Agco: giù il fatturato (-12,1%) nei primi tre mesi del 2024 e domanda sempre più debole

Mercati 08/05/2024 -
Agco: giù il fatturato (-12,1%) nei primi tre mesi del 2024 e domanda sempre più debole

Un primo trimestre 2024 in rosso per Agco, che nel periodo gennaio-marzo dell’anno in corso ha registrato un fatturato di 2.928,7 milioni di dollari, in calo del 12,1 per cento rispetto ai 3.333,5 milioni di dollari di un anno fa (-13,1%% se si escludono gli impatti favorevoli della conversione valutaria).

Risultati finanziari Agco 1° trimestre 2024 vs. 1° trimestre 2023

L’utile netto dichiarato è stato di 2,25 dollari per azione (3,10 dollari per azione nel primo trimestre 2023), mentre l’utile netto rettificato per azione si è fermato a 2,32 dollari per azione (3,51 dollari per azione nel primo trimestre 2023).

«Agco ha dimostrato una forte attuazione della sua strategia Farmer First nel primo trimestre – ha affermato Eric Hansotia, presidente del Consiglio di amministrazione, presidente e amministratore delegato di Agco –. I nostri risultati riflettono il calo della domanda globale per il settore delle macchine agricole e, come previsto, i corrispondenti tagli significativi alla produzione che hanno comunque avuto effetti positivi. Le riduzioni avevano lo scopo di contribuire a diminuire le scorte dei concessionari. Sebbene la gestione dei costi e del capitale circolante rimanga una priorità per mitigare le pressioni del mercato, continuiamo a premiare gli azionisti attraverso dividendi e investendo nelle nostre tre iniziative ad alto margine: crescita della nostra attività di agricoltura di precisione, globalizzazione di una linea completa di prodotti a marchio Fendt ed espansione della nostra attività di ricambi e servizi».


Leggi anche >>> Agco: fatturato netto record di 14,4 miliardi di dollari (+13,9%) nel 2023, ma la domanda è in calo


 

LA JOINT VENTURE STRATEGICA PTX TRIMBLE  RAFFORZA L’OFFERTA DI AGCO NEL BUSINESS DELL’AGRICOLTURA DI PRECISIONE

«Abbiamo completato con successo la transazione della joint venture PTx Trimble all’inizio di aprile, che migliora notevolmente la nostra attività di retrofit e agricoltura di precisione con flotte miste ­ – ha proseguito Hansotia –. Abbiamo anche lanciato il nostro nuovo marchio leader, PTx, che combina le tecnologie agricole di precisione di PTx Trimble e Precision Planting, i pilastri dello stack tecnologico di Agco. L’allineamento strategico di questi marchi accelererà la trasformazione tecnologica di Ago e sosterrà il futuro sviluppo e la distribuzione di tecnologie agricole di prossima generazione per agricoltori e produttori di apparecchiature originali in tutto il mondo».


Leggi anche >>> Agco lancia il suo portafoglio di agricoltura di precisione PTx


 

INDEBOLIMENTO DELLA DOMANDA DI ATTREZZATURE AGRICOLE A LIVELLO GLOBALE

Illustrando il contesto socio-economico generale, Hansotia ha sottolineato come sia prevista nel corso del 2024 un’ulteriore moderazione dei livelli dei redditi agricoli che andranno ad allinearsi ancor più alle medie storiche dopo tre anni particolarmente brillanti. «Continuiamo ad aspettarci – ha affermato – una maggiore adozione della tecnologia di precisione, ma le condizioni economiche agricole più difficili si stanno traducendo in una domanda industriale globale più debole per la maggior parte delle categorie di attrezzature. Nel primo trimestre del 2024, la domanda al dettaglio di trattori  è diminuita in media del 10% nelle tre principali regioni».

 

VENDITE AL DETTAGLIO DI TRATTORI IN CALO IN NORD AMERICA (-9%), E ANCOR PIÙ IN SUD AMERICA (-18%)

In particolare, le vendite al dettaglio di trattori dell’industria nordamericana sono diminuite nei primi tre mesi del 2024 del 9% rispetto allo scorso anno e la flessione delle vendite delle attrezzature più piccole è stata più significativa rispetto alla maggior parte delle categorie di attrezzature più grandi.

Sempre nel primo trimestre 2024 le vendite al dettaglio di mietitrebbie sono diminuite invece del 17%. rispetto allo scorso anno. Si prevede che il previsto calo del reddito agricolo previsto e il rinnovamento della flotta metteranno sotto pressione la domanda del settore nel 2024, determinando un calo delle vendite in Nord America rispetto al 2023.

Anche le vendite al dettaglio di trattori dell’industria sudamericana sono diminuite – del 18% – durante i primi tre mesi del 2024 rispetto al corrispondente periodo del 2023. Il Brasile e i mercati sudamericani più piccoli hanno mostrato la maggiore debolezza, mentre i cali in Argentina sono stati moderati dopo le deboli vendite dell’industria nel 2023. La domanda in Brasile è stata influenzata negativamente dal deficit di finanziamento del programma di prestiti sovvenzionati dal Governo e da un primo raccolto difficile nella regione del Cerrado. Dopo tre anni forti – ha evidenziato Hansotia –   si prevede che la domanda al dettaglio in Sud America si indebolirà ulteriormente nel 2024 a causa del calo dei prezzi delle materie prime e del reddito agricolo.

 

ANALOGO ANDAMENTO IN EUROPA OCCIDENTALE (-8%)

Analogo trend in Europa occidentale, dove le vendite al dettaglio di trattori da parte dell’industria sono diminuite dell’8% durante i primi tre mesi del 2024 rispetto ai primi tre mesi del 2023, con le condizioni più deboli in Italia, Finlandia e Regno Unito. Il sentiment degli agricoltori nella regione ha continuato ad essere influenzato negativamente del conflitto in Ucraina e dell’elevata inflazione dei costi degli input. Si prevede che la domanda del settore si indebolirà nel 2024 poiché la contrazione dei redditi mette sotto pressione la richiesta da parte dei coltivatori, anche se domanda più sostenuta espressa dai produttori lattiero-caseari e di bestiame attenuerà parte del calo.

 

FLESSIONE A DUE CIFRE DELLE VENDITE NETTE DI AGCO IN NORD AMERICA (21,3%) E IN SUD AMERICA (-42,1%)

Ripartizione vendite nette Agco per aree geografiche 1° trimestre 2024 vs. 1° trimestre 2023

In Nord America le vendite nette di Agco sono diminuite del 21,3% nei primi tre mesi del 2024 rispetto allo stesso periodo del 2023, escludendo l’impatto favorevole della conversione valutaria. Il calo delle vendite nel settore e la minore domanda del mercato finale sono stati parzialmente compensati da prezzi positivi. I cali di vendita più significativi si sono verificati nelle categorie delle attrezzature per la fienagione, dei trattori di fascia media e delle mietitrebbie. Il reddito operativo nei primi tre mesi del 2024 è diminuito di 59,7 milioni di dollari rispetto allo stesso periodo del 2023 e i margini operativi sono stati del 5,8%. La diminuzione è da ascrivere a minori vendite e produzione, nonché a maggiori spese di vendita, generali e amministrative (spese SG&A) e spese di ingegneria.

Agco all’ultima edizione di Agrishow, in Brasile.

Ancora più accentuata (-42,1%, escludendo l’impatto della conversione valutaria favorevole) la flessione delle vendite nette di Agco nella regione sudamericana, da attribuire in larga parte al calo delle vendite del settore e alla debolezza della domanda al dettaglio. Le minori vendite di trattori e mietitrebbie hanno determinato la maggior parte del calo. Le significative diminuzioni delle vendite in Brasile sono state in minima parte compensate da vendite leggermente più elevate in Argentina. Il reddito operativo nei primi tre mesi del 2024 è diminuito di 83,3 milioni di dollari rispetto allo stesso periodo del 2023 principalmente a causa di minori volumi di vendita e produzione, nonché di prezzi negativi.

 

TREND PRESSOCHÉ STAZIONARIO NELLA REGIONE EME (+0,1%), CON OTTIMI MARGINI

Ripartizione percentuale vendite nette Agco per aree geografiche 1° trimestre 2024 vs. 1° trimestre 2023

Trend pressoché stazionario nella regione Eme (Europa-Medio Oriente), dove le vendite nette di Agco sono cresciute dello 0,1% per cento nei primi tre mesi del 2024 rispetto allo stesso periodo del 2023, escluso l’impatto favorevole della conversione valutaria.

La crescita in Germania e Francia è stata compensata da minori vendite in quasi tutti gli altri mercati europei. I prezzi positivi e l’aumento delle vendite di trattori ad alta potenza sono stati controbilanciati dal calo degli altri prodotti. Il reddito operativo è aumentato di 43,5 milioni di dollari e i margini operativi sono migliorati di 230 punti base per effetto soprattutto dei prezzi netti positivi, parzialmente compensati da maggiori spese SG&A e spese di ingegneria.

 

IN ROSSO ANCHE NELLA REGIONE APA (-15,5%)

Per finire, nella regione  Asia/Pacifico/Africa le vendite nette sono diminuite del 15,5, escludendo l’impatto negativo della conversione valutaria, nei primi tre mesi del 2024 rispetto allo stesso periodo del 2023, a causa della domanda più debole del mercato finale e dei minori volumi di produzione. Le minori vendite in Cina e Australia hanno causato gran parte del calo. Il reddito operativo è diminuito di 10,1 milioni di dollari a causa dei minori volumi di vendita.

 

PREVISTE NEL 2024 VENDITE NETTE PER CIRCA 13,5 MILIARDI DI DOLLARI

Per il 2024 Agco si attende vendite nette, incluso l’impatto positivo di PTx Trimble, di circa 13,5  miliardi di dollari, per effetto di volumi di vendita inferiori, conversioni valutarie sfavorevoli e prezzi modestamente positivi. I margini operativi rettificati sono previsti pari a circa l’11,3%, riflettendo i vantaggi del consolidamento di PTx Trimble nonché gli impatti delle minori vendite, dei minori volumi di produzione, dell’aumento del controllo dei costi e degli investimenti leggermente inferiori in ingegneria e altre tecnologie a sostegno delle iniziative di Agco per l’agricoltura di precisione e il digital. Sulla base di queste ipotesi, l’utile per azione rettificato per il 2024 è previsto a circa 12,00 dollari.

Nella foto di apertura:  Grand opening del “The Fendt Lodge” a Jackson, nel Minnesota.

 
© riproduzione riservata
Fonte foto e tabelle: Agco.
 

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori
Meccagri.it - Social media
Seguici su Facebook Seguici su Instagram Seguici su Youtube Seguici su Twitter