Massey Ferguson: le novità 2025 per la fienagione

Attrezzature 30/05/2024 -
Massey Ferguson: le novità 2025 per la fienagione

La stagione della fienagione 2024 è ufficialmente iniziata e a livello nazionale ci troviamo quest’anno in presenza di uno scenario fortemente diversificato con un’Italia praticamente divisa in due. Se infatti nel Nord del Paese il maltempo prolungato e le piogge intense e persistenti hanno ostacolato l’entrata in campo di macchine e attrezzature ritardando le operazioni colturali, in buona parte del Sud gli interventi in campo sono già stati portati a termine, con una partenza anticipata a causa delle scarse precipitazioni che non hanno permesso di portare a casa le stesse quantità di prodotto degli anni precedenti.

 

LA TEMPESTIVITÀ D’INTERVENTO FATTORE CHIAVE NELLE OPERAZIONI DI FIENAGIONE

Risulta pertanto evidente che, a fronte di un andamento climatico così variabile e discontinuo, diventa sempre più difficile pianificare lo sfalcio per garantire poi le fasi successive di essiccazione, andanatura e pressatura ai fini dell’ottenimento di un prodotto della più alta qualità possibile.

C’è però un elemento che può fare la differenza, oggi più ancora di ieri, ed è la  tempestività, strettamente legata alla disponibilità di macchine di dimensioni elevate in grado di  garantire la massima efficienza possibile sfruttando al meglio le finestre temporali sempre più ristrette imposte dal meteo.

Un’esigenza alla quale Massey Ferguson è perfettamente in grado di rispondere offrendo alle aziende che praticano la fienagione soluzioni all’avanguardia per massimizzare le rese e ridurre i tempi di lavoro, il compattamento del terreno e la permanenza del prodotto in campo dopo lo sfalcio. Tutti obiettivi che vengono centrati con le novità 2025 del brand di casa Agco.


Leggi anche >>> Massey Ferguson: ad Agritechnica la MF eXperience per vivere i nuovi prodotti


 

L’INGRESSO IN GAMMA DELLE FALCIATRICI MF DM 9612 TL E MF DM 10114 TL: CRESCONO LA LARGHEZZA DI LAVORO E LE PRESTAZIONI

La prima new entry in gamma è rappresentata da una nuova serie di falciatrici a dischi combinate posteriori caratterizzate da nuove peculiarità che garantiscono migliori performance in abbinamento alle già note frontali MF DM FP a pendolo, oppure alle MF DM FQ con controllo tri-dimensionale del livellamento barra.

Alla presentazione avvenuta nel contesto di Agritechnica della falciatrice combinata posteriore MF DM 8612 TL (la sigla TL sta ad indicare la presenza del sistema TurboLift, per un controllo infinitamente variabile della pressione al suolo) fa ora seguito il lancio della MF DM 9612 TL con una combinazione di barre falcianti di ultima generazione in grado di sviluppare più coppia e ridurre il rumore e l’usura grazie a una trasmissione a ingranaggi multi-dente in presa. Queste nuove falciatrici si completano con  condizionatori a flagelli (KC) e a rulli(RC).

Le novità, però, non finiscono qui. Il nuovo modello MF DM 10114 TL (KC oppure RC) è in grado infatti di rispondere ad esigenze ancora maggiori in termini di larghezza di lavoro arrivando a superare i 10 metri.

 

I SISTEMI PREMIUM CHE QUALIFICANO ANCORA DI PIÙ L’OFFERTA MASSEY FERGUSON

Da segnalare anche la diversificata offerta di sistemi Premium di cui fanno parte la gestione TIM dell’attrezzo anteriore che trasla in automatico per non lasciare gap di taglio nelle manovre, e il controllo di sezione che regola la posizione dell’unità falciante quando il bordo del campo non è regolare. Sul versante del condizionamento, i modelli KC (provvisti di condizionatori a flagelli) in allestimento PRO (Professional)  permettono la regolazione in real time dell’intensità del condizionamento grazie ad un sistema elettronico e gestione ISOBUS.

Per un condizionamento ottimale dell’erba medica, le versioni di condizionatori RB sono dotate di due rulli condizionatori motorizzati grazie all’opzione Duo Drive, che riduce i tempi di essicamento. Massima sicurezza infine è garantita sia dalla disponibilità di fari di lavoro a LED, che assicurano elevata visibilità anche quando la luminosità è scarsa, sia dall’altezza in chiusura inferiore ai 4 metri grazie al design studiato e al  baricentro molto basso, che agevola il trasporto su strada

 

NUOVI VOLTAFIENO TDX: ESSICCAMENTO DEL FORAGGIO PIÙ RAPIDO PER UNA QUALITÀ SUPERIORE

Massey Ferguson - Nuovo voltafieno TD1028X

Passando ai voltafieno, i nuovi modelli TDX (nelle foto sopra e sotto e in quella di apertura il modello TDX 1028X TRC), a completamento della famiglia MF TD, riducono il tempo di permanenza in campo del prodotto, velocizzandone l’essiccamento e garantendo una qualità superiore grazie ad una bassissima contaminazione.

Massey Ferguson - Nuovo voltafieno TD1028X, dettaglio

Il brevetto prevede, per ogni braccio, l’abbinamento di un dente lungo e uno corto con estremità ad uncino. Quest’ultima configurazione permette ai denti stessi di raccogliere più prodotto e meglio, senza intaccare il terreno, facendo sì che il prodotto rimane pulito da sassi e terra.

Massey Ferguson - Nuovo voltafieno TD1028X, dettaglio

La differenza di lunghezza dei denti, a sua volta, migliora la miscelazione: il dente corto solleva e spande il prodotto che sta sopra, più secco, lanciandolo subito dietro il voltafieno (data la velocità periferica inferiore), mentre il dente lungo raccoglie il fieno che sta sotto, più pesante e umido, e lo lancia più distante grazie ad una velocità maggiore. Il risultato finale è un’essiccazione più rapida e un prodotto migliore.

 

NEW ENTRY E UPGRADE PER I RANGHINATORI

Andanatore a rotore MF RK 1254 TRC PRO lanciato ad Agritechnica 2023

Anche per l’andanatura Massey Ferguson prevede delle novità per il 2025: nuovi ranghinatori con dimensioni riviste ma soprattutto tecnologie avanzate legate anche alla Precision Farming.

Arriva così l’aggiornamento per i modelli MF RK 762 TRC, MF RK 862 TRC e l’introduzione dei nuovi modelli MF RK 962 in versione standard e PRO, e MF RK 862 e 1002 TRC PRO.

Le nuove macchine presentano un restyling, in linea con la New Era di MF, ma non solo. La nuova geometria dell’articolazione dei bracci porta rotori permette di ridurre l’altezza in trasporto a soli 3,99 metri di altezza – per tutte le macchine fino al modello da 9,6 metri – senza dover smontare i bracci porta-denti, con conseguente riduzione dei tempi morti nei trasferimenti. Una maggior sicurezza in trasporto è garantita anche dal blocco idraulico.

I carrelli dei rotori con ruote, sistema sterzante e di regolazione rinnovati, perfezionano l’andanatura ottimizzando la qualità finale del prodotto raccolto. ISOBUS, controllo di sezione e sistema FlexiHigh, infine, permettono la gestione automatica dell’andanatura nelle capezzagne e nei terreni a contorno irregolare, regolando la distanza dei denti dal terreno in funzione della velocità.

In sintesi, con Massey Ferguson sfalciare, voltare e ranghinare non è mai stato così facile, produttivo e migliorativo della qualità del prodotto finale. Con le novità introdotte nella sua gamma di attrezzature per la fienagione ancora una volta, dunque, il  brand dei tre triangoli alza l’asticella centrando le aspettative con nuove soluzioni  che si traducono in risultati migliori per le aziende agricole su scala globale.

 

 
Fonte: Massey Ferguson
 

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori
Meccagri.it - Social media
Seguici su Facebook Seguici su Instagram Seguici su Youtube Seguici su Twitter