MENU

Macchine per il gardening: i modelli a batteria trascinano le vendite nel primo trimestre 2019

By at Maggio 30, 2019 | 23:13 | Print

Macchine per il gardening: i modelli a batteria trascinano le vendite nel primo trimestre 2019

Primo trimestre 2019 decisamente positivo per Il mercato delle macchine e delle attrezzature per il giardinaggio e la cura del verde che registra un vistoso incremento.

 

INCREMENTO MEDIO DEL 29 PER CENTO NEI PRIMI TRE MESI DELL’ANNO

I dati elaborati da Comagarden sulla base dei rilevamenti del gruppo statistico Morgan – presentati lo scorso 21 maggio a Bologna dal presidente del Comagarden Franco Novello, in una conferenza stampa presso la sede di FederUnacoma – indicano nel trimestre una crescita complessiva del 29 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Gli incrementi, che fanno seguito ad un bilancio 2018 già positivo per il settore (+3,2% complessivo) si riscontrano per tutte le tipologie di mezzi, con percentuali in certi casi inferiori rispetto al dato medio, in altri casi nettamente superiori: i rasaerba segnano un attivo del 20,9 per cento, le motoseghe del 9,7 per cento, i decespugliatori del 56 per cento, i trimmer del 53,5 per cento e i soffiatori del 28,3 per cento.

 

Andamento del mercato italiano per le principali tipologie di macchine da giardinaggio – Variazione percentuale 1°trimestre 2019 rispetto al 1° trimestre 2018

 VAR. % 1° trimestre 2019 vs 1° trimestre 2018
Rasaerba 20,9
Motoseghe 9,7
Decespugliatori 56,0
Trimmer 53,5
Soffiatori/Aspiratori 28,3
Biotrituratori 20,2
Motozappatrici -7,4
Tagliasiepi 36,3
Spazzaneve 15,3
Arieggiatori/Scarificatori 40,3
Potatrici ad asta 36,9
Trattorini 64,0
Zero Turn Consumer -2,6
Zero Turn MMV 132,7
Ride-On Consumer 52,1
Ride-on MMV 116,7
Atomizzatori/Irroratori -1,1
Rasaerba Robot 42,9
Forbici a batteria 60,2
TOTALE MORGAN 29

 

In netta crescita anche i biotrituratori (20,2%) e i tagliasiepi (36,3%), mentre ancora maggiore risulta l’incremento delle vendite per quanto riguarda i trattorini (+64%), gli Zero Turn professionali (132,7%), i Ride-on per uso amatoriale (52,1%).

 

COMPLICE L’ANDAMENTO METEOROLOGICO

«Le ragioni di questa impennata nelle statistiche di vendita – ha spiegato il presidente Novello – sono nella combinazione di due fattori: l’andamento meteorologico del primo trimestre, caratterizzato da un clima particolarmente mite e da temperature elevate che hanno favorito le fioriture anticipate e l’attività vegetativa delle piante, rendendo necessari interventi di manutenzione e quindi stimolando la domanda di macchinario; e la differenziazione netta tra le condizioni meteorologiche di quest’anno e quelle dello stesso periodo del 2018, caratterizzato da un prolungamento della stagione fredda e quindi da una sensibile flessione nella domanda di macchinario».

Il differenziale tra l’aumento della domanda nella prima frazione 2019 e il netto calo nello stesso periodo dell’anno precedente – è stato fatto presente – risulta dunque particolarmente accentuato, e questo genera le attuali percentuali d’incremento che sono fuori dall’ordinario.

 

IL BOOM DEI MODELLI A BATTERIA: +90 PER CENTO NEL PRIMO TRIMESTRE 2019

Ma c’è anche un altro importante aspetto da tenere presente nell’analisi della dinamica del mercato ed è l’impennata delle vendite dei mezzi a batteria, contraddistinti da crescite che per alcune tipologie raggiungono le tre cifre.

Sempre secondo i dati Comagarden nel primo trimestre del 2019 i modelli a batteria, reduci da un brillante 2018 – durante il quale hanno superato le 80.000 unità vendute, con un incremento medio pari al 30 per cento – hanno registrato una crescita complessiva imponente (+90%).

Tra le categorie che hanno registrato le spinte maggiori si rilevano: i rasaerba, che rappresentano il 13 per cento circa del totale dei prodotti a batteria venduti in Italia, con crescite del 98 per cento nel 2018 e del 52 per cento nel primo trimestre del 2019; i trimmers che, con una quota anch’essi del 13 per cento sul totale, hanno visto un aumento del 62 per cento nel 2018 e del 206 per cento nel primo trimestre 2019; i soffiatori/aspiratori di foglie, le cui vendite ricoprono il 16 per cento del totale, che sono cresciuti del 31 per cento nel 2018 e hanno visto un incremento del 177 per cento nel primo trimestre di quest’anno.

 

MANEGGEVOLEZZA, SILENZIOSITÀ ED ECO-COMPATIBILITÀ LE CARATTERISTICHE PREMIATE DAL MERCATO

La maneggevolezza, la facilità di utilizzo, la silenziosità e l’eco-compatibilità di questi prodotti hanno convinto il mercato, che si sta rapidamente orientando verso i nuovi propulsori.

Da una specifica indagine sulle vendite all’interno dei circuiti della grande distribuzione organizzata – realizzata da GFK su incarico di Comagarden – emerge come la crescita dei modelli a batteria si riscontri in tutti i principali mercati europei (Francia, Germania, Regno Unito, Olanda, Belgio e Italia).

Rispetto al totale dei prodotti elettrici, quelli a batteria hanno raggiunto il 60 per cento, mentre quelli con cavo di alimentazione sono scesi al 40 per cento nel 2018.

Mentre le macchine a combustione interna, che rappresentano ancora il 56 per cento del mercato totale, hanno visto cali costanti negli ultimi tre anni (-1,4% nel 2016, -10,7% nel 2017 e -5% nel 2018), e gli stessi modelli elettrici a cavo hanno mostrato cali significativi nel 2017 (-9,9%) e nel 2018 (-10,1%), i mezzi a batteria esibiscono invece nel triennio incrementi consistenti, arrivando a conseguire nel 2018 un aumento del 30,2 per cento.

 

UN TREND CONDIVISO CON L’AUTOMOTIVE E LA MECCANICA AGRICOLA

«L’orientamento verso i propulsori elettrici e verso quelli a batteria in modo particolare – ha commentato il presidente Novello – caratterizza l’intero movimento motoristico, rappresentando l’opzione più accreditata per il prossimo futuro. Già oggi i motori a batteria (in particolare con il sistema ibrido) sono entrati a pieno titolo nel mercato dell’automotive, e importanti progressi si stanno facendo per quanto riguarda i mezzi agricoli, dove alcune trattrici e altre tipologie di mezzi sono già equipaggiati con motori a batteria».

«Se la meccanica agricola sta lavorando per superare i limiti di potenza che ancora condizionano lo sviluppo dell’elettrico – ha concluso Novello – possiamo dire che nel segmento ‘green’ questa tecnologia appare già matura e come tale è oggi riconosciuta dal mercato».

 

CRESCITA COSTANTE PER I RASAERBA ROBOT

Anche i rasaerba robot stanno mostrando nel corso degli anni uno sviluppo notevole. Pur rappresentando il 2 per cento del mercato totale, questa categoria ha registrato crescite costanti a partire dal 2014, e nel quinquennio 2014-2018 le vendite sono passate da poco più di 13.000 unità a 22.160 unità, con un aumento di circa il 70 per cento. Il primo trimestre di quest’anno ha confermato il trend positivo con un incremento pari al 43 per cento.

 

ATTTESO UN RIDIMENSIONAMENTO NEL CORSO DELL’ANNO, CON CHIUSURA SUI LIVELLI DEL 2018

Anche se è presto per fare previsioni sul trend del mercato delle macchine e delle attrezzature per il giardinaggio e la cura del verde nel corso dell’intero anno 2019, visto anche l’andamento anomalo dell’ultimo mese, che al contrario dei precedenti è stato caratterizzato da una recrudescenza invernale (elemento che peserà sul bilancio della seconda frazione d’anno), al netto degli alti e bassi stagionali, il mercato italiano appare orientato verso un assestamento.

«Le stime Comagarden/Morgan – ha illustrato Novello – sono per un graduale riallineamento delle vendite sui livelli dello scorso anno, con un numero complessivo di unità vendute intorno a 1.300.000».

 
Fonte: Comagarden
 

 

Mercati , ,

Related Posts

Comments are closed.