Steyr: oltre i confini dell’Austria, verso una dimensione globale


Un marchio in fortissima evoluzione, con all’attivo ottimi risultati conseguiti, nonostante il difficile contesto, durante l’annata 2020 e con crescenti ambizioni per il futuro. E che mostra una sempre maggiore determinazione ad affermare sia la sua valenza di casa costruttrice internazionale, proiettata, a differenza del passato, al di là dei confini della patria austriaca e aree limitrofe, sia il suo consistente spessore tecnologico, ormai forte di requisiti e immagine che le prospettano il ruolo di brand di alto profilo in seno a CNH Industrial.

Questa in sintesi la fisionomia di Steyr così come emersa nel corso della press conference virtuale organizzata lo scorso 20 luglio per il lancio della nuova generazione del Terrus CVT, all’insegna del motto “Straight Ahead” ­– sempre dritti agli obiettivi guardando avanti – che ben contraddistingue lo spirito dell’azienda austriaca e i nuovi sviluppi del prodotto.

 

RECENTE INTRODUZIONE DEL MARCHIO IN SPAGNA, LETTONIA E LITUANIA

In primo piano, naturalmente, la strategia di espansione del brand, evidenziata da Peter Friis, Head of Commercial Operations Steyr Europe. «In anni recenti Steyr è sempre rimasta tradizionalmente concentrata sull’Austria e su altri mercati dell’Europa centrale. Questo focus, tuttavia, è ora in fase di sviluppo e ultimamente abbiamo introdotto il marchio Steyr in Spagna, Lettonia e Lituania, dove abbiamo selezionato partner commerciali di alto livello, attirando l’interesse degli agricoltori e dei contoterzisti, il che ci ha fornito una solida base di partenza per un lungo percorso che auspichiamo ricco di successi».

Via via, inoltre, «continuiamo a mettere a punto progetti, già ad uno stadio avanzato, mirati ad introdurre il marchio Steyr in altri mercati europei nei prossimi due anni. Il nostro obiettivo è quello di essere presenti entro il 2025 con reti Steyr in tutti i più importanti mercati del Vecchio Continente nel settore agricolo».

 

LA CENTRALITÀ DEL BRAND AUSTRIACO NELLA STRATEGIA TRANSFORM2WIN DI CNH INDUSTRIAL

Programmi, è stato specificato, in linea con il nuovo piano industriale presentato nel settembre 2019 alla borsa di New York in occasione dei Capital Market Days, durante i quali è stata annunciato la futura strategia Transform2Win di CNH Industrial che coinvolge il segmento agricolo.

E, nella strategia del gruppo per l’Europa, a Steyr spetta senz’altro una posizione centrale. Sintomatico, a tale proposito, il fatto che una delle novità di maggiore spicco in mostra sul palcoscenico dell’edizione 2019 di Agritechnica sia arrivata proprio dalla carica innovativa del costruttore austriaco, che ad Hannover ha proposto, nell’ambito di un’offerta dichiaratamente rivolta al futuro della tecnologia in campo trattoristico, il rivoluzionario concept di trattore a propulsione ibrida, lo Steyr Konzept.

 

CONNETTIVITÀ, DESIGN, PERFORMANCE E CUSTOMER EXPERIENCE DI LIVELLO SUPERIORE

«Una chiara dichiarazione di intenti – ha osservato Friis – che ben chiarisce il nostro futuro percorso di innovazione e di differenziazione volto a distinguere Steyr dalla concorrenza. E puntando sui nostri tratti salienti, in primis connettività avanzata, design scrupolosamente studiato, performance di tutto rispetto e una customer experience di livello superiore, direi che siamo sulla strada giusta. Ovviamente rimaniamo saldi nel nostro impegno a far sì che Steyr si affermi come marchio di qualità e high-tech di CNH Industrial. Un percorso, questo, appena iniziato e che, coincidendo con una strategia attentamente pianificata e a lungo termine, avrà bisogno dei suoi tempi. Supportati tuttavia da passione autentica, impegno e da profonda comprensione delle aspettative dei clienti, saremo in grado di creare i prodotti e i servizi di supporto del futuro».

 

RISTRUTTURAZIONE E POTENZIAMENTO DELLA RETE DISTRIBUTIVA

L’espansione in nuovi mercati, nell’ottica di Steyr, marcia di pari passo con i piani di sviluppo della propria rete distributiva, allo scopo di soddisfare le attese attuali e future dei clienti dei paesi in cui il marchio austriaco è già presente.

«Abbiamo in programma una ristrutturazione della nostra rete di concessionari, concentrandoci su coloro che commercializzano esclusivamente il nostro marchio o che sono disposti a investire in punti vendita dedicati. Il nostro obiettivo è quello di innalzare il livello di certificazione standard del concessionario, in modo da portare l’80 per cento di tutti i partner commerciali al “livello Professional” entro la fine del 2022, allo scopo di garantire una customer experience di alto profilo. Sarà uno sforzo notevole, ma lo riteniamo fondamentale in vista del raggiungimento dei nostri obiettivi a lungo termine».

 

QUOTA DI MERCATO INCREMENTATA E NUOVO RECORD DI VENDITE UNITARIE NEL 2020

Nel frattempo, grazie alle capacità di collaborazione e all’impegno profuso dall’intero team Steyr per lavorare in sicurezza e continuare a garantire sostegno alla clientela al fine di minimizzare l’impatto della pandemia da Covid-19 che ha fortemente colpito il mercato delle macchine agricole in Europa, il costruttore austriaco ha chiuso l’anno scorso con esiti decisamente brillanti.

«L’andamento del 2020 è risultato molto più positivo di quanto si sarebbe potute preventivare – ha illustrato Friis –. Dimostrandoci un partner commerciale affidabile abbiamo infatti incrementato la quota di mercato di Steyr in Europa e battuto il record di vendite unitarie stabilito nel 2019». E in prospettiva, «guardando al resto del 2021, nonostante gli aumenti dei prezzi delle materie prime e le sfide della catena di approvvigionamento relative ad alcuni componenti, il nostro portafoglio ordini ci offre validi motivi di ottimismo».

 

LE FUNZIONALITÀ TELEMATICHE S-FLEET, UN VALORE AGGIUNTO, ANCHE PER LE MACCHINE DATATE

Successi indubbiamente legati ad un’offerta di trattori molto strutturata e convincente, stabilmente connotata da consistenti innovazioni tecniche associate a spiccate doti di efficienza e affidabilità. Ed ora ulteriormente supportata dai nuovi avanzati servizi predisposti da Steyr per consentire agli utilizzatori di valorizzare al massimo le proprie macchine.

Adesso infatti l’intera gamma di trattori del marchio austriaco può essere equipaggiata con le inedite funzionalità telematiche del pacchetto Steyr S-Fleet – alcuni pacchetti sono installati dalla fabbrica mentre altri vengono installati successivamente presso il concessionario – il che vale non soltanto per le macchine nuove, ma anche per tutte le altre prodotte dal 2012 in poi.

Le funzionalità telematiche del servizio S-Fleet, illustrate nel corso della press conference da Caroline Hager, Business Operations Europe, eliminano la necessità di registrare e trasferire i dati manualmente tramite USB. I dati operativi del trattore e dell’attrezzo vengono infatti registrati istantaneamente e automaticamente e sono accessibili sul PC dell’azienda agricola tramite il portale Web MySteyr.com o tramite l’app mobile S-Fleet sul dispositivo smart del gestore/proprietario.

A tutto questo si aggiunge la possibilità di visualizzare la posizione delle macchine e di monitorare gli indicatori di prestazione, consentendo, ad esempio, di rilevare quando potrebbe essere necessario un rifornimento di carburante. Il trasferimento dati bidirezionale implica che dati e istruzioni (ad esempio le mappe dei campi) possano essere inviati al trattore anche da un dispositivo mobile o da un PC.

Anche il concessionario Steyr autorizzato dal proprietario è in grado di monitorare i trattori dotati di S-Fleet, il che può consentirgli, tra l’altro, di rilevare tempestivamente anomalie (per esempio la temperatura elevata dell’olio), segni premonitori di possibili guasti, e di contattare il cliente e individuare e risolvere la causa prima che diventi un problema.

 

TRATTORI IN TOUR CON IL NUOVO DEMO TRUCK

Un insieme di requisiti di vaglia, insomma, che hanno generato la solida immagine goduta dai trattori firmati Steyr e che il costruttore è sempre più impegnato, insieme ai propri concessionari, a far conoscere ad un numero crescente di utilizzatori ricorrendo alla via considerata più efficace, quella delle manifestazioni dimostrative con sperimentazione in campo dei pregi della macchina direttamente dal posto di guida.

In tale ambito uno degli investimenti più recenti di casa Steyr a livello di marketing è stato il nuovo Demo Truck, deputato al trasporto dei trattori sul campo dove possono essere guidati e testati.

Si tratta di un camion di supporto, dotato di un rimorchio appositamente progettato per adattarsi in maniera funzionale e flessibile ai diversi tipi di eventi e di platee. Per eventi, dunque, dove sono necessarie presentazioni indoor, il nuovo autoarticolato Demo Truck è provvisto di una sala eventi di oltre 50 metri quadrati di spazio calpestabile, attrezzata con tecnologie audiovisive all’avanguardia con palco e platea. «Abbiamo già riscontrato i vantaggi sul campo di questa attività di supporto alla vendita di trattori Steyr e al momento stiamo portando in tour pubblicitario nei mercati europei chiave gli ultimissimi modelli di trattori Absolut CVT e Impuls CVT».

 

UNA COMUNICAZIONE MIRATA PER ESSERE SEMPRE PIÙ VICINI ALLE NUOVE GENERAZIONI DI AGRICOLTORI

Sempre più incisiva e dinamica negli ultimi tempi, poi, la comunicazione portata avanti da Steyr per consolidare la propria identità di brand ormai connotato da un nuovo volto e un nuovo stile, con una particolare attenzione a raggiungere la platea della nuova generazione di agricoltori.

«Abbiamo, innanzitutto, sviluppato una nuova collezione Fanshop, presto disponibile on line, che ospiterà una gamma di prodotti rispecchianti i più aggiornati standard di Steyr. E vorreri ricordare che siamo presumibilmente il marchio di trattori più attivo sui social media e con ogni probabilità i primi ad essere sbarcati su TikTok: una recente evoluzione nella nostra strategia in questo ambito che ci aiuterà a creare una connessione con gli agricoltori più giovani e più tecnologicamente all’avanguardia, che rappresentano un mercato chiave per Steyr».

 

STEYR SELEKT, QUALITÀ GARANTITA PER I TRATTORI USATI

Ma in casa Steyr l’impegno indirizzato alla promozione dei nuovi trattori non fa perdere d’occhio quello mirato ad incentivare gli acquisti di trattori usati.

«Il nostro intento – è stato spiegato – è anche quello di aiutare i nostri concessionari a trovare nuovi acquirenti per i trattori in conto vendita. Proprio a tale scopo abbiamo lanciato Steyr Selekt, un programma che definisce i più rigorosi standard per i trattori usati certificati a disposizione presso i nostri concessionari. Si tratta di un programma che riguarda i trattori fino a 5 anni di età, con un massimo di 4.000 ore di lavoro, che vengono valutati su una scala a 100 punti. Gli acquirenti beneficiano inoltre della nostra assistenza premium e di soluzioni di finanziamento flessibili, in pratica le stesse disponibili per il nuovo».

 

A ST. VALENTIN STANDARD PRODUTTIVI SEMPRE PIÙ ELEVATA ED UNA VERNICITURA SUPER RESISTENTE

Trattori, in ogni caso, orgogliosamente rivendicati come made in Austria, a significare la loro eccellente fattura, la robustezza e la durata nel tempo, frutto dei processi produttivi improntati all’altissima qualità e alla tecnologia più avanzata adottati dallo stabilimento Steyr di St. Valentin, all’interno del quale viene scrupolosamente seguito il sistema di produzione del World Class Manufacturing, comprendente regole rigorose che abbracciano tutti gli aspetti di uno stabilimento: dalla sicurezza alla produttività fino agli elevati standard del prodotto finito.

Un approccio, quello abbracciato a St. Valentin, efficacemente testimoniato, tra l’altro, dai nuovi impianti di verniciatura deputati a conferire ai trattori la classica livrea bianca e rossa Steyr, per cui sono stati stanziati investimenti nell’ordine di 1,1 milioni di euro e dove le prime macchine sono entrate nell’agosto del 2020. «Ed oggi i nostri clienti in tutta Europa stanno già toccando con mano i vantaggi, in termini di ancor superiore robustezza e longevità, oltre che di validità estetica, garantiti ai trattori dai nuovi ulteriormente perfezionati processi di verniciatura delle carrozzerie».

In collaborazione con 24 fornitori e partner specializzati, viene infatti precisato, il team Steyr ha identificato una serie di migliorie per gestire al meglio sia la fase preparatoria sia quella di verniciatura vera e propria, come pure quella successiva: migliorie che nel loro insieme hanno consentito di ottenere una finitura più lucida e resistente ai graffi, alle crepe e alla ruggine, ed anche più aderente alle superfici metalliche.

 

© Barbara Mengozzi

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori
trattori breaking news