MENU

Sempre più vicini ai livelli pre Covid-19, lo dice il Barometro del Cema

By at Luglio 23, 2020 | 23:48 | Print

Sempre più vicini ai livelli pre Covid-19, lo dice il Barometro del Cema

Dopo aver toccato il fondo, l’industria europea della meccanizzazione agricola sembra decisa a rialzarsi ed appare pronta a guardare con fiducia al futuro. È quanto emerge dal Business Barometer del Cema che porta la data del 10 luglio.

 

GUADAGNA PUNTI  IL CLIMATE INDEX, ORA A -20

clicca sull’immagine per ingrandirla

 

I risultati dell’indagine online effettuata mensilmente dal comitato che rappresenta i costruttori europei di macchine agricole per monitorare il trend del business di settore evidenziano infatti un progressivo miglioramento dell’indice generale del clima economico, che su una scala che va da -100 a +100 si posiziona a -20 riportandosi quasi sui livelli preCovid-19. Si tenga presente che nel mese di aprile era precipitato a -66.

Mentre i punti guadagnati dal Climate Index nel mese di giugno erano da ascrivere in larghissima parte alle aspettative future meno negative, adesso si riscontra anche un significativo miglioramento del business effettivo.

Una tendenza che ha alla base un numero significativamente inferiore di valutazioni negative da parte degli intervistati di Francia e Italia.

 

MIGLIORAMENTO TRAVERSALE, RISCONTRABILE IN QUASI TUTTI I COMPARTI

La percentuale di rappresentanti del mondo industriale che prevede un aumento delle vendite di macchine agricole nel corso dei prossimi sei mesi è salita dall’8 per cento dell’indagine di giugno al 13 per cento, ed è diminuito considerevolmente il numero di coloro che si aspettano una flessione (dal 56 al 38 per cento).

 

Fatta eccezione per i macchinari per la raccolta e i relativi componenti, per i quali le valutazioni sono ancora decisamente al di sotto della media, il miglioramento è stato registrato in tutti i comparti, a cominciare in particolar modo dalle attrezzature per la zootecnia, seguite dal segmento dei seminativi.

Anche per quanto riguarda il mercato, le aspettative dei partecipanti al sondaggio sono migliorate per quasi tutti i Paesi europei.

Sul fronte dell’occupazione i piani di riduzione dei dipendenti fissi interessano il 12 per cento degli intervistati, a fronte del 20 per cento di aprile. In forte diminuzione anche quelli riguardanti i dipendenti con contratto a tempo determinato (dal 59 al 44 per cento).

 

Ulteriori segnali positivi stanno arrivando da importanti mercati quali Francia e Italia, dove vengono segnalati solidi ordini in entrata e scorte di nuove macchine presso i rivenditori inferiori alla media.

 

 
Fonte: Cema
Fonte immagine di apertura: rielaborazione Meccagri foto Pixabay.

 

Primo piano , ,

Related Posts

Comments are closed.