McCormick X8 VT-Drive: il mercato premia l’alta potenza “made in Italy”

Macchine , Trattori 21/04/2021 -

Ha incarnato alla perfezione il concetto di alta potenza di casa McCormick, l’innovativa serie X8, quella con la quale il costruttore si è voluto spingere oltre i 300 cavalli e che ha tenuto a battesimo in anteprima mondiale sul palcoscenico di Agritechnica 2015.

Oggi, a distanza di un abbondante quinquennio, si può tranquillamente dichiarare – vista l’affermazione che questi potenti trattori sono riusciti nel tempo a conquistarsi in un segmento finora inesplorato per McCormick e di tradizionale appannaggio di alcune tra le firme di maggior prestigio del settore a livello internazionale – che gli X8 rappresentano per il tecnologico brand di Argo Tractors una sfida pienamente vinta.

 

TECNOLOGIA USER FRIENDLY, ELEVATE PERFORMANCE, FUNZIONALITÀ E COMFORT

I modelli “in rosso” di alta potenza della serie top di gamma X8 esprimono del resto tutto il valore della nuova generazione di trattori di McCormick, nata dalla tonificata spinta verso le soluzioni più avanzate ormai ampiamente manifestata dalla casa costruttrice, forte di una linea di macchine che sanno coniugare consistenti contenuti di tecnologia con alti livelli di efficienza, funzionalità e comfort, oltre che con uno stile di prima classe ed un’estetica ricca di appeal.

E in effetti proprio come ottimale sintesi di tali requisiti si propone la serie X8 VT-Drive, destinata in particolare alle aziende agricole di grandi dimensioni e ai contoterzisti più esigenti, impegnati full-time nelle lavorazioni, e caratterizzata dal design aggressivo e accattivante della sua carrozzeria, attualissimo e di forte impatto, con le linee tese e dinamiche del cofano e dei parafanghi posteriori e i gruppi ottici a Led perfettamente integrati nella griglia frontale in puro stile automotive: una ulteriore evoluzione del moderno family feeling McCormick.

 

TRE MODELLI NEL RANGE DI POTENZA DA 264 A 310 CAVALLI, PROVVISTI DI MOTORI BETAPOWER FUEL EFFICIENCY DA 6,7 LITRI EMISSIONATI STAGE IV

A formare la gamma sono tre modelli (X8.660, X8.670 e X8.680) con potenze massime di 264, 286 e 310 cavalli: modelli potenti, dunque, e al contempo molto versatili, che vantano un interasse di 3.000 millimetri, un peso massimo ammissibile di 18 tonnellate ed una combinazione di ruote posteriori disponibili fino alla misura 900/60R42.

Sotto i loro cofani albergano propulsori a sei cilindri Betapower Fuel Efficiency da 6,7 litri di cilindrata, con distribuzione a quattro valvole per cilindro, dotati sia di turbocompressore a geometria variabile a controllo elettronico eVGT sia di impianto di alimentazione common rail ad alta pressione e conformi agli standard Stage IV (la rimotorizzazione in conformità allo Stage V è prevista nella seconda parte di quest’anno) in materia di emissioni mediante l’azione congiunta di sistemi SCR per il post-trattamento dei gas di scarico e di catalizzatori DOC (senza ricorso, quindi, a impianti EGR).

Montato su un robusto chassis in fusione di ghisa e sospeso su basi ammortizzate in gomma (silent block), il motore Betapower Fuel Efficiency sposta in avanti il baricentro così da ottenere un trattore molto ben bilanciato: una soluzione che risulta in grado di isolare la cabina e la trasmissione dalle vibrazioni e di determinare maggiore aderenza sull’avantreno e quindi la capacità di scaricare a terra tutta la potenza, ma anche un interessante risparmio nei consumi di carburante.

 

ASSALE ANTERIORE PIVOTANTE A PARALLELOGRAMMA SOSPESO CENTRALMENTE E A CONTROLLO ELETTRONICO

A migliorare ulteriormente l’aderenza, la trazione e la stabilità in campo, oltre che la sicurezza e il comfort di guida su strada, provvede poi l’assale anteriore, equipaggiato di un sistema di sospensione a pivot centrale a controllo elettronico, che dispone di freni a disco in bagno d’olio.

 

TRASMISSIONE VT-DRIVE A VARIAZIONE CONTINUA E 4 GAMME DI VELOCITÀ, CON COMANDI DEL CAMBIO SUL JOYSTICK MULTIFUNZIONE VT EASYPILOT

Ulteriore tratto distintivo della serie X8 è rappresentato dall’ergonomia e semplicità di utilizzo di tutti i controlli di uno dei loro maggiori punti di forza, ovvero la trasmissione a variazione continua VT-Drive di ultima generazione, realizzata mediante l’abbinamento di una componente idrostatica ad un gruppo powershift a quattro stadi pilotato per via elettronica, con velocità di 40 chilometri orari in regime Eco a 1.300 giri motore al minuto e di 50 chilometri orari Eco (ove consentito) a 1.600 giri al minuto.

Una tecnologia che consente di operare su quattro range di velocità con accoppiamento meccanico diretto e parte idrostatica bloccata, abbattendo gli assorbimenti energetici di quest’ultima e mantenendo così gli stessi consumi delle versioni powershift.

Minori consumi associati però alla maggiore fluidità di marcia e al superiore rendimento garantiti dalla trasmissione continua VT-Drive che assicura all’X8 una progressione lineare e costante, associata a comandi chiari e ad un monitor touchscreen dall’interfaccia intuitiva, nonché al joystick elettroproporzionale VT EasyPilot installato in cabina, in modo da rendere il lavoro più facile anche durante le operazioni più gravose.

 

IMPIANTO IDRAULICO A CENTRO CHIUSO CON POMPA A PORTATA VARIABILE DA 157 LITRI AL MINUTO (212 LITRI AL MINUTO OPZIONALE)

Versatili anche sul fronte dell’offerta idraulica, gli X8 VT-Drive possono disporre di un generoso impianto a centro chiuso con pompa load sensing da 157 litri al minuto – portata che può salire a richiesta a 212 litri al minuto – in grado di gestire fino a undici distributori a comando elettro-idraulico (sei posteriori da 140 litri al minuto, più due ventrali e tre anteriori) e un divisore di flusso a tre vie, il tutto configurabile tramite il monitor touchscreen.

La presa di forza posteriore, ad innesto elettro-idraulico, offre di serie le tre velocità 540E/1000E/1000 e la capacità massima di alzata garantita dal sollevatore posteriore elettronico ammonta a 12.000 chilogrammi.

Anche il sollevatore anteriore, con portata massima di 5.000 chilogrammi, è standard, mentre viene fornita in opzione la presa di forza anteriore da 1.000 giri al minuto.

 

TUTTO SOTTO CONTROLLO NELLA CABINA PREMIÈRE CAB, PROVVISTA DI OTTIMA VISIBILITÀ ED ELEVATI LIVELLI DI COMFORT

Altissimi livelli di comfort e di ergonomia vengono poi assicurati dalla cabina a quattro montanti di nuova concezione Première Cab adottata da McCormick sulla serie X8 VT-Drive, a sospensione semi-attiva con controllo elettronico dell’assetto, ottimamente pressurizzata e insonorizzata (fino a 70 decibel), che garantisce una visibilità panoramica in ogni direzione.

L’abitacolo mette a disposizione dell’operatore un ambiente di lavoro spazioso e comodo, con finiture di alta gamma e allestimenti con materiali di qualità automobilistica, efficienti impianti di climatizzazione automatica alloggiati sul tetto, sedili di guida in alcantara girevoli sospesi per via pneumatica (con sistema di riduzione delle vibrazioni e schienale dotato di riscaldamento e di ventilazione) e volante e cruscotto regolabili in inclinazione e in profondità con controllo elettro-attuato.

Il bracciolo destro raggruppa tutti i comandi principali, per una facile e intuitiva gestione dell’X8, soprattutto grazie al grande monitor DSM Data Screen Manager, touchscreen a colori da 12 pollici, dalla grafica semplice e ispirata a quella dei tablet, che consente di tenere sempre sotto immediato controllo i parametri e le prestazioni del trattore.

Da aggiungere inoltre che la cabina Première Cab offre di serie, unitamente ad un vano portaoggetti refrigerato ed un vano portabottiglie, prese da 12 Volt per la ricarica di dispositivi mobili, specchietto interno ed un tettuccio apribile e trasparente, in vista di un agevole lavoro con il caricatore frontale. Ed ancora, dieci fari collocati sul tetto, per operare al meglio e in sicurezza anche durante le ore notturne.

 

UNA GESTIONE OTTIMALE DI TUTTE LE ATTIVITÀ CON McCORMICK FLEET MANAGEMENT

In sintonia con il loro elevato livello tecnologico, i trattori di alta potenza della serie X8 si manifestano perfettamente aggiornati anche sul piano telematico e possono supportare l’avanzato sistema McCormick Fleet Management.

Si tratta della soluzione di telemetria sviluppata da Argo Tractors con l’obiettivo di monitorare i principali parametri operativi delle proprie macchine al fine di ottimizzarne il rendimento.

Il sistema permette infatti al gestore della flotta di trattori di tenere sotto controllo in tempo reale l’efficienza delle macchine durante il lavoro, fornendo informazioni telematiche immediate e precise sul loro stato funzionale, così da poter determinare con esattezza i costi produttivi e i conseguenti margini economici delle varie attività.

A queste informazioni si aggiungono le funzioni di geofencing per verificare la superficie di terreno lavorata, la telemetria per i controlli dei consumi e la telediagnosi per un efficace monitoraggio in real time del trattore, per ricevere segnalazioni di manutenzione e per programmare in maniera proficua nel tempo anche il piano manutentivo, ottimizzando così, come detto, performance e costi di esercizio.

 

 
© riproduzione riservata
 
 
 
 

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori
trattori breaking news