MENU

New Holland rinnova la gamma nel segmento medio-basso

By at Febbraio 5, 2012 | 17:33 | Print

New Holland rinnova la gamma nel segmento medio-basso

Gamma completamente rinnovata nel segmento di potenza medio-basso per New Holland che ha riproposto a Fieragricola le tre serie TD5, T5 e T6, presentate in anteprima all’Agritechnica.  La serie  TD5, mirata ad offrire alle aziende agricole e zootecniche tradizionali un trattore affidabile ad un prezzo estremamente competitivo,  è formata da  sei modelli, nel range di potenza  tra 65 e 113 CV. Agli elementi consolidati come il cambio meccanico e la facilità di manutenzione sono stati abbinati la nuova cabina VisionView  ad alta visibilità (comune alle altre due  nuove serie) e l’inversore idraulico montato sul piantone dello sterzo per cambi di direzione in movimento senza usare il pedale della frizione: una soluzione unica in questo segmento, ideale per le applicazioni con il caricatore frontale. Struttura di protezione Rops a richiesta.

Tre modelli per la nuova serie T5 con motori Fpt da 3,4 litri turbo Common Rail, potenza fino a 114 CV e piena conformità alla normativa Stage IIIB grazie al sistema Egr. Tra le novità introdotte, oltre alla nuova cabina Vision View, la regolazione della sensibilità dell’inversore idraulico, impianto idraulico con una portata combinata fino a 127 litri/min, caricatore frontale completamente integrato installato in produzione con capacità di sollevamento fino a 1.850 kg, nuovo sollevatore e pdf anteriori modulari, con capacità di sollevamento fino a 1.840 kg.

La gamma T6  si compone di sette modelli (T6.120, T6.140, T6.150, T6.155, T6.160, T6.165 e T6.175) azionati da motori Nef EcoBlue, sviluppati da Fiat Powertrain, a 4 o 6 cilindri, omologati  Stage IIIB grazie alla tecnologia Scr e in grado di erogare potenze massime da 119 a 175 CV con Epm (sistema di gestione potenza del motore). I motori EcoBlue Scr  migliorano  le prestazioni di lavoro grazie alle caratteristiche di coppia ottimizzate: 726 Nm di coppia massima e riserva di coppia fino al 42%. Viene inoltre garantita, a detta di New Holland, una riduzione fino al 10% dei costi di esercizio mediante il sistema di gestione del regime minimo del motore (Eism), che  viene portato da 850 a 650 giri/min in determinate condizioni, quali, ad esempio, l’assenza dell’operatore e l’azzeramento della posizione dell’acceleratore.

Meritano una segnalazione l’ottimo rapporto peso-potenza di 28,6 kg/cv, che comporta maggiore aderenza e ridotto compattamento del suolo; il regime 1000 Eco della pdf che  viene raggiunto a 1.621 giri/min del motore, con una significativa riduzione dei consumi di combustibile e quindi anche delle emissioni del veicolo;  il sollevatore anteriore SuperSteer che assicura un angolo di sterzata super stretto di 66° e un raggio di sterzata di soli  4,05 metri.

Massima personalizzazione, infine, per l’intera gamma con tutte le opzioni  disponibili per tutti i trattori, senza limiti o “pacchetti” prestabiliti.

Fonte: New Holland

Macchine Trattori , , ,

Related Posts

Comments are closed.