Zürn Harvesting: Top Cut Collect, per un innovativo controllo meccanico delle infestanti

Attrezzature 03/06/2021 -

Nasce dalla collaborazione della tedesca Zürn Harvesting con l’agricoltore/inventore francese Romain Bouillé Top Cut Collect, macchina ispirata ad un prototipo utilizzato in agricoltura biologica che inaugura un approccio completamente nuovo al controllo meccanico delle infestanti.

La “raccoglitrice di malerbe”, che ha conquistato all’edizione 2021 dei Sima Innovations Awards il Premio speciale per la transizione agroecologica, permette di tagliare in modo intelligente le piante infestanti presenti nella coltura principale, procedendo poi alla loro raccolta e smaltimento.

«In questo modo si riduce significativamente la quantità di semi di infestanti nel raccolto e si migliora anche in modo notevole la pulizia del suolo», ha fatto presente Rolf Zürn, direttore generale dell’azienda, sulla base della pluriennale sperimentazione pratica effettuata in Francia.

 

SISTEMA DI TAGLIO CON BARRA A DOPPIA LAMA, NASTRI TRASPORTATORI E CONTENITORE DI RACCOLTA

Top Cut Collect, grazie alla sua barra di taglio a doppia lama, taglia gli steli delle infestanti che crescono sopra il livello di altezza della coltura.

Un aspo speciale a forma di spirale, che lavora in maniera delicata senza sbriciolare i semi delle infestanti,  trasporta questi ultimi dalla barra falciante ad un nastro trasportatore, evitando che cadano a terra. Un ulteriore nastro convoglia poi il tutto in un contenitore di raccolta con svuotamento alto.

Il movimento è garantito da motori idraulici, alimentati dal circuito idraulico del trattore, la cui velocità di rotazione può essere facilmente regolata dal conducente del trattore in base al volume raccolto o alla velocità di lavoro, mentre le ruote di livello, anch’esse regolabili idraulicamente dalla cabina del trattore,  permettono il controllo dell’altezza.

Attualmente la larghezza di lavoro del Top Cut Collect è compresa fra 9 e 12 metri. Viene principalmente impiegata per ridurre la presenza delle erbe infestanti più resistenti, come l’erba codina, l’apera, l’avena fatua e il loglio. La biomassa raccolta può essere immessa in un digestore.

Per informazioni: ilona.motz@zuern.de

 
Fonte: Zürn Harvesting
 
 

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori
trattori breaking news