Maschio Gaspardo, inaugurato il nuovo stabilimento di Portogruaro

Eventi 25/09/2013 -
Maschio Gaspardo, inaugurato il nuovo stabilimento di Portogruaro

Tempi record per la realizzazione del nuovo ed innovativo stabilimento Maschio Gaspardo di Portogruaro (VE), portato a termine in soli tre mesi ed inaugurato il 24 settembre alla presenza delle autorità locali, del ministro dello Sviluppo Economico Flavio Zanonato e di numerosi clienti dell’azienda, comprese le delegazioni di India e Venezuela. Salgono così a dieci  le unità produttive del gruppo padovano, di cui sette in Italia (Campodarsego, Cadoneghe, San Giorgio delle Pertiche, Morsano al Tagliamento, Crevalcore e Reggio Emilia) e tre all’estero (Romania, India e Cina).

 

DUECENTO DIPENDENTI A REGIME

Maschio_Portogruaro

Il nuovo stabilimento, che sorge su un’area di cinquantamila metri quadri (dei quali quindicimila coperti) e impegna circa 60 dipendenti, che diverranno duecento a regime, è destinato alla produzione di sprayers trainati e semoventi e seminatrici di grandi dimensioni. Al suo interno, oltre ai più moderni impianti di produzione, è previsto un dipartimento tecnico che avrà il compito di sviluppare i sistemi  elettronici di  tutte le macchine realizzate dal Gruppo.

Maschio_Zanonato

Egidio Maschio (a sinistra) con il ministro Zanonato

Un altro importante traguardo, dunque, per i  i fratelli Egidio e Giorgio Maschio – oggi rispettivamente presidente e vicepresidente del gruppo di Campodarsego – protagonisti di una brillantissima storia d’impresa che ha preso avvio nel 1964 nella stalla contigua alla loro abitazione, soprannominata la “casetta delle frese”, ed è culminata in una solidissima holding familiare leader nel settore delle attrezzature per l’agricoltura e sinonimo in tutti i continenti di qualità, affidabilità, innovazione e tecnologia d’avanguardia. Lo testimonia la crescita costante del fatturato – 235 milioni di euro nel 2012, 280 milioni (+20%) in previsione nel 2013 e l’obiettivo di arrivare a 320 milioni nel 2014 – sostenuta da export, innovazione e dinamismo imprenditoriale,  che, a detta del ministro Zanonato, sono i tre capisaldi del successo di un’azienda.

 

QUOTA EXPORT ALL’85%

Maschio_Unigreen

Anche se Maschio Gaspardo esporta attualmente l’85% della propria produzione in 100 Paesi del mondo e nonostante l’internazionalizzazione faccia parte del dna del gruppo, il legame con l’Italia e in particolare con il Nord Est resta forte e lo conferma la volontà di continuare ad investire nel nostro Paese per mantenere entro i confini nazionali il cuore della produzione ed aumentare i posti di lavoro.

«In questo difficile contesto economico l’Italia continua a rivestire un’importanza strategica per la crescita del Gruppo – ha dichiarato con legittimo orgoglio Egidio Maschio –. Il nuovo stabilimento di Portogruaro aumenterà la nostra capacità produttiva permettendo l’ottimizzazione della produzione tra i nostri impianti italiani. Ringrazio le istituzioni, il sindaco di Portogruaro e soprattutto tutti i dipendenti che con il loro impegno e il loro lavoro hanno permesso al Gruppo di raggiungere tali risultati». Un elogio è stato rivolto anche alle banche. «Devo ringraziarle – ha detto  il presidente – perché senza di loro non avremmo fatto tutto questo. Il nostro gruppo da circa 15 anni ha sempre acceso mutui»

Ma i progetti di crescita del gruppo Maschio Gaspardo non si fermano qui. Come annunciato dal sindaco di Portogruaro, Antonio Bertoncello, Egidio Maschio ha già chiesto di poter allargare il nuovo sito produttivo  e l’amministrazione intende fare il possibile per assecondarlo.

© riproduzione riservata

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori
Meccagri.it - Social media
Seguici su Facebook Seguici su Instagram Seguici su Youtube Seguici su Twitter