. A detta del costruttore ogni 100 balle, TIM può far risparmiare fino a 800 operazioni.

Lavorando con TIM attivato, infatti, il conducente deve solo concentrarsi nell’alimentare il pickup sull’andana, mentre il resto del ciclo è completamente automatizzato. Ciò include il rallentamento della velocità di avanzamento del trattore quando la balla raggiunge il diametro massimo, l’avvio automatico del ciclo di legatura e l’apertura e chiusura del portellone posteriore per scaricare la balla.

Da tener presente che la rotopressa TIM Serie BV può essere utilizzata con tutti i trattori TIM certificati AEF, non solo con i trattori Kubota. Se collegata al trattore Kubota, TIM è disponibile come equipaggiamento opzionale su tutti i trattori M7003 Premium KVT.

 

 
© riproduzione riservata

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori