Agritechnica 2023, nel segno della “produttività verde”

Eventi 02/03/2023 -
Agritechnica 2023, nel segno della “produttività verde”

Un ritorno in grande stile sul palcoscenico del quartiere fieristico di Hannover dopo quattro anni di assenza, quello che si preannuncia per l’edizione 2023 di Agritechnica, la grande rassegna internazionale della meccanizzazione agricola in programma dal 12 al 18 novembre prossimi.

Un appuntamento sempre più cosmopolita, ai vertici dell’innovazione e già fortemente gratificato dalla partecipazione degli espositori provenienti dalla Germania e dall’estero, come rileva DLG (Deutsche Landwirtschafts-Gesellschaft), la società tedesca per l’agricoltura organizzatrice dell’evento, particolarmente soddisfatta per le cifre già oggi all’attivo: 2.000 ditte espositrici, in arrivo da 49 paesi, attese al polo fieristico di Hannover, in rappresentanza di tutti i segmenti dell’agromeccanica, dai grandi trattori da campo aperto alle attrezzature specializzate.


Leggi anche >>>

Agritechnica: annullata l’edizione 2022, appuntamento a novembre 2023


DUEMILA ESPOSITORI PROVENIENTI DA 49 PAESI GIÀ ATTESI AD HANNOVER

«Attualmente, a circa nove mesi dall’inizio della fiera, il numero di adesioni finora registrato riflette in modo impressionante l’eccezionale posizione di Agritechnica per il settore internazionale delle macchine agricole e dei suoi fornitori», ha commentato Timo Zipf, project manager di Agritechnica. «In veste di rassegna leader mondiale del settore – ha proseguito – Agritechnica non rappresenta soltanto la principale piattaforma commerciale internazionale, ma anche un forum per lo scambio professionale a livello mondiale relativo alle produzioni agricole orientate al futuro».

Fedele alla sua mission di fiera in grado di candidarsi alla funzione di primo motore di innovazione nell’ambito del settore agricolo, sottolinea ancora il project manager della kermesse tedesca, Agritechnica 2023 si accinge ad offrire un panorama straordinariamente vasto e variegato delle migliori tecnologie meccaniche per ogni tipo di lavorazione dell’agricoltura internazionale – dalle irroratrici ai droni, dai trattori ai sistemi di equipaggiamento autonomo, dalle mietitrebbie ai sistemi di assistenza digitale – presentando non solo standard consolidati e innovazioni applicabili per i professionisti dell’agricoltura, ma anche visioni per un’agricoltura efficiente e sostenibile in tutto il mondo.

 

FEEDBACK DAL SETTORE

Sempre estremamente positiva, poi, la risposta espressa da parte delle aziende partecipanti alla manifestazione di Hannover. «Il nostro compito è quello di fornire agli agricoltori gli strumenti per migliorare l’efficienza e la produttività dell’agricoltura ottimizzando i risultati operativi – osserva Carlo Lambro, Brand President di New Holland Agriculture –. Proprio per questo motivo siamo sempre presenti ad Agritechnica, con l’intento di ribadire il nostro ruolo di leader nella ricerca e nello sviluppo tecnologico».

«Con le sue soluzioni tecnologiche innovative l’industria delle macchine agricole sta fornendo un contributo significativo in merito alla domanda su come sia possibile un approvvigionamento alimentare senza soluzione di continuità alla luce degli eventi attuali», rileva Tilmann Köller, responsabile comunicazione pubblica, fiere ed eventi di John Deere, aggiungendo: «e risposte importanti ci aspettiamo dalla prossima edizione di Agritechnica, dove siamo impazienti di presentare nuovi prodotti e soluzioni che supportino i nostri clienti nell’aumento della produttività e nella conservazione delle risorse».

Nicola Lemken, membro del management di Lemken, fa presente: «c’è bisogno di tecnologie rivolte all’aumento dell’efficienza e al miglioramento dell’intelligenza delle macchine fino ad arrivare a unità operative autonome. E Agritechnica rappresenta una vetrina ideale per presentare le nostre ultime innovazioni e confrontarci con i visitatori professionali internazionali».

 

ALL’INSEGNA DEL MOTTO PRODUTTIVITÀ VERDE – ISPIRAZIONE E SOLUZIONI

Quest’anno il tema guida di Agritechnica, “Produttività verde”, è incentrato sulle sfide che la moderna agricoltura deve fronteggiare per raggiungere l’obiettivo dell’incremento della produttività proteggendo al contempo il suolo, il clima e l’ambiente.

Al programma espositivo del salone di Hannover si accompagnerà un programma tecnico articolato in eventi dal vivo, spettacoli dimostrativi e in una nuova sessione di “tappe per esperti”, una piattaforma dedicata ad esplorare argomenti quali l’irrorazione intelligente, il rilevamento intelligente e remoto, la connettività, le attrezzature agricole autonome e i sistemi di propulsione alternativi, oltre che le soluzioni per ottenere una maggiore efficienza e conservazione delle risorse sul campo attraverso pneumatici, zavorramento e sistemi di assistenza.

 

LA RASSEGNA PARALLELA SYSTEMS & COMPONENTS

Numerose le adesioni registrate anche per “Systems & Components”, la rassegna B2B per i fornitori di sistemi e componenti per il settore delle macchine agricole e off-highway che si svolgerà parallelamente ad Agritechnica 2023, dedicata quest’anno alla disamina delle opportunità e delle sfide presentate dalle nuove tecnologie a sostegno di una trasformazione sostenibile dell’agricoltura.

Uno spazio all’interno del quale aziende specializzate e start-up metteranno in mostra gli ultimi sviluppi nell’ambito della componentistica, evidenziando la loro capacità di innovazione in materia di motori, trasmissioni, idraulica, elettronica, cabine e ricambi.

 

AUTOMAZIONE: MEGATREND NEL SETTORE OFF-HIGHWAY

Agritechnica 2019

In grande risalto a Systems & Components 2023, dunque, sistemi di controllo, tecnologie di precision farming, soluzioni di guida assistita o autonoma che mantengono le macchine in carreggiata o rilevano le condizioni del suolo, affiancate da sensori, dispositivi elettronici, sistemi GPS e tecnologie plug-in deputate a rendere le macchine più intelligenti, oltre che in grado di raccogliere ed elaborare dati fornendo agli agricoltori preziosi strumenti decisionali.

 

ROBOT INTELLIGENTI PER IL LAVORO SUL CAMPO

In primo piano anche i robot agricoli, sviluppati soprattutto da start-up, che, grazie al design delle ruote o alle trasmissioni a cingoli, alla carreggiata regolabile e al peso relativamente ridotto, riescono ad eseguire più compiti risultando più delicati sul suolo e più efficienti dal punto di vista energetico rispetto alla tecnologia convenzionale.

Equipaggiati di sistemi di sterzo RTK e di sistema di sensori completo per il rilevamento di ostacoli, i robot da campo possono pertanto svolgere lavori monotoni, faticosi e talvolta pericolosi, lasciando più tempo per il lavoro, in particolare, a chi deve gestire vaste superfici.

 

MOTORI PRONTI PER IL FUTURO

Agritechnica 2019

Una progressiva automazione delle macchine che richiederà la presenza di nuovi sistemi di propulsione. In tal senso progettisti e ingegneri troveranno all’interno di Systems & Components una carrellata di soluzioni di ogni tipologia, adattate alle diverse e individuali esigenze del mercato off-highway, dove il downsizing e il downspeeding rappresentano aspetti chiave. Si spazierà quindi dai motori diesel Stage V ai motori multifuel (alimentabili a gasolio o metano oppure impiegati in applicazioni ibride), fino ai motori a idrogeno pronti per il mercato e ai propulsori elettrici.

Novità di Agritechnica 2023, poi, sarà l’evento partner “Inhouse Farming – Feed & Food Show”, la nuova piattaforma DLG basata sui sistemi di produzione agricola  (la vertical farming, l’acquacoltura e l’idroponica, ad esempio) e alimentare del futuro, che vedrà un forte coinvolgimento degli operatori agricoli che porteranno le loro testimonianze ed esperienze sul campo.

 

 
Fonte: DLG
Le immagini fieristiche si riferiscono a Agritechnica 2019.