Massey Ferguson: “Born to Farm”, 7 novità  pensate e create con e per gli agricoltori

Primo piano 16/09/2021 -

Produttività, efficienza e crescita sostenibile delle aziende agricole. Questi i temi al centro dell’importante evento digitale, salutato da una grande partecipazione di spettatori, che Massey Ferguson ha organizzato lo scorso 3 settembre intitolandolo sintomaticamente “Born to Farm” e dedicandolo quindi ad una vasta platea di “nati per l’agricoltura”, agricoltori, contoterzisti, concessionari, dipendenti Massey Ferguson, giornalisti.

 

UN EVENTO DIGITALE PER UNA PLATEA GLOBALE

Da sinistra:Francesco Murro, Vice President, Massey Ferguson Global Marketing, Sales Enablement & Product Partnerships, Thierry Lhotte, Vice-President & Managing Director Massey Ferguson Europe & Middle East,  e Jerôme Aubrion, Senior Manager, Product Lines, Marketing Leaders.

Un evento decisamente speciale per il brand internazionale di Agco, durante il quale, accanto alla presentazione di numerose novità di grande portata in termini di nuove macchine intelligenti e servizi digitali, è stata delineata con sempre maggiore chiarezza e forza d’impatto la nuova era di casa Massey Ferguson, interamente focalizzata sugli agricoltori.

«Gli agricoltori ci richiedono di continuo innanzitutto un’esperienza completamente personalizzata: macchine e servizi che rispondano alle loro esigenze specifiche, affidabili, con bassi costi di gestione, confortevoli, che aiutino a ridurre i costi e a massimizzare i profitti. E poi uno stretto rapporto con il concessionario e un accesso diretto al marchio», ha premesso Thierry Lhotte, vicepresidente e amministratore delegato di Massey Ferguson Europa e Medio Oriente. E la risposta e il fulcro della “new era” di Massey Ferguson si concretizzano, appunto, nell’offerta di nuove macchine intelligenti e di servizi connessi, progettati e costruiti per gli agricoltori e con gli agricoltori.

«Il nostro obiettivo – ha confermato Lhotte – è quello di produrre macchine intelligenti, facili da usare e accessibili ad un numero sempre maggiore di agricoltori in tutto il mondo, ai quali possano offrire un’esperienza di lavoro semplice, affidabile e vantaggiosa. A questo si aggiunge una serie di caratteristiche pensate per gli agricoltori e connesse ad un ecosistema di servizi digitali e sicuri, in grado di fornire utili dati predittivi, tali da consentire alle aziende di prendere decisioni più ponderate al fine di garantire un’operatività al 100 per cento, una riduzione dei costi e un profitto sostenibile, oltre ad un minor impatto ambientale».

 

INEDITE MACCHINE INTELLIGENTI, SOSTENIBILI, SEMPLIFICATE E AFFIDABILI, IN GRADO DI SODDISFARE TUTTE LE ESIGENZE DEI CLIENTI

MF 6S.145

Ed uno step fondamentale di questo percorso, in linea con le promesse del marchio e con quanto richiesto dagli utilizzatori, è rappresentato dalle innovazioni pragmatiche proposte da Massey Ferguson e dalle tecnologie in grado di rendere più semplici e redditizie le operazioni agricole, restando sempre più vicino agli agricoltori.

«Born to Farm incarna la nostra visione di portare una nuova era di macchine intelligenti e servizi digitali, semplici e affidabili, a livello gobale – ha ribadito Francesco Murro, vicepresidente di Massey Ferguson per la divisione Global Marketing, Sales Enablement & Product  Partnerships –. E questo in sintonia con la autentica globalità del marchio Massey Ferguson, con alle spalle oltre 170 anni di storia e con clienti in 170 paesi in tutto il mondo, forte di un team di oltre 12.000 persone dedicate che lavorano con e per gli agricoltori».

Gli agricoltori, infatti, sono al centro di ogni attività della casa costruttrice, ha proseguito Murro, «ma esistono diversi tipi di agricoltori. Ogni azienda agricola ha esigenze specifiche e richiede dunque prodotti e servizi studiati su misura per le proprie operazioni. E il nostro approccio globale per la realizzazione di nuove macchine intelligenti e di servizi digitali sfrutta la nostra ampia e diversificata base di clienti, permettendoci fin dal primo giorno di soddisfare tutte le esigenze degli utilizzatori, senza mai perdere di vista i trend a lungo termine che dominano il nostro settore, come l’agricoltura 4.0, il Green Deal europeo e la sostenibilità».

 

NUOVI MF 6S, COMPATTI, LEGGERI E FACILI DA MANOVRARE, TRA 135 E 200 CAVALLI

MF 6S.180 e MF 6S.145

A testimoniare nei fatti la nuova era di Massey Ferguson il lancio  durante l’evento Born to Farm, tra macchine intelligenti e servizi dgitali, di ben sette novità. Una linea di macchine completamente rinnovate, progettate e realizzate nel Massey Ferguson Global Center of Excellence per l’ingegneria nei pressi dello stabilimento di Beauvais, che parte dai nuovi MF 6S, compatti, leggeri e di facile manovrabilità: trattori completi a quattro cilindri con potenze comprese tra 135 e 200 cavalli e sistema EPM (Engine Power Management) che consente di guadagnare potenza extra per soddisfare le esigenze della PTO, dell’impianto idraulico e delle applicazioni di trasporto.

 

IL LANCIO DELLA SERIE MF 7S, QUATTRO MODELLI CON POTENZE MASSIME DA 155 A 190 CAVALLI

MF 7S.190

Aggiornamento 4.0 anche per la gamma trattoristica MF 7S, da sempre tra le più apprezzate e vendute sul mercato tra quelle proposte dalla casa inglese, oggi formata da modelli a sei cilindri con potenze che vanno da 155 a 220 cavalli e dotazione di sistema EPM.

Una rinnovata gamma di trattori stabili, precisi, affidabili, maneggevoli e confortevoli, estremamente versatile e progettata, in particolar modo, in vista di una elevata capacità di trazione, correlata al passo lungo da 2,88 metri combinato agli pneumatici da 42 pollici di diametro.

Da segnalare, ai fini della efficiente trazione sulle quattro ruote, anche la lunga corsa delle sospensioni dell’asse anteriore (pari a 144 millimetri) abbinate al sistema di sospensioni meccaniche attive sulla cabina.

L’interno cabina dell’MF 7S.190

Equipaggiata dell’intuitiva trasmissione Dyna-VT a variazione continua o del comprovato cambio semipowershift robotizzato Dyna-6, la nuova serie MF 7S offre un potenziato livello di comfort nella cabina ad alta visibilità, dove Massey Ferguson ha introdotto lo stesso bracciolo presente sui fratelli maggiori, gli MF 8S, con leva Multipad, Isobus compatibile, che prevede una rotellina per gestire rapidamente le impostazioni di trasmissione e le modalità di guida. Ad arricchire il quadro, nuovi comandi intuitivi che consentono una gestione precisa dell’idraulica remota grazie ad un nuovo micro-joystick o un joystick multifunzione.

 

DUE NUOVI POTENTI MODELLI E L’OPZIONE DELLA TRASMISSIONE A VARIAZIONE CONTINUA DYNA-VT PER LA SERIE MF 8S

MF 8S.305

A rappresentare il meglio della nuova era di trattori Massey Ferguson semplici, affidabili e a connettività totale, poi, la nuova serie MF 8S, che, lanciata nel luglio dello scorso anno, segna ora nuovi traguardi in termini di comfort, visibilità, massima trazione e facilità di utilizzo.

Tra le novità di punta annoverate dai nuovi MF 8S spiccano la maggiore potenza e l’ingresso della trasmissione continua Dyna-VT, ai vertici per affidabilità e prestazioni, che permette di toccare i massimi livelli sul piano della precisione operativa e del comfort di guida. Nuova opzione di trasmissione, quindi, che si affianca al conveniente semipowershift Dyna-7, che coniuga tecnologia e risparmio di carburante, e alla trasmissione Dyna E-Power con tecnologia a doppia frizione, che garantisce comfort, massima potenza trasmessa a terra e grande efficienza in termini di consumi di gasolio.

MF 8S.305

L’introduzione della nuova trasmissione Dyna-VT sulla serie MF 8S ha coinciso con l’arrivo di due nuovi potenti modelli, l’MF 8S 285 e l’MF 8S 305 eroganti potenze pari, rispettivamente, a 285 e 305 cavalli, connotati da un ottimale rapporto peso potenza, ideali per impieghi gravosi ma versatili e leggeri in modo da preservare il suolo e limitare il compattamento.

 

MF E-LOADER, NUOVA FUNZIONE DI CONTROLLO AUTOMATIZZATO CHE OTTIMIZZA LE OPERAZIONI DI CARICO

Così oggi è salito a sei il numero totale di modelli in cui si declina la serie MF 8S Dyna.VT, ora disponibile anche con la nuova funzione di controllo automatizzato MF E-Loader – altra novità presentata da Massey Ferguson in occasione dell’evento Born to Farm – che contribuisce ad incrementare l’efficienza, la precisione, la produttività e la sicurezza nelle operazioni con il caricatore frontale.

La nuova funzione MF E-Loader prevede tra l’altro, infatti, la possibilità di misurare in modo semplice il carico movimentato e il peso totale dei differenti materiali caricati, salvando i parametri nello stesso momento. E, per un maggiore comfort di lavoro, tutto può essere agevolmente gestito dal monitor touchscreen Datatronic 5, evitando di dover utilizzare monitor aggiuntivi.

 

LA NUOVA GENERAZIONE DI SOLLEVATORI TELESCOPICI AD USO AGRICOLO MF TH

MF TH 8043

Ulteriore novità di prodotto presentata da Massey Ferguson lo scorso 3 luglio è la nuova gamma di sollevatori telescopici ad uso agricolo MF TH: sei modelli rinnovati a 360 gradi all’insegna di maggiori prestazioni, produttività, precisione, ergonomia e comfort.

Abbinati alla trasmissione idrostatica, i nuovi motori conformi allo Stage V, con potenze che vanno da 100 a 135 cavalli, offrono curve di coppia e potenza più costanti e più alte ai bassi regimi, in favore di un minor consumo di carburante, oltre a componenti facilmente accessibili per una più semplice manutenzione quotidiana.

Rivisto anche il design dei nuovi MF TH, che ora si propongono con una nuova forma arrotondata ed un cofano dalla linea più dinamica, più basso e spiovente. Rinnovate poi le moderne cabine, che hanno però conservato l’esclusiva conformazione asimmetrica, facilmente accessibili e caratterizzate da una migliorata (del 15 per cento) visibilità laterale (prevista adesso, per la massima sicurezza, anche una fotocamera posteriore opzionale, con attivazione manuale o automatica).

MF TH 6030

Sul fronte dimensioni, la nuova cabina presenta una larghezza di 90 centimetri da un montante all’altro ed un’altezza interna, da pavimento a tetto, incrementata a 1,54 metri, pur mantenendo un’altezza complessiva della macchina di 2,45 metri. Per accedere ad edifici bassi, inoltre, i telescopici compatti raggiungono invece un’altezza massima di 2,10 metri con pneumatici da 20 pollici.

Sui sollevatori telescopici agricoli di ultima generazione lanciati da Massey Ferguson, poi, va segnalata la presenza di molti nuovi controlli – vedi l’esclusivo Power Control e il nuovo ergonomico joystick che può essere montato sul bracciolo integrato in un nuovo sedile di alta qualità dotato di sospensioni pneumatiche longitudinali e riscaldamento – nonché il nuovo display di facile navigazione da 5 o 7 pollici.

 

LE MISURE A FAVORE DI UN’AGRICOLTURA SOSTENIBILE

Ma la nuova era di Massey Ferguson, nell’ottica delle misure a favore di un’agricoltura sostenibile, non si limita a proporre macchine intelligenti e in grado di dimostrare un minore impatto ambientale, ma offre una nuova gamma di servizi digitali che contribuiscono alla crescita degli agricoltori tramite pratiche più sostenibili, ottimizzando i tempi di attività, riducendo i costi di esercizio e massimizzando il ritorno dell’investimento.

Parole chiave in questo ambito: connettività e agricoltura di precisione, sempre basate sulle migliori tecnologie che, nella filosofia Massey Ferguson, sono quelle facili da usare e capaci di fornire un grande valore agli agricoltori senza complicare l’uso dei prodotti della casa costruttrice. Tecnologie pragmatiche, insomma.

 

SISTEMA PREDITTIVO DI TELEMETRIA MF CONNECT

Soluzioni, dunque, semplici e affidabili come il sistema di telemetria MF Connect che registra in continuo l’attività e i movimenti delle macchine, offrendo una gestione più intelligente delle informazioni relative al trattore o alla mietitrebbia ed una manutenzione predittiva.

MF Connect utilizza un sistema cloud sicuro per trasferire i dati della macchina direttamente al computer dell’azienda o all’app dello smartphone. Così gli agricoltori hanno sempre sotto controllo la posizione della macchina, i consumi di carburante, la necessità di rifornimento e le condizioni generali del mezzo, con conseguente semplificazione del processo decisionale.

Previo consenso da parte degli agricoltori, inoltre, i dati possono essere trasferiti al nuovo centro di monitoraggio Massey Ferguson di Beauvais, attraverso il quale il team di assistenza tecnica e il concessionario locale del marchio possono individuare la necessità di interventi di manutenzione o riparazione prima che si verifichino problemi più gravi.

La manutenzione preventiva rappresenta un elemento in grado di fare la differenza e di rendere le flotte di macchine più efficienti, ad esempio gestendo da remoto l’assistenza e la disponibilità dei ricambi. Questo servizio va ad aggiungersi al programma Massey Ferguson Always Running, attivo in otto mercati europei con oltre 1.000 trattori a disposizione dei clienti della casa inglese che necessitano di una macchina di cortesia per non interrompere la propria attività.

Disponibile su tutti i trattori della gamma Massey Ferguson a sei cilindri e sulla mietitrebbia MF Ideal (tramite un abbonamento di cinque anni incluso di serie), MF Connect viene fornito in opzione su ogni trattore e mietitrebbia compatibile.

 

MF GUIDE, SECTION CONTROL E VARIABLE RATE CONTROL, PER LA PRECISION FARMING

Sotto i riflettori dell’evento online Born to Farm anche le nuove soluzioni per l’agricoltura di precisione e l’agricoltura digitale, all’insegna, come detto, della pragmaticità. In primo piano pertanto MF Guide, Section Control e Variable Rate Control, che consentono di regolare facilmente le traiettorie a linee o pivot e di modificare le mappe di prescrizione, tutti integrati nei nuovi terminali Datatronic 5 e Fieldstar 5 grazie ad una nuova interfaccia intuitiva.

Tutto questo, viene specificato, permette di ridurre le sovrapposizioni del 3-10 per cento e consente un interessante risparmio in termini di carburante, tempo, investimenti e fatica, per concentrarsi in questo modo su ciò che conta realmente per il lavoro nei campi. I test condotti sui 100 ettari della Future Farm di Agco, in Svizzera – è stato riferito – hanno registrato, grazie all’uso del pacchetto completo di controllo delle sezioni e della guida, un risparmio annuo pari a circa 5.000 euro in applicazioni come semina, aratura, distribuzione di fertilizzante, cura delle colture e raccolta.

 

COLLEGAMENTO DIRETTO AI SISTEMI INFORMATIVI DI GESTIONE AGRICOLA CON TASK DOC PRO

Con Task Doc Pro, infine, tutti i dati di lavoro vengono trasmessi in modalità wireless dalla macchina ai sistemi informativi di gestione dell’azienda e viceversa, come pure ai partner selezionati dall’utente tramite il cloud sicuro Agrirouter. E questo consente di gestire flotte multi-marchio, oltre a fornire agli agricoltori l’accesso tempestivo ai partner preferiti (ad esempio gli agronomi), in modo da prendere decisioni supportate dai dati per migliorare l’efficienza e il rendimento.

Tra gli altri vantaggi forniti da Task Doc Pro, la possibilità di elaborare mappe di applicazione, di ottimizzare i processi produttivi e di incrementare i raccolti, con l’opportunità di sviluppare anche  una ricca documentazione, utile in caso di richieste per sussidi locali, come ad esempio quelli previsti dal Green Deal europeo per la promozione dell’agricoltura 4.0.

«Vorrei sottolineare il fatto che una parte importante di questi servizi di agricoltura intelligente e connessa viene fornita come standard all’interno di pacchetti economicamente vantaggiosi, mirati ad aumentare la precisione e a ridurre i costi operativi, consentendo agli utilizzatori di scegliere la soluzione più adatta alle specifiche esigenze», ha dichiarato Jérôme Aubrion, senior manager per la divisione Product Lines, Marketing Leaders di Massey Ferguson Europa e Medio Oriente.

 

RINNOVATO ENTRO LA FINE DI QUEST’ANNO IL 90 PER CENTO DELL’INTERA LINEA DI PRODOTTI MASSY FERGUSON

Tutte novità, quelle presentate all’evento Born to Farm, che avvicinano sempre più Massey Ferguson al traguardo di una gamma completa di prodotti per ogni esigenza.

«La nuova gamma Massey Ferguson di macchine agricole semplificate e affidabili, intelligenti e sostenibili, è diventata una realtà – ha affermato con soddisfazione Lhotte -. A seguito di un’operazione avviata nel 2019, infatti, entro la fine di quest’anno sarà stato rinnovato il 90 per cento dell’intera linea di  prodotti».

Una rinnovata offerta aperta ad accogliere quindi, accanto ad una rigenerata gamma di trattori con potenze comprese tra 45 e 405 CV e prestazioni elevate (linea S) o di medio livello (linea M), i nuovi sollevatori telescopici agricoli confortevoli e ancora più produttivi e mietitrebbie Stage V a scuotipaglia o rotative. E poi una ampliata gamma di attrezzi e, in particolare per le aziende zootecniche, casearie e miste, una linea completa di falciatrici, ranghinatori, voltafieno, presse e fasciatori allo scopo di garantire fieno e foraggio di qualità per il bestiame.

 

© Stefania Capponi

 

L'azienda del mese
Sotto i riflettori
trattori breaking news