Mercato trattori: inizio d’anno in rosso per il Nord America

Primo piano 28/03/2024 -
Mercato trattori: inizio d’anno in rosso per il Nord America

Cifre alla mano, non si può dire che nel 2024 il mercato nordamericano dei trattori sia partito con il piede giusto, la flessione delle vendite, infatti, si è fatta sentire nei primi due mesi dell’anno sia negli USA sia in Canada, con la sola differenza che in Canada il trend deludente dei trattori è stato in parte compensato dalle buone performance delle mietitrebbie.

 

USA: BENE SOLO I TRATTORI SOPRA I 100 CAVALLI

Trattore al National Farm Machinery Show 2024

Nel Paese a stelle e strisce, nel buio del calo generale delle vendite, a brillare è stata solo la fascia di trattori con potenze superiori ai 100 cavalli: nel mese di febbraio 2024, infatti, AEM (Association of Equipment Manufacturers), l’associazione che raggruppa i costruttori americani di macchinario ha registrato un incremento delle vendite del 2,8 percento rispetto allo stesso mese del 2023.

Ben diversa la sorte delle altre fasce di potenza, con le immatricolazioni di trattori che da inizio anno sono diminuite del 14,2 percento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, mentre le mietitrebbie hanno subito un calo del 18,9 percento.

 

IMMATRICOLATI NEI PRIMI DUE MESI DELL’ANNO 23.916 TRATTORI, IL 14,2% IN MENO RISPETTO ALLO STESSO PERIODO DEL 2023

Fonte tabella: AEM

Entrando nel dettaglio, nel mese di febbraio sono stati venduti negli Stati Uniti 7.843 trattori di potenza inferiore ai 40 cavalli con 2 RM (da tener presente che in America le versioni a 2 ruote motrici fanno la parte del leone lasciando le briciole a quelle con doppia trazione), il 10,5 percento in meno rispetto a febbraio 2023; decisamente più contenute le perdite per la fascia di potenza 40-100 cavalli 2RM, con 3.458 immatricolazioni e un calo dell’1,5 percento, mentre i trattori superiori ai 100 cavalli 2 RM hanno vissuto una crescita del 2,8 percento rispetto a febbraio dell’anno passato grazie alle 1.552 unità vendute.

Se si osserva il mercato dei trattori a 2 ruote motrici nei primi due mesi del 2024, lo scenario appare più drastico: calo del 18 percento per i compatti inferiori ai 40 cavalli, dell’8,7 percento per i 40-100 cavalli e dell’8,3 percento per gli over 100 in confronto allo stesso periodo del 2023. In totale, i trattori a 2 ruote motrici in questo inizio 2024 hanno accusato perdite del 14,4 percento.

Negativa la situazione anche per i trattori a 4 ruote motrici, che con 227 immatricolazioni nel febbraio 2024 segnano una perdita del 14,3 percento rispetto allo stesso mese del 2023, riducendo al 7,2 percento le perdite se si considera il bimestre gennaio-febbraio 2024 con quello dell’anno passato.

In totale, dunque, 13.080 immatricolazioni di trattori a febbraio 2024, il 6,9 percento in meno rispetto a febbraio 2023, e 23,916 unità vendute in totale tra gennaio e febbraio, il 14,2 percento in meno rispetto allo stesso periodo del 2023.

 

CONTI IN ROSSO ANCHE PER LE MIETITREBBIE: -18,9% YTD 2024

Conti in rosso anche per le mietitrebbie, che a febbraio 2024 registrano un calo del 31,5 percento con 363 macchine vendute e inaugurano l’anno con 814 immatricolazioni, il 18,9 percento in meno rispetto al 2023.

Mettendo insieme questi dati e confrontandoli con quelli degli anni passati, in particolare con quelli dal 2019 a oggi, si può notare come gennaio 2024 sia stato il mese peggiore per le vendite con poco più di 10.000 unità, mentre a febbraio 2024 i dati si sono avvicinati alla media di questo lustro preso in esame.

Restano ancora 10 mesi per delineare completamente quello che sarà il mercato della meccanizzazione agricola in America nel 2024, ma è alquanto improbabile che ad aprile si potranno avvicinare le oltre 40.000 unità vendute nel 2021, sperando pur sempre di poter a fine anno dimostrare il contrario.


Leggi anche >>> Macchine agricole USA: mietitrebbie col segno più nel 2023, calano le vendite di trattori


 

PREVISIONI NEGATIVE MA NON TROPPO PER IL  2024

Trattore Case IH al National Farm Machinery Show 2024

Come riporta Ag Equipment Intelligence datato 15 marzo, Stanley Elliot, amministratore delegato della banca d’investimenti Stifel, ha confermato in una nota agli investitori che «le vendite dei concessionari sono state inferiori rispetto all’anno precedente per tutti i tipi di attrezzature nel mese di febbraio, con una debolezza particolare per le mietitrebbiatrici. Secondo gli OEM gennaio è stato un mese sfavorevole per le vendite, ad eccezione dei grandi trattori da 100 cavalli, che hanno registrato vendite positive anno su anno».

I costruttori ed Elliot concordano nel formulare previsioni sfavorevoli per il 2024: il minore reddito netto degli agricoltori influenzerà negativamente le vendite mentre i prezzi rimarranno alti, anche se è stato notato un rallentamento dei prezzi per i trattori, le attrezzature per la cura del verde, le mietitrebbie e i ricambi.

«Per il 2024 – ha proseguito Elliot – le prospettive iniziali degli OEM prevedono un calo delle vendite sia per le grandi sia per le piccole aziende. Riteniamo che il calo dei prezzi dei raccolti, il minore reddito netto degli agricoltori e gli elevati costi di finanziamento stiano determinando quest’anno un calo delle aspettative da parte delle grandi aziende agricole. Per le piccole aziende, crediamo che la domanda sia influenzata negativamente dai tassi di interesse elevati, dalle scorte eccessive dei concessionari e dalle difficili condizioni pandemiche i cui effetti sono rilevanti ancora oggi».

Elliot ritiene però che per un insieme di fattori,  lo scenario, seppure negativo, non assumerà le tinte fosche della precedente recessione e soprattutto come la crescita dell’agricoltura di precisione stia incrementando le vendite di macchine non nuove e migliorando il mix.

 

CANADA, VOLA IL MERCATO DELLE MIETITREBBIE

Fonte tabella: AEM

Per il mercato canadese a fronte di un calo delle vendite di trattori  (-28,2% nei primi due mesi del 2024) c’è da registrare, come anticipato, l’andamento estremamente positivo delle   mietitrebbie, con 131 unità vendute nel mese di febbraio, in crescita del 27,2 percento rispetto allo stesso mese nel 2023. Da inizio anno, le immatricolazioni delle macchine da raccolta sono aumentate del 6,3 percento in confronto allo stesso periodo dell’anno passato.

 

USATO: UNA SITUAZIONE ETEROGENEA DEI PREZZI E LE CONTINUE OSCILLAZIONI PROVOCANO INCERTEZZA

Trattori usati John Deere

La situazione dei prezzi dell’usato nel continente nord-americano è quanto mai eterogenea, ma a regnare è l’incertezza che provoca uno stallo nelle vendite.

Secondo un rapporto di Stifel del 6 marzo, i prezzi all’asta delle macchine da raccolta nel 2024 sono aumentati dell’1 percento rispetto all’anno passato e del 4,2 percento per i trattori con oltre 300 cavalli di potenza. Diverso lo scenario per le altre fasce, dove i trattori da 175-299 cavalli hanno visto i prezzi scendere del 3,7 percento, quelli da 100-174 cavalli dello 0,5 percento e quelli da 40-99 cavalli e inferiori a 40 cavalli del 3 percento.

Trattore usato New Holland

Stando invece all’ultimo aggiornamento sul sentiment dei concessionari e sulle condizioni commerciali nel mese di febbraio i prezzi per i trattori usati con potenza superiore ai 100 cavalli e per quelli a 4 ruote motrici sono aumentati dell’1 percento, mentre le mietitrebbie usate hanno visto i prezzi abbassarsi del 4 percento rispetto a febbraio 2023.

Questa situazione  sta provocando uno stallo nelle vendite, con gli agricoltori che preferiscono mantenere un atteggiamento prudente e attendere di vedere i prossimi sviluppi del mercato, nella speranza che la situazione migliori a loro favore.

 

 
© riproduzione riservata
Fonte immagini: Adobe stock IA (apertura), Machinery Pete, National Farm Machinery Show 2024 Facebook.