New Holland, speciali “in tutti i sensi”

Macchine , Trattori 26/01/2014 -

La presentazione ai giornalisti, lo scorso dicembre, del nuovissimo Customer Centre realizzato presso lo stabilimento di Jesi ha fornito a New Holland Agriculture l’occasione per illustrare agli ospiti la storia della fabbrica jesina, oggi eletta a centro internazionale  per la produzione dei trattori speciali del marchio giallo-blu.

 

OLTRE 670.000 TRATTORI PRODOTTI

Jesi_Trattori

L’acquisto da parte del gruppo Fiat di questo impianto, che in origine era di proprietà della Gherardi, azienda costruttrice di aratri, risale al 1977 e la destinazione produttiva iniziale è stata  quella di componenti per trattori. Nel 1985 sono stati effettuati importanti lavori di ampliamento e l’anno successivo è iniziata la produzione di trattori completi, che per alcuni anni è proseguita in parallelo con quella della fabbrica di Modena fino a quando, nel 1996, per effetto della ristrutturazione conseguente all’acquisto dell’americana Ford,  la produzione dei trattori con potenze medio-alte è  stata trasferita nella fabbrica inglese di Basildon.  Dal 1986  ad oggi lo stabilimento di Jesi, esteso su una superficie di  185 mila metri quadri, di cui 64 mila coperti, ha prodotto oltre 670.000 trattori completi, 116.000 trasmissioni e 189.000 cabine.

Jesi_Trattori2

 

UNA PRODUZIONE COMPLESSA

 

La produzione si svolge su due turni e ammonta a 110 trattori al giorno complessivi per i quali sono possibili più di 10.000 diverse configurazioni, a testimonianza della straordinaria flessibilità dell’ impianto.

Jesi_complessita

Le trasmissioni prodotte a Jesi sono quelle Specialty e Utility, mentre le trasmissioni della famiglia T5 sono prodotte nello stabilimento Cnh di Modena, dove vengono fabbricati anche gli assali anteriori, e quelle della famiglia TD5 nello stabilimento di Ankara in Turchia. Per quanto riguarda invece le cabine, la struttura viene prodotta dallo stabilimento Cnh di Modena e dal fornitore Cab Plus e a Jesi viene effettuato l’assemblaggio. Jesi rappresenta inoltre un’importante risorsa occupazionale a livello locale, dando lavoro a più di 880 persone, la cui età media non raggiunge neppure i 45 anni.

 

LINEE DI MONTAGGIO FLESSIBILI

 

Lo stabilimento di Jesi, come ha spiegato il direttore Santi Cugno (a sinistra nella foto, con Carlo Lambro, Brand President di New Holland  Agriculture), utilizza le tecnologie più avanzate per migliorare la produzione. Il trattore viene trasportato lungo le linee di montaggio da skid dinamici che possono spostarsi, ruotando in modo da trovarsi sempre ad un’altezza ottimale per l’ergonomia del lavoro. La linea di montaggio delle cabine ruota, in modo che queste si trovino ad un’angolazione ideale per facilitare e ottimizzare gli interventi di finitura da parte degli addetti.

JESI_Cugno

I componenti principali sono prodotti o consegnati Just in Sequence secondo le specifiche dell’ordine del cliente. Per garantire la qualità dei trattori sono state anche introdotte attrezzature speciali: prelievo materiale su segnalazione luminosa, avvitatori automatici a controllo di coppia, macchine per il riempimento automatico dei fluidi, dispositivi di radiofrequenza.

L’avanzatissimo reparto di verniciatura si avvale di tecnologiche robotizzate con più di 200 diversi programmi per assicurare sempre la massima qualità di finitura per tutti i prodotti. La verniciatura viene effettuata attraverso campi elettrostatici per massimizzare la copertura di vernice e ridurre gli sprechi.

 

L’IMPEGNO PER LA QUALITÀ

Planimetria_Jesi

L’impianto di Jesi, che ha recentemente raggiunto il livello bronzo nel World Class Manufacturing, un programma basato sulle migliori tecniche di produzione giapponesi, si attiene ai più rigorosi standard qualitativi in modo da garantire un’affidabilità eccezionale delle macchine prodotte.

Ogni singola trasmissione, prima dell’unione con il motore, e ogni singola cabina prima dell’assemblaggio sul trattore, vengono sottoposte a un severo programma di collaudi che simulano realisticamente vibrazioni e sollecitazioni di carico. Per tutti i trattori sono sottoposti a collaudo anche altri componenti come impianto idraulico, motore, trasmissione, sterzo, freni, bloccaggio differenziale e articolazioni. Inoltre ogni giorno vengono fatti provare ai clienti due trattori completi, selezionati casualmente alla fine della linea di produzione,  in modo da avere un feedback diretto utile per migliorare la futura produzione.

Jesi_CC

 A Jesi vengono prodotti attualmente i trattori speciali T4 frutteto, vigneto e filari stretti, i trattori cingolati TK, che si avvalgono di un sistema di cingoli di gomma e di acciaio interscambiabili unico nel settore, e le gamme T4, TD5 e  T5.

 
© riproduzione riservata
L'azienda del mese
Sotto i riflettori